Informazione

Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati


William Allen White era un sostenitore di una "politica filo-britannica" nella seconda guerra mondiale e nel maggio 1940 istituì il Comitato per la difesa dell'America aiutando gli alleati (CDAAA). White ha rilasciato un'intervista a Chicago Daily News dove ha sostenuto: "Ecco una lotta di vita o di morte per ogni principio che abbiamo a cuore in America: per la libertà di parola, di religione, di voto e di ogni libertà che sostiene la dignità dello spirito umano... Qui tutti i diritti per cui l'uomo comune ha combattuto per mille anni sono minacciati... È giunto il momento in cui dobbiamo gettare sulla bilancia l'intero peso morale ed economico degli Stati Uniti dalla parte dei popoli liberi dell'Europa occidentale che combattono la battaglia per uno stile di vita civile”. Non passò molto tempo prima che l'organizzazione di White avesse 300 capitoli a livello nazionale. nel maggio 1940.

Altri membri del CDAAA includevano Clark M. Eichelberger (direttore nazionale), Adlai Stevenson, John J. Pershing, Claude Pepper e Philip Dunne. I membri del CDAAA hanno sostenuto che sostenendo che il supporto di materiale militare americano alla Gran Bretagna era il modo migliore per tenere gli Stati Uniti fuori dalla guerra in Europa. Il CDAAA era in forte disaccordo con l'America First Committee, il principale gruppo di pressione che sosteneva la completa neutralità e il non intervento nella guerra.

La preoccupazione principale del CDAAA era quella di "aiutare gli alleati". Tuttavia, adottarono anche diversi obiettivi concreti: la vendita di cacciatorpediniere alla Gran Bretagna; il rilascio da parte del governo degli Stati Uniti di fortezze volanti, aerei da inseguimento e zanzariere in Gran Bretagna; l'uso di convogli per scortare in sicurezza i rifornimenti alleati; e la revisione del Neutrality Act del 1935 per armare le navi statunitensi per la difesa dagli attacchi dell'Asse.

Il Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati ha svolto un ruolo importante nell'approvazione del Lend-Lease Act l'11 marzo 1941. La legislazione ha conferito al presidente Franklin D. Roosevelt i poteri di vendere, trasferire, scambiare, prestare attrezzature a qualsiasi paese per aiutarlo a difendersi dalle potenze dell'Asse. Una somma di $ 50 miliardi è stata stanziata dal Congresso per Lend-Lease. Il denaro è andato a 38 paesi diversi con la Gran Bretagna che ha ricevuto oltre 31 miliardi di dollari.

Il CDAAA ha rifiutato di sostenere l'intervento militare nella guerra. William Stephenson come capo del British Security Coordination (BSC), trovò questo frustrante e incoraggiò William Donovan e Allen W. Dulles, con il supporto dell'agente BSC, Sydney Morrell, a stabilire il Fight for Freedom (FFF) pro-intervento. gruppo nell'aprile 1941.

Ecco una lotta di vita o di morte per ogni principio che abbiamo a cuore in America: per la libertà di parola, di religione, di voto e di ogni libertà che sostiene la dignità dello spirito umano... È giunto il momento in cui dobbiamo gettare bilancia l'intero peso morale ed economico degli Stati Uniti dalla parte dei popoli liberi dell'Europa occidentale che combattono la battaglia per uno stile di vita civile.


Lettere, 1940-1941, n.d., a Lewis Mumford.

Giornalista americano noto come "Saggio di Emporia" proprietario ed editore della "Emporia Gazette". Dalla descrizione di Papers of William Allen White, 1890-1940 [manoscritto]. (Università della Virginia). ID record WorldCat: 647837106 Giornalista. Dalla descrizione di Lettere, 1889-1945. (Sconosciuto). ID record WorldCat: 122644557 Vincitore del premio Pulitzer Emporia, Kansas, editore di giornali e autore. Dalla descrizione della lettera di William Allen White.

Kingdon, Frank, 1894-1972

Il dottor Frank Kingdon era un educatore, ministro metodista e scrittore. Ha servito come presidente della Newark University. Dalla descrizione della collezione Frank Kingdon, 1928-1946. (Biblioteca pubblica Plainview-Old Bethpage). ID record WorldCat: 725547772 .

Atkinson, Alfred

Canby, Henry Seidel, 1878-1961

Scrittore, editore, critico. Dalla descrizione di Reminiscences of Henry Seidel Canby e Amy Loveman: storia orale, 1955. (Columbia University nella città di New York). ID record WorldCat: 122481130 Epiteto: editore di 'Saturday Review of Literature' British Library Archives and Manuscripts Catalogue : Person : Description : ark:/81055/vdc_100000000758.0x0001e2 Canby era un critico, editore e professore della Yale University (1899-1922 ). È stato uno dei fondatori.

Eichelberger, Clark M. (Clark Mell), 1896-1980

Clark Mell Eichelberger (1896-1980) fu docente di affari nazionali e internazionali con il Radcliffe Chautauqua System dal 1922 al 1928. Fu nominato direttore dell'ufficio del Mid-West della Società delle Nazioni nel 1928 e divenne direttore del National organizzazione nel 1934. Il nome dell'organizzazione fu cambiato in Associazione Americana delle Nazioni Unite (AAUN) nel 1945 ed Eichelberger continuò a servire come direttore esecutivo fino al 1964. Quando l'AAUN era m.

Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati

Il Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati fu fondato nel maggio 1940 da William Allen White e Clark M. Eichelberger per mobilitare il sostegno americano contro le potenze dell'Asse prima dell'ingresso degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. L'organizzazione fu sciolta nel gennaio 1942. Dalla descrizione di Records of the Committee to Defend America by Aiding the Allies, 1940-1942. (Biblioteca dell'Università di Princeton). ID record WorldCat: 84433568 Il Comitato per la difesa.


Social network e contesto archivistico

SNAC è un servizio di scoperta per persone, famiglie e organizzazioni che si trovano all'interno di collezioni archivistiche presso istituzioni del patrimonio culturale.


Classificazione di tipo II

* La classificazione dei soggetti è derivata dai nomi e dagli obiettivi dell'organizzazione.
** Gli SDG delle Nazioni Unite sono collegati alla classificazione del soggetto.

Termini di utilizzo

UIA consente agli utenti di accedere e utilizzare le informazioni contenute nei suoi database solo per uso interno dell'utente e scopi di valutazione. Un utente non può riconfezionare, compilare, ridistribuire o riutilizzare uno o tutti i database UIA o i dati* in essi contenuti senza previa autorizzazione da parte dell'UIA.

I dati dalle risorse del database non possono essere estratti o scaricati in blocco utilizzando script automatici o altri strumenti software esterni non forniti all'interno delle stesse risorse del database. Se il tuo progetto di ricerca o l'utilizzo di una risorsa di database comporterà l'estrazione di grandi quantità di testo o dati da una risorsa di database, contattaci per una soluzione personalizzata.

UIA si riserva il diritto di bloccare l'accesso per uso abusivo del Database.

* Per dati si intendono tutti i dati e le informazioni disponibili nel database, inclusi ma non limitati a: dati grezzi, numeri, immagini, nomi e informazioni di contatto, loghi, testo, parole chiave e collegamenti.


50d. L'arsenale della democrazia


Sebbene a corto di aerei e piloti, la Royal Air Force britannica riuscì a tenere a bada la Luftwaffe di Hitler durante la Battaglia d'Inghilterra.

Due giorni dopo che Gran Bretagna e Francia dichiararono guerra alla Germania nazista, il presidente Roosevelt emise un proclama di neutralità e ordinò la sospensione delle vendite di munizioni a tutti i belligeranti. Ma Roosevelt ha smesso di chiedere agli americani di rimanere emotivamente neutrali nel conflitto europeo. FDR sapeva che l'unica possibilità che la Gran Bretagna e la Francia avrebbero avuto per sconfiggere il Reich tedesco era di avere ampie scorte di armi. Ha immediatamente iniziato a fare pressioni sul Congresso per revocare l'embargo sulle armi.

La richiesta era semplice. Consentire il commercio di munizioni con le nazioni belligeranti su base "cash and carry". Non ci sarebbe alcun pericolo per le navi americane se gli Alleati dovessero trasportare i rifornimenti sulle proprie navi. Gli isolazionisti erano preoccupati, ma il sostegno all'iniziativa del presidente era abbastanza forte. Il Neutrality Act del 1939 pose fine all'embargo sulle armi e permise la vendita di munizioni su base "cash and carry".

Nel frattempo, la guerra europea sembrava essere più un discorso che un'azione. Durante l'autunno e l'inverno del 1939-40, Stalin trasferì le truppe sovietiche negli stati sovrani dell'Europa orientale, inclusa la Polonia orientale, ma la Wehrmacht di Hitler rimase in silenzio. Gli europei scherzavano nervosamente su una "guerra fasulla" mentre l'inverno volgeva al termine.

Improvvisamente, il 9 aprile 1940, la guerra lampo tedesca si spostò rapidamente in Danimarca e Norvegia. Con il passare delle settimane, la macchina da guerra tedesca avanzò costantemente attraverso i Paesi Bassi, il Belgio, il Lussemburgo e nel nord della Francia. Hitler arrivò in Francia per firmare i termini della resa francese. Gli sfortunati francesi furono costretti a sottomettersi ai tedeschi nello stesso vagone ferroviario ai quali i tedeschi si arresero ventidue anni prima alla fine della prima guerra mondiale. La Gran Bretagna era l'unica democrazia in Europa in aperta opposizione alla Germania.


Per non essere da meno dell'"arsenale della democrazia" in espansione, anche la produzione tedesca aumentò durante la seconda guerra mondiale.

Il nuovo primo ministro Winston Churchill implorò disperatamente Roosevelt per l'assistenza. Nell'estate del 1940, Hitler lanciò l'Operazione Sea Lion, un assalto totale alla terraferma britannica. La Royal Air Force della Gran Bretagna ha combattuto la Luftwaffe tedesca nella più grande battaglia aerea della storia mentre gli americani guardavano nervosamente.

Lentamente ma inesorabilmente l'opinione pubblica americana si spostò verso l'aiuto agli inglesi. Il Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati ha lanciato una campagna di propaganda per mobilitare il pubblico americano. Gruppi come l'America First Committee, che conteneva americani di spicco come Charles Lindbergh, insistevano che una difesa emisferica fosse la scelta più saggia da seguire per gli Stati Uniti. C'era un grande dibattito.

Miracolosamente la Gran Bretagna tenne testa alla Germania mentre l'America deliberava. Nel settembre 1940, gli Stati Uniti accettarono il trasferimento di 50 vecchi cacciatorpediniere alla flotta britannica in cambio di basi navali nell'emisfero occidentale. Aiutando direttamente gli Alleati, l'America non poteva più nascondersi dietro lo scudo della neutralità. Su sollecitazione di Roosevelt, il Congresso autorizzò la costruzione di nuovi aerei per difendere la costa americana. Il Congresso emanò anche la prima bozza in tempo di pace nella storia della nazione nel settembre 1940. L'argomento interventista sembrava prevalere, ma il dibattito continuò nel 1941.


Il Congresso alla fine approvò il Lend-Lease Act, ma non senza molti dibattiti. Il senatore Robert Taft ha sostenuto che la legge ha permesso agli Stati Uniti "di portare avanti una sorta di guerra non dichiarata".

Il Destroyer Deal è stato utile, ma la Gran Bretagna semplicemente non aveva le riserve finanziarie per pagare tutte le armi di cui aveva bisogno. Roosevelt temeva un'altra crisi del debito del dopoguerra, quindi escogitò un nuovo piano chiamato Lend-Lease. Roosevelt ha riflettuto pubblicamente che se la casa di un vicino va a fuoco, nessuno gli vende un tubo per spegnerlo. Il buon senso ha dettato che il tubo viene prestato al vicino e restituito quando l'incendio si è spento. Gli Stati Uniti potrebbero semplicemente prestare alla Gran Bretagna i materiali di cui avrebbe bisogno per combattere la guerra. Quando la guerra fosse finita, sarebbero stati restituiti. Il Congresso ha discusso animatamente sulla proposta. Il senatore Robert Taft ha ribattuto: "Prestare attrezzature da guerra è un buon affare come prestare gomme da masticare. Non lo vuoi indietro".

Nel marzo 1941, dopo molte controversie, il Congresso approvò il Lend-Lease Act, che alla fine stanziava 50 miliardi di dollari di aiuti agli Alleati. Nel frattempo Roosevelt iniziò un terzo mandato senza precedenti.

La neutralità non era più una facciata dietro la quale l'America poteva nascondersi. Hitler vide Lend-Lease come equivalente a una dichiarazione di guerra e ordinò attacchi alle navi americane.

Roosevelt ha esortato il Congresso e gli americani ad agire. Nel suo famoso discorso Four Freedom enumera quali sono i diritti di ogni cittadino del mondo e perché è importante per l'America aprire la strada:

Il Congresso vacillava ancora. Roosevelt si incontrò con Churchill nell'estate del 1941 e accettò la Carta Atlantica, una dichiarazione che delineava gli obiettivi della guerra anglo-americana. A questo punto, gli Stati Uniti erano disposti a impegnare quasi tutto per la macchina da guerra alleata e sborrare denaro, risorse e diplomazia.


Il William Allen White News Service del Comitato, guidato da John Balderston, aveva sede presso il Rockefeller Center di New York, insieme al British Security Coordination e a una serie di altri fronti. Δ]

Il Comitato ha agito da ritaglio BSC nella sponsorizzazione di trasmissioni di propaganda sulla stazione radio WRUL. Ε] È stato anche uno dei numerosi fronti britannici che hanno sponsorizzato i sondaggi di opinione della Market Analysts Inc. controllata da BSC. Ζ]

Nel 1941, David Dubinsky assunse Jay Lovestone per dirigere la divisione del lavoro del Comitato. Η]


Scopri l'Olocausto

Queste risorse online aggiuntive del Museo del memoriale dell'Olocausto degli Stati Uniti ti aiuteranno a saperne di più sull'Olocausto e a fare ricerche sulla storia della tua famiglia.

Enciclopedia dell'Olocausto

L'Enciclopedia dell'Olocausto fornisce una panoramica dell'Olocausto utilizzando testi, fotografie, mappe, manufatti e storie personali.

Centro risorse sopravvissuti e vittime dell'Olocausto

Ricerca la storia familiare relativa all'Olocausto ed esplora le collezioni del Museo sui singoli sopravvissuti e vittime dell'Olocausto e della persecuzione nazista.

Enciclopedia dei campi e dei ghetti

Scopri oltre 1.000 campi e ghetti nel Volume I e II di questa enciclopedia, che sono disponibili come download PDF gratuito. Questo riferimento fornisce testo, fotografie, grafici, mappe e indici estesi.


Biografico / Storico

Florence Ledyard Cross Kitchelt nacque a Rochester, New York, il 17 dicembre 1874 da Frederick Holland e Jennie Ledyard (Wilcox) Cross. Ha frequentato il Wells College di Aurora, New York, laureandosi nel 1897 con un A.B. Durante la sua prima carriera Kitchelt è stata un'operatrice di riforma sociale in una serie di case di insediamento a New York City e nello stato. Subito dopo il college Kitchelt era residente e volontario che si prendeva cura di giovani dipendenti e delinquenti presso la George Junior Republic a Freeville, New York. Trascorse i successivi quattro anni lavorando per il College Settlement nel Lower East Side di Manhattan e la sua sede estiva a Mount Ivy, New York. Nel 1903 era la direttrice di un insediamento italoamericano chiamato "Little Italy House" a Brooklyn, New York. Per un breve periodo nel 1904 fu addetta alla sorveglianza volontaria per le donne presso il riformista Essex Market Court. Dal 1904 al 1905 Kitchelt lavorò alla Lowell House di New Haven, nel Connecticut.

Dopo aver trascorso diversi mesi in Italia per conoscere le condizioni da cui provenivano i suoi numerosi casi di immigrati, Kitchelt è tornata nella sua città natale di Rochester, New York. Nel 1907 aprì "The Housekeeping Center" in un quartiere italiano lì, e il centro funzionò sotto la sua supervisione fino al 1910. Nel giugno 1911, sposò l'agitatore socialista di New York Richard Kitchelt.

Nel 1915 Florence Kitchelt era diventata una suffragetta, continuando il suo lavoro quando si trasferì a New Haven, nel Connecticut, tre anni dopo. Lì divenne la direttrice della cittadinanza della Connecticut League of Women Voters nel 1920 e servì come direttrice esecutiva del ramo del Connecticut della League of Nations Association (CLNA) per vent'anni a partire dal 1924. Nel 1943 fu presidente del Connecticut Committee for the Equal Rights Amendment, un gruppo che ha sostenuto fino al 1956, quando lei e suo marito si sono trasferiti in Ohio per vivere con la sorella di Florence, Dorothy Zeiger.

Kitchelt era anche un attivista per la pace dedicato e ha lavorato con una varietà di organizzazioni per perseguire obiettivi pacifisti, tra cui il Connecticut Council on International Relations, il National Council for the Prevention of War e la Women's International League for Peace and Freedom.

Per tutta la sua vita, Kitchelt è stata un'attiva socialista, pacifista, membro della società unitaria e autrice di diversi libri di poesie, un'opera in prosa chiamata The World's Work e editore della rivista di Rochester The Common Good. Morì a Wilberforce, Ohio, il 4 aprile 1961.


Lo stordimento dell'America

"I nostri figli stanno imparando?" come ha chiesto notoriamente George W. Bush.

Beh, no, non stanno imparando, specialmente la storia del loro paese, la materia scolastica in cui i giovani d'America si esibiscono al peggio.

Nei test di storia dati a 31.000 alunni dal National Assessment of Education Progress, la "Nation's Report Card", la maggior parte degli alunni di quarta elementare non è riuscita a identificare un'immagine di Abraham Lincoln o una ragione per cui era importante.

La maggior parte degli studenti di terza media non riusciva a identificare un vantaggio che le forze americane avevano nella guerra rivoluzionaria. I ragazzi di prima media non sapevano perché l'America fosse entrata nella seconda guerra mondiale o che la Cina fosse stata alleata della Corea del Nord nella guerra di Corea.

Solo il 20 percento degli alunni di quarta elementare ha ottenuto anche un punteggio "competente" nel test. Entro la terza media, solo il 17% è stato giudicato competente. Entro il 12° grado, il 12 percento. Solo una piccola frazione è stata classificata come "avanzata", indicando una conoscenza superiore della storia americana.

Dato un estratto dalla decisione della Corte Suprema del 1954 Brown v. Board of Education - "Concludiamo che nel campo dell'istruzione pubblica, non c'è posto separato ma uguale, le strutture educative separate sono intrinsecamente diseguali" - e ci siamo chiesti quale problema sociale il corte stava cercando di correggere, il 2% degli studenti delle scuole superiori ha risposto "segregazione".

Poiché si trattava di domande a scelta multipla, osserva Diane Ravitch, la storica dell'educazione, la risposta "era proprio di fronte a loro".

È stato mostrato un poster pubblicato dal Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati, intorno al 1940, e la domanda è stata posta: "Il poster qui sopra cerca di proteggere l'America e aiutare la Gran Bretagna nella lotta contro . " Quattro paesi sono stati elencati come possibili risposte.

La maggioranza non ha identificato la Germania, sebbene il manifesto contenesse un indizio. Lo stivale che stava per calpestare la Statua della Libertà aveva un'enorme svastica sulla suola.

"Stiamo crescendo giovani che sono, nel complesso, storicamente analfabeti", ha detto lo storico David McCullough al Wall Street Journal.

"I libri di storia", ha aggiunto McCullough, "sono "scritti male". Ai personaggi molto minori che sono attualmente di moda viene dato uno spazio considerevole, mentre alle persone di grande importanza" - come l'inventore Thomas Edison - "viene dato pochissimo spazio o nessuno".

Le tendenze e le minoranze hanno la loro sensibilità massaggiata nella nuova storia, che è, dice McCullough, "spesso insegnata in categorie - storia delle donne, storia afroamericana, storia ambientale - in modo che molti studenti non abbiano il senso della cronologia. nessuna idea di cosa seguito cosa."

Ma se le generazioni che escono dalle nostre scuole non conoscono il nostro passato, chi siamo o cosa abbiamo fatto come popolo, come arriveranno ad amare l'America, a confutare i suoi nemici oa guidarla con fiducia?

Questa spaventosa ignoranza tra i giovani americani deve essere posta ai piedi di un'industria dell'istruzione che ha consumato trilioni di dollari di tasse negli ultimi decenni.

Arriva la replica: la storia è stata trascurata perché Bush, con No Child Left Behind, ha enfatizzato eccessivamente la lettura e la matematica.

Tuttavia, lo stesso giorno in cui sono stati riportati i punteggi della storia della NAEP, il New York Times ha riportato il rendimento scolastico degli studenti delle scuole superiori dello stato di New York in matematica e inglese. I risultati sono stati sorprendenti.

Degli studenti statali che sono entrati in prima media nel 2006, solo il 37% era pronto per l'università entro giugno 2010. A New York City, la cifra era del 21%, uno su cinque, pronto per l'università.

A Yonkers, il 14,5% degli studenti che sono entrati nelle scuole superiori nel 2006 era pronto per l'università nel giugno 2010. Nella contea di Rochester, la cifra era del 6%.

E il divario razziale, 45 anni dopo che i governi federale e statale hanno intrapreso sforzi eroici per chiuderlo, è spalancato in tutto l'Empire State.

Mentre il 51 percento delle matricole bianche nel 2006 e il 56 percento degli studenti asiatici erano pronti per il college nel giugno 2010, solo il 13 percento degli studenti neri dello stato di New York e il 15 percento degli ispanici erano ritenuti pronti.

Le implicazioni di questi test sono allarmanti, non solo per New York, ma per il paese che diventeremo in questo secolo.

Nel 1960 c'erano 18 milioni di neri americani e pochi ispanici su una popolazione totale di 160 milioni. Entro il 2050, gli afroamericani e gli ispanici messi insieme, a 200 milioni, saranno all'incirca uguali in numero agli americani bianchi.

Se il divario razziale nei risultati accademici persiste per i prossimi 40 anni, come negli ultimi 40, praticamente tutte le posizioni superiori nella New Economy e nelle professioni basate sulla conoscenza saranno occupate da asiatici e bianchi, con neri e ispanici in gran parte relegato al settore dei servizi.

L'America dovrà quindi affrontare una crisi sia razziale che di classe.

L'unico modo per ottenere l'uguaglianza di ricompense e risultati sarà quindi attraverso l'uso incessante del potere redistributivo del governo: aliquote fiscali elevate per chi ha successo e trasferimenti annuali di ricchezza per chi ha meno successo. Sarà azione affermativa, preferenze razziali, quote etniche e annullamento dei contratti, all'infinito, non una prescrizione per la pace razziale o la tranquillità sociale.


Informazioni biografiche/storiche

Clark Mell Eichelberger (1896-1980) nacque a Freeport, Illinois, figlio di Joseph Elmer e Olive (Clark) Eichelberger. La famiglia discendeva da coloni svizzeri e inglesi venuti in America prima della Rivoluzione. Durante W.W.I. Eichelberger ha prestato servizio con l'A.E.F. in Francia. I suoi studi universitari alla Northwestern furono interrotti dalla guerra e non prese mai una laurea. Dopo aver familiarizzato con le operazioni della neonata Società delle Nazioni a Ginevra, Eichelberger divenne docente (1922-28) sugli affari nazionali e internazionali con il Radcliffe Chautauqua System. Nel 1928 fu nominato direttore del Midwest Office a Chicago della League of Nations Associations (LNA), e nel 1934 assunse la direzione dell'organizzazione nazionale di New York. Quando il nome dell'LNA fu cambiato (1945) in American Association of the United Nations (AAUN), Eichelberger continuò come direttore esecutivo dell'organizzazione fino al 1964.

In quell'anno l'AAUN fu fusa con il Comitato degli Stati Uniti per le Nazioni Unite per formare una nuova organizzazione denominata Associazione delle Nazioni Unite degli Stati Uniti (UNAUSA). Eichelberger è stato vicepresidente dell'UNAUSA fino al 1968, ma il suo ruolo è stato diminuito. Dopo la fusione (nel 1964) Eichelberger dedicò la maggior parte del suo tempo alla Commissione per lo Studio dell'Organizzazione della Pace (CSOP) che contribuì a fondare nel 1939, e di cui fu successivamente direttore (1939-1964), presidente (1964- 1968), e direttore esecutivo (1968-1974). Al momento della sua morte era presidente onorario del CSOP.

Altre organizzazioni a cui Eichelberger era associato o che ha contribuito a fondare includono il Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati e il suo predecessore, il Comitato non partigiano per la pace attraverso la revisione della legge sulla neutralità, il Comitato per gli sforzi concertati per la pace Cittadini per la vittoria Free World Association Americani Uniti per l'Organizzazione Mondiale e la Federazione Mondiale delle Associazioni delle Nazioni Unite.

Eichelberger è stato anche consulente (1938) del Segretariato della Società delle Nazioni, della Delegazione degli Stati Uniti alla Conferenza di San Francisco (1945), ed è stato membro del comitato che ha creato la prima bozza di lavoro della Carta delle Nazioni Unite . Fu autore di diversi libri sulle Nazioni Unite.


Il grande dibattito

Dal nostro punto di vista del 21° secolo, è difficile immaginare la seconda guerra mondiale senza gli Stati Uniti come un partecipante importante. Prima dell'attacco giapponese a Pearl Harbor nel 1941, tuttavia, gli americani erano seriamente divisi su quale dovesse essere il ruolo degli Stati Uniti nella guerra, o se addirittura dovesse avere un ruolo. Anche se la guerra ha consumato gran parte dell'Europa e dell'Asia alla fine degli anni '30 e all'inizio degli anni '40, non c'era un chiaro consenso su come gli Stati Uniti avrebbero dovuto rispondere.

Immagine in alto per gentile concessione di Associated Press

Dal nostro punto di vista del 21° secolo, è difficile immaginare la seconda guerra mondiale senza gli Stati Uniti come un partecipante importante. Prima dell'attacco giapponese a Pearl Harbor nel 1941, tuttavia, gli americani erano seriamente divisi su quale dovesse essere il ruolo degli Stati Uniti nella guerra, o se addirittura dovesse avere un ruolo. Anche se la guerra ha consumato gran parte dell'Europa e dell'Asia alla fine degli anni '30 e all'inizio degli anni '40, non c'era un chiaro consenso su come gli Stati Uniti avrebbero dovuto rispondere.

L'ambivalenza degli Stati Uniti sulla guerra è nata dal isolazionista sentimento che era stato a lungo una parte del panorama politico americano e aveva pervaso la nazione dalla prima guerra mondiale. Centinaia di migliaia di americani furono uccisi o feriti durante quel conflitto, e il piano idealistico del presidente Woodrow Wilson per garantire la pace permanente attraverso la cooperazione internazionale e La leadership americana non è riuscita a diventare una realtà. Molti americani erano delusi da quanto poco avevano realizzato i loro sforzi e sentivano che essere coinvolti così profondamente sulla scena globale nel 1917 era stato un errore.

Né l'ascesa al potere di Adolf Hitler né l'escalation dell'espansionismo giapponese hanno fatto molto per cambiare la nazione isolazionista umore negli anni '30. La maggior parte degli americani credeva ancora che gli interessi della nazione fossero meglio serviti restando fuori dai conflitti stranieri e concentrandosi sui problemi interni, in particolare gli effetti devastanti della Grande Depressione. Il Congresso ha approvato una serie di Neutralità Agisce alla fine degli anni '30, con l'obiettivo di prevenire il coinvolgimento futuro in guerre straniere vietando ai cittadini americani di commerciare con nazioni in guerra, prestando loro denaro o viaggiando sulle loro navi.

Ma nel 1940, il deterioramento della situazione globale era impossibile da ignorare. La Germania nazista aveva annesso Austria e Cecoslovacchia e aveva conquistato Polonia, Belgio, Paesi Bassi e Francia. La Gran Bretagna era l'unica grande potenza europea rimasta in piedi contro la macchina da guerra di Hitler. L'urgenza della situazione ha intensificato il dibattito negli Stati Uniti sul fatto che gli interessi americani fossero meglio serviti restando fuori o lasciandosi coinvolgere.

isolazionisti credeva che la seconda guerra mondiale fosse in definitiva una disputa tra nazioni straniere e che gli Stati Uniti non avessero buone ragioni per essere coinvolti. La migliore politica, sostenevano, era che gli Stati Uniti costruissero le proprie difese ed evitassero di inimicarsi entrambe le parti. Neutralità, combinato con il potere delle forze armate statunitensi e la protezione degli oceani Atlantico e Pacifico, avrebbe tenuto al sicuro gli americani mentre gli europei risolvevano i propri problemi. Isolazionista organizzazioni come l'America First Committee hanno cercato di influenzare l'opinione pubblica attraverso la stampa, la radio e le manifestazioni di massa. L'aviatore Charles Lindbergh e il popolare sacerdote radiofonico padre Charles Coughlin erano i portavoce più potenti del Comitato. Parlando nel 1941 di un "destino americano indipendente", Lindbergh affermò che gli Stati Uniti dovrebbero combattere qualsiasi nazione che tentasse di immischiarsi negli affari dell'emisfero occidentale. Tuttavia, sosteneva, i soldati americani non dovrebbero dover "combattere chiunque nel mondo preferisca un altro sistema di vita al nostro".

Interventisti credeva che gli Stati Uniti avessero buone ragioni per essere coinvolti nella seconda guerra mondiale, in particolare in Europa. Le democrazie dell'Europa occidentale, sostenevano, erano una linea di difesa fondamentale contro la forza in rapida crescita di Hitler. Se nessuna potenza europea rimanesse come freno contro la Germania nazista, gli Stati Uniti potrebbero rimanere isolati in un mondo in cui i mari e una quantità significativa di territorio e risorse erano controllati da un unico potente dittatore. Sarebbe, come ha affermato il presidente Franklin Delano Roosevelt, come "vivere puntato su una pistola" e il cuscinetto fornito dal Pacifico e dall'Atlantico sarebbe inutile. Alcuni interventisti credevano che l'azione militare degli Stati Uniti fosse inevitabile, ma molti altri credevano che gli Stati Uniti potessero ancora evitare di inviare truppe a combattere in territorio straniero, se solo Neutralità Gli atti potrebbero essere allentati per consentire al governo federale di inviare equipaggiamenti e forniture militari in Gran Bretagna. William Allen White, presidente di an interventista organizzazione chiamata il Comitato per difendere l'America aiutando gli alleati, ha rassicurato i suoi ascoltatori che lo scopo di aiutare la Gran Bretagna era di tenere gli Stati Uniti fuori dalla guerra. "Se dovessi creare un motto per [questo] Comitato", ha detto, "sarebbe 'The Yanks Are Not Coming.'"

Isolazioniste dell'America First Committee, Keep America Out of War e il picchetto della Mothers' Crusade ambasciatore britannico Lord Halifax a Chicago, 8 maggio 1941.
(Immagine: Collezione Everett storico/Alamy Stock Photo, F2AWAM.)

"Sappiamo bene che non possiamo sfuggire al pericolo, o alla paura del pericolo, strisciando nel letto e tirandoci le coperte sulla testa".


Guarda il video: Video Ledakan Bom Dahsyat Dekat Kapal Induk Terbaru Amerika Serikat (Dicembre 2021).