Informazione

Baldwin, Henry - Storia


Giustizia associata
1830-1844

Baldwin nacque a New Haven, nel Connecticut, il 14 gennaio 1780. Si laureò a Yale nel 1797. Si trasferì a Filadelfia dove studiò legge e fu ammesso all'ordine degli avvocati della Pennsylvania. Nel 1816 Baldwin fu eletto alla Camera dei Rappresentanti. Fu costretto a dimettersi dalla Camera nel 1822 a causa di problemi di salute. Si riprese e tornò al suo studio legale. Nel 1830 fu nominato alla Corte Suprema dal presidente Jackson, dove prestò servizio per quattordici anni fino alla sua morte, avvenuta il 21 aprile 1844.


Hyde nacque a Catskill, New York, il 15 febbraio 1834, figlio di Henry Hazen Hyde (1805-1873), un commerciante di successo, e Lucy Baldwin (nata Beach) Hyde (1807-1846). Ha frequentato le scuole pubbliche di Catskill e all'età di 16 anni il suo insegnante ha deciso di trasferirsi a New York City per entrare a far parte del crescente settore delle assicurazioni sulla vita. L'insegnante convinse entrambi Hydes a unirsi a lui e tutti e tre divennero agenti per la Mutual Life Insurance Company di New York.

Il giovane Hyde ha lavorato per diversi mesi a Honesdale, in Pennsylvania, prima di decidere di tornare a New York, dove è diventato impiegato per la Merritt, Ely & Company, una società di importazione e vendita all'ingrosso di merci secche. Rimase lì per due anni, per poi tornare a Mutual Life, dove suo padre era stato recentemente nominato tra i ranghi esecutivi e un posto nel consiglio di amministrazione. Hyde è cresciuto attraverso il personale del Ministero degli Interni per diventare il cassiere dell'azienda.

Vita equa Modifica

Nel marzo 1859, Hyde lasciò la Mutual Life e fondò la sua compagnia, la Equitable Life Assurance Society degli Stati Uniti. William C. Alexander inizialmente è stato presidente e Hyde è stato vicepresidente e direttore generale. Hyde successe alla presidenza dopo la morte di Alexander nel 1874, e rimase in carica fino alla sua morte.

Ha guidato l'azienda a costruire l'Equitable Life Assurance Building per la sua sede, completata il 1 maggio 1870, e ha spinto per avere i primi ascensori per passeggeri installati in quello che allora era l'edificio per uffici più alto degli Stati Uniti. [2]

Nel 1864 si sposò con Annie Fitch (1845–1922), figlia del capitano Martin Halenbeck Truesdell e di Jane Maria (nata Reed) Fitch. [3] Insieme, erano i genitori di:

  • Anna Baldwin Hyde (1865-1865), morta durante l'infanzia. (1866–1938), che sposò Sidney Dillon Ripley nel 1886. Dopo la sua morte nel 1905, sposò il banchiere Charles R. Scott nel 1912. [4]
  • Henry Baldwin Hyde (1872-1880), morto durante l'infanzia. (1876-1959), [5] che sposò Marthe Leishman (1882-1944), figlia di John George Alexander Leishman e vedova del conte Louis de Gontaut-Biron. [6]

Era un membro fondatore del Jekyll Island Club alias The Millionaires Club.

Hyde morì nella sua casa di New York il 2 maggio 1899. [1] Fu sepolto al Woodlawn Cemetery nel Bronx. [7] La ​​sua vedova morì nel 1922. [8] [9]

Modifica legacy

Hyde ha cercato di garantire che suo figlio James Hazen Hyde avrebbe continuato il controllo della società da parte della famiglia dopo la sua morte. Il più giovane Hyde è stato nominato vicepresidente della società a 22 anni e ne aveva 23 quando ha ereditato una partecipazione di maggioranza nella società. Secondo i termini del testamento di suo padre, era previsto che assumesse la presidenza della società nel 1906, ma uno sforzo concertato contro di lui da parte dell'attuale presidente e di diversi membri del consiglio di amministrazione ha portato James H. Hyde a lasciare l'azienda e trasferirsi in Francia .

Attraverso suo figlio, era nonno di Henry Baldwin Hyde (1915–1997), che sposò Marie de La Grange, figlia del barone Amaury De La Grange [10] ed Emily Eleanor, baronessa De La Grange (figlia di Henry T. Sloane), [11] nel 1941. [12] Il fratello di Marie era Henry-Louis de La Grange, musicologo e biografo di Gustav Mahler. [13]


Storia di Baldwin, stemma di famiglia e stemmi

Baldwin è uno dei nomi portati in Inghilterra nella grande ondata migratoria dalla Normandia a seguito della conquista normanna nel 1066. Si basa su elementi germanici Calvo, che significa grassetto, e vino, che significa amico o protettore.

Baldovino (m. 1098) fu abate e medico, "monaco di St. Denys", e fu fatto priore del monastero di Liberau, una cella di St. Denys, in Alsazia. Quando Edoardo il Confessore rifondò il monastero di Deerhurst e lo diede a St. Denys, Baldovino fu nominato priore di questo nuovo possesso della sua casa. " [1]

" Baldovino di Moeles (m. 1100?) era il secondo figlio di Gilberto, conte di Eu, che era nipote di Riccardo l'Impavido, e uno dei guardiani della giovinezza di Guglielmo il Conquistatore. " [1]

Baldovino (m. 1191), arcivescovo di Canterbury, nacque a Exeter da genitori poveri. "Egli ricevette un'eccellente educazione, sia nella cultura secolare che religiosa, e aveva un carattere elevato. " [1] "L'arcivescovo Baldovino, morto a Tiro nel 1191, mentre era impegnato in una crociata." [2]

Baldwin di Clare ( fl. 1141) era il "figlio più giovane di Gilbert Fitz-Richard, del ramo più anziano della linea di Gilbert, conte di Eu, nipote di Richard the Fearless. Baldovino di Redvers (m. 1155) era il figlio maggiore di Riccardo, conte di Devon, figlio di Baldovino di Moeles. " [1]

Baldovino, conte delle Fiandre (1172-1205), guidò la quarta crociata e divenne il primo imperatore latino di Costantinopoli (1204). Baldwin di Exeter o Baldwin di Forde (c.1125-1190) fu Vescovo di Worcester nel 1180 e Arcivescovo di Canterbury tra il 1185 e il 1190.

Set di 4 tazze da caffè e portachiavi

$69.95 $48.95

Prime origini della famiglia Baldwin

Il cognome Baldwin fu trovato per la prima volta nello Shropshire, dove questa antica famiglia "era presto seduta a Diddlebury, (o Delbury,) a Coverdale, che sembra provenire dall'erede di Wigley. Robert Baldwin di Diddlebury morì nel 1398 e fu antenato della famiglia." [3]

"Il Sieur de Baudewin, il cui nome ricorre del Roll [di Battle Abbey] divenne dopo la battaglia di Hastings Catellan di Montgomery. Non c'è dubbio che questo capo normanno fosse il patriarca dell'antica famiglia di Bawdewin, o Baldwyn. " [4]

"La parrocchia [di Witsbury nel Wiltshire] faceva parte dei possedimenti del Priorato di Breamore, fondato da Baldwin de Redveriis durante il regno di Enrico I. Si trova sulla terra più alta tra Hants e Wilts, con un'ampia vista sulla New Forest, e a sud verso il mare su un ampio tratto di fertile paese." [5]

Gli Hundredorum Rolls del 1273 elencano: Stephen filius Baldewyn nel Cambridgeshire Thomas Baldwyn nell'Oxfordshire Robert Baldewyne nel Cambridgeshire. [6] Successivamente, lo Yorkshire Poll Tax Rolls del 1379 elenca Johannes Bawdwyn.

Pacchetto Storia Stemma e Cognome

$24.95 $21.20

Storia antica della famiglia Baldwin

Questa pagina web mostra solo un piccolo estratto della nostra ricerca Baldwin. Altre 87 parole (6 righe di testo) che coprono gli anni 1905, 1545, 1563, 1632, 1547, 1532, 1593, 1640, 1644, 1620, 1696, 1691, 1659, 1618, 1683, 1659, 1585, 1500, 1295, 1307 e 1659 sono inclusi nell'argomento Early Baldwin History in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati, ove possibile.

Felpa con cappuccio unisex con stemma

Variazioni ortografiche di Baldwin

I cognomi normanni sono caratterizzati da una moltitudine di variazioni ortografiche. I frequenti cambiamenti nei cognomi sono in gran parte dovuti al fatto che le lingue inglese antico e medio mancavano di regole di ortografia definite. L'introduzione del francese normanno in Inghilterra, così come le lingue ufficiali di corte del latino e del francese, ha avuto anche influenze pronunciate sull'ortografia dei cognomi. Poiché gli scribi medievali e i funzionari della chiesa registravano i nomi mentre suonavano, piuttosto che aderire a regole di ortografia specifiche, era comune trovare lo stesso individuo a cui si faceva riferimento con grafie diverse. Il nome è stato scritto Baldwin, Baldwine, Baldwyn, Baldwyne, Baldwynn e altri.

I primi notabili della famiglia Baldwin (prima del 1700)

Tra i membri della famiglia in questo periodo spiccava John Baldwin (m. 1545), giudice supremo dei Common Pleas, membro dell'Inner Temple. William Baldwin o Bawden (1563-1632), era un gesuita originario della Cornovaglia. Un altro William Baldwin ( fl. 1547), era "cittadino occidentale", trascorse parecchi anni a Oxford nello studio della logica e della filosofia. Dovrebbe essere il William Baldwin che ha supplicato la congregazione dei reggenti per un master.
Altre 72 parole (5 righe di testo) sono incluse nell'argomento I primi notabili di Baldwin in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e nei prodotti stampati, ove possibile.

Migrazione della famiglia Baldwin in Irlanda

Alcuni membri della famiglia Baldwin si sono trasferiti in Irlanda, ma questo argomento non è trattato in questo estratto.
Altre 185 parole (13 righe di testo) sulla loro vita in Irlanda sono incluse in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e nei prodotti stampati, ove possibile.

Migrazione Baldwin +

Alcuni dei primi coloni di questo cognome furono:

Baldwin Coloni negli Stati Uniti nel XVII secolo
  • George Baldwin che si stabilì a Boston Massachusetts nel 1620
  • Nicholas Baldwin, che sbarcò in Virginia nel 1622 [7]
  • Hugh Baldwin, che sbarcò in Virginia nel 1623 [7]
  • Jo Baldwin, che sbarcò in Virginia nel 1635 [7]
  • William Baldwin, che sbarcò in Virginia nel 1635 [7]
  • . (Altri sono disponibili in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati ove possibile.)
Baldwin Settlers negli Stati Uniti nel XVIII secolo
  • Inc Baldwin, che arrivò in Virginia nel 1701 [7]
  • Edward Baldwin, che sbarcò nel Maryland nel 1753 [7]
  • Samuel Baldwin, sbarcato in America nel 1774 [7]
Baldwin Settlers negli Stati Uniti nel XIX secolo
  • Cath Baldwin, che arrivò a New York, NY nel 1812 [7]
  • Thomas Baldwin, sbarcato a New York nel 1822 [7]
  • Daniel Baldwin, che sbarcò nella contea di Washington, in Pennsylvania nel 1838 [7]
  • John P Baldwin, 31 anni, arrivato a Key West, in Florida, nel 1838 [7]
  • Benjamin Baldwin, che sbarcò a Mobile County, Ala nel 1840 [7]
  • . (Altri sono disponibili in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati ove possibile.)

Migrazione Baldwin in Canada +

Alcuni dei primi coloni di questo cognome furono:

Baldwin Coloni in Canada nel XVIII secolo
  • Mary e Richard Baldwin furono piantatori nel 1724 a Placienta, Terranova [8]
  • Rebecca Baldwin, che sbarcò in Nuova Scozia nel 1749
  • Luke Baldwin, che sbarcò in Nuova Scozia nel 1750
  • Mary e William Baldwin, che si stabilirono a Harbour Grace, Terranova nel 1765 [8]
  • Mr. John Baldwin U.E. nato a Philadelphia, USA che si stabilì a St. George, Charlotte County, New Brunswick c. 1783 membro dell'Associazione Penobscot [9]
  • . (Altri sono disponibili in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati ove possibile.)
Baldwin Coloni in Canada nel 19° secolo
  • Mary Baldwin, 21 anni, che arrivò a Saint John, New Brunswick nel 1833 a bordo del brigantino "Thomas Hanford" da Cork, Irlanda
  • La signora Mary Baldwin, di 25 anni, immigrata in Canada, arrivando alla stazione di quarantena di Grosse Isle in Quebec a bordo della nave "Wm S. Hamilton" in partenza dal porto di New Ross, in Irlanda, ma morta a Grosse Isle nel luglio 1847 [10]
  • Il sig. William Baldwin, di 2 mesi emigrò in Canada, arrivando alla stazione di quarantena di Grosse Isle in Quebec a bordo della nave "Wm S. Hamilton" in partenza dal porto di New Ross, Irlanda, ma morì a Grosse Isle nel luglio 1847 [10]
  • Il sig. John Baldwin, di 2 anni che stava emigrando attraverso la stazione di quarantena di Grosse Isle, Quebec a bordo della nave "Free Trader" in partenza il 22 giugno 1847 da Liverpool, in Inghilterra, la nave arrivò il 14 agosto 1847 ma morì a bordo [11]
I coloni Baldwin in Canada nel XX secolo

Migrazione Baldwin in Australia +

L'emigrazione in Australia seguì le prime flotte di detenuti, commercianti e primi coloni. I primi immigrati includono:

Baldwin Settlers in Australia nel 19° secolo
  • Miss Margaret Baldwin, (n. 1783), di 30 anni, detenuta irlandese condannata a Cork, in Irlanda, per 7 anni, trasportata a bordo della "Catherine" l'8 dicembre 1813, arrivando nel Nuovo Galles del Sud, in Australia[12]
  • Mr. Richard Baldwin, detenuto inglese condannato nel Surrey, in Inghilterra per 7 anni, trasportato a bordo dell'"Atlas" il 16 gennaio 1816, arrivando nel Nuovo Galles del Sud, Australia[13]
  • Maria Baldwin, detenuta inglese del Surrey, che fu trasportata a bordo dell'"America" ​​il 30 dicembre 1830, stabilendosi a Van Diemen's Land, in Australia[14]
  • William Baldwin, che arrivò ad Adelaide, in Australia a bordo della nave "Hooghly" nel 1839 [15]
  • Eliza Baldwin, che arrivò ad Adelaide, in Australia a bordo della nave "Fairlee" nel 1840 [16]
  • . (Altri sono disponibili in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati ove possibile.)

Migrazione Baldwin in Nuova Zelanda +

L'emigrazione in Nuova Zelanda seguì le orme degli esploratori europei, come il capitano Cook (1769-70): prima vennero cacciatori di foche, balenieri, missionari e commercianti. Nel 1838, la British New Zealand Company aveva iniziato ad acquistare terreni dalle tribù Maori e a venderli ai coloni, e, dopo il Trattato di Waitangi nel 1840, molte famiglie britanniche intrapresero l'arduo viaggio di sei mesi dalla Gran Bretagna ad Aotearoa per iniziare una nuova vita. I primi immigrati includono:

Baldwin Settlers in Nuova Zelanda nel XIX secolo
  • William Baldwin, che arrivò ad Auckland, in Nuova Zelanda a bordo della nave "Stately" nel 1851
  • Mr. William James Baldwin, (n. 1818), 33 anni, colono britannico nato nel Gloucestershire in viaggio da Londra a bordo della nave "Stately" che arriva ad Auckland, in Nuova Zelanda il 1 giugno 1851 [17]
  • William Baldwin, 38 anni, batterista, che arrivò ad Auckland, Nuova Zelanda a bordo della nave "Inchinnan" nel 1852
  • Sarah Baldwin, 35 anni, arrivata ad Auckland, Nuova Zelanda a bordo della nave "Inchinnan" nel 1852
  • Michael Baldwin, 11 anni, arrivato ad Auckland, in Nuova Zelanda, a bordo della nave "Inchinnan" nel 1852
  • . (Altri sono disponibili in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati ove possibile.)

Notabili contemporanei del nome Baldwin (post 1700) +

  • Alexander Rae "Alec" Baldwin (nato nel 1958), attore americano nominato agli Emmy e vincitore del Golden Globe Award, forse meglio conosciuto per la sua interpretazione del presidente Donald Trump
  • Edward Alfred Alexander Baldwin (1938-2021), IV conte Baldwin di Bewdley, educatore britannico, pari ereditario e membro Crossbench della Camera dei Lord
  • Peter Baldwin (1933-2015), attore britannico, noto soprattutto per il suo ruolo di Derek Wilton nella soap opera Coronation Street
  • Dalton Baldwin (1931-2019), pianista collaborativo americano che ha realizzato più di 100 registrazioni e ha vinto numerosi premi
  • Il 17 giugno 2017, il Sig. Nicholas Peter Baldwin C.B.E., Presidente britannico dell'Ufficio per la regolamentazione nucleare, è stato nominato Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico per i servizi alla sicurezza nucleare e al settore della beneficenza
  • Sig. Neil Franklin Baldwin B.E.M. (b. 1946), destinatario britannico è stato nominato Medal of the British Empire Medal il 29 dicembre 2018 per i servizi alla comunità a Newcastle-Under-Lyme, Staffordshire[18]
  • Mr. Albert Henry Edward Baldwin M.B.E., destinatario britannico del Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico il 29 dicembre 2018 per i servizi alla comunità e ai servizi locali a Sant'Elena [18]
  • Thomas Baldwin (1750-1820), architetto della città a Bath dal 1775 al 1800 circa
  • Maurice Scollard Baldwin (1836-1904), vescovo anglicano canadese di Toronto, Ontario
  • James Tennant Baldwin (1933-2018), designer industriale e scrittore americano, studente e amico intimo di Buckminster Fuller
  • . (Altri 23 notabili sono disponibili in tutti i nostri prodotti PDF Extended History e prodotti stampati ove possibile.)

Eventi storici per la famiglia Baldwin +

HMS Hood
  • Mr. Philip R Baldwin (n. 1924), marinaio ordinario inglese in servizio per la Royal Navy di Porthill, Inghilterra, che salpò in battaglia e morì nell'affondamento [19]
  • Mr. Kenneth E G Baldwin (n. 1905), Stoker inglese di 1a classe in servizio per la Royal Navy da Coleford, Gloucester, Inghilterra, che salpò in battaglia e morì nell'affondamento [19]
HMS Royal Oak
  • Albert Stephen Baldwin (1905-1939), nato a Battersea, Londra, Inghilterra, British Leading Signalman con la Royal Navy a bordo della HMS Royal Oak quando fu silurata dall'U-47 e affondò morì nell'affondamento [20]
RMS Lusitania
  • Mr. Thomas Baldwin, primo cameriere inglese dall'Inghilterra, che ha lavorato a bordo della RMS Lusitania ed è sopravvissuto al naufragio [21]
  • Mr. Edgar Baldwin, primo cameriere inglese di Wavertree, Liverpool, Inghilterra, che ha lavorato a bordo della RMS Lusitania ed è sopravvissuto all'affondamento [21]
  • Mr. Harry Bradley Baldwin, passeggero americano di 1a classe da New York, New York, USA, che salpò a bordo dell'RMS Lusitania e morì nell'affondamento [21]
  • La signora Mary Margaret Baldwin, (née MacCauley), passeggero americano di 1a classe da New York, New York, USA, che salpò a bordo dell'RMS Lusitania e morì nell'affondamento [21]

Storie correlate +

Il motto di Baldwin +

Il motto era originariamente un grido di guerra o uno slogan. I primi motti iniziarono ad essere mostrati con le armi nel XIV e XV secolo, ma non furono in uso generale fino al XVII secolo. Quindi gli stemmi più antichi generalmente non includono un motto. I motti raramente fanno parte della concessione di armi: sotto la maggior parte delle autorità araldiche, un motto è un componente opzionale dello stemma e può essere aggiunto o modificato a piacimento molte famiglie hanno scelto di non mostrare un motto.

Motto: Je n'oublierai pas
Traduzione del motto: Non dimenticherò mai.


Baldwin, Henry - Storia

Questo ramo della famiglia Baldwin fa risalire la sua discendenza a Henry Baldwin di Woburn, nel Massachusetts. Uno dei suoi figli, Benjamin Baldwin (1672/3-1759), nacque a Woburn ma si trasferì e si stabilì a Canterbury, nel Connecticut intorno al 1700. Benjamin sposò Hannah Knowlton dalla quale ebbe otto figli. Il figlio di Benjamin, Timothy (1709-1722), sposò Susannah Frost (morta nel 1795) ed ebbe sei figli. Timothy e Susannah ebbero un figlio David (1742-1826), noto come Capitano David. David sposò Esther Puffer (m. 1825) ed ebbe cinque figli: Timothy (1775-1840), Festus (1777-1857), Susannah (n. 1780), David Clark (n. 1784) ed Elijah (1783-1867). Elijah ricevette una laurea honoris causa da Yale nel 1827, praticò la medicina a Canterbury e visse nella fattoria di famiglia. Elia sposò Hannah Bishop Burnham (1785-1866) nel 1811.

Elijah e Hannah ebbero quattro figli: Amy (1816-1842), Esther (1814-1844), Hannah (1812-1833) ed Elijah Jr. (1820-1888). Seguendo le orme di suo padre, Elijah Jr. si laureò a Yale nel 1841 e conseguì la laurea in medicina ad Harvard nel 1845. Si stabilì a Plainfield, nel Connecticut, dove sposò Sarah Harris Mathewson (1826-1905), ma tornò a Canterbury nel 1855 Elijah e Sarah ebbero sei figli sopravvissuti: Hannah (1855-1917), Henry (1850-1918), Sarah (n. 1846) che sposò Brooks Hadley di Boston, Mass., Lucy (n. 1863), Helen (n. 1865) e Abramo (n. 1860).

Ambito e contenuto

La collezione della famiglia Baldwin di Canterbury, Connecticut, consiste principalmente di corrispondenza tra i membri della famiglia dal 1779 al 1917. Gli scambi di lettere più estesi furono tra Amy, Esther, Hannah e il fratello Elijah Jr. dal 1830 al 1833. Tre lettere sono indicizzate nella Bibliografia afroamericana presso CHS: Esther Baldwin letters, 4 May 1833 and 29 June 1833, and Harriet B. Baldwin letter 28 July 1833.

Elijah Baldwin Jr., sua moglie Sarah e i loro figli mantengono la loro corrispondenza tra il 1865 e il 1878. Queste lettere forniscono informazioni sulle preoccupazioni di una madre riguardo al comportamento, alla salute, agli studi e ai vestiti dei suoi figli. Trasmette anche le sue emozioni nel vedere i suoi figli lasciare la fattoria e spesso dà consigli morali. Tra i corrispondenti di Elijah Baldwin Jr. c'è C.S. Brainard, un ex compagno di classe, con il quale scambia pensieri su scienza e filosofia.

La corrispondenza è ordinata cronologicamente. Mescolati all'interno delle lettere ci sono atti e perizie fondiarie, conti, documenti giudiziari, esenzioni militari, atti di successione, atti di vendita e cimeli politici. Un particolare documento del 1840 prevede i risultati delle prossime elezioni. Una descrizione dettagliata articolo per articolo di queste cartelle miste è disponibile con la collezione.

Alla corrispondenza e ai documenti misti seguono una serie di atti fondiari. Questi sono seguiti da documenti assortiti organizzati per individuo. Le carte del capitano David Baldwin includono corrispondenza, documenti fondiari e finanziari. Elijah Baldwin Jr. è rappresentato da numerosi saggi, uno sui benefici dello studio della biografia, e due bozze di lettere al Presidente sui temi della temperanza e dello "spirito di partito". Elijah afferma che entrambi sono essenziali per una repubblica forte. Esther, Festus, Hannah, Hannah Burnham Baldwin e Henry sono tutti rappresentati da corrispondenza non datata e documenti finanziari assortiti come fatture, note, conti e ricevute.

Di particolare interesse tra le carte sono due cartelle di documenti relativi alla città di Canterbury. Questi includono documenti fiscali assortiti, documenti relativi alla cura dei poveri, documenti fondiari e documenti finanziari.

La parte successiva più grande della raccolta è costituita da effetti, ricevute, conti e note organizzati per persona e quindi in ordine cronologico per mese. I documenti finanziari di Elijah Sr. ed Elijah Jr. possono essere mescolati poiché si sono sovrapposti nelle loro professioni e residenza dal 1841-1855. Tra i documenti, le bollette e i conti di Elijah Jr. per la costruzione di una casa.

Restrizioni

Restrizioni di accesso

Non ci sono restrizioni all'accesso alla raccolta.

Restrizioni d'uso

L'uso del materiale richiede la conformità alle normative del Centro di ricerca della Connecticut Historical Society.


Il giudice Henry Baldwin

Siamo a conoscenza dell'illustre carriera del giudice Henry Baldwin e del suo ruolo minore nella storia di Bridgeville da diversi anni. Sappiamo che all'inizio del 1800 costruì una casa estiva, Recreation, in quello che oggi è il quartiere di Greenwood a Bridgeville, che alla fine vendette a Moses Coulter nel 1818.

Sappiamo che l'estremità orientale di Station Street era in origine una strada di campagna che portava dal Washington Pike a Recreation. Sappiamo che Coulter vendette Recreation alla famiglia Walter Foster nel 1842. Essi a loro volta lo vendettero al Dr. William Gilmore nel 1879, che lo lasciò a sua figlia, Capitola, quando morì. Ha sposato Ulisse. L. Donaldson nel 1888 la famiglia Donaldson lo mantenne fino alla sua demolizione a metà del 1900.

Il nostro studio sui libri di lavoro di Pop Ferree che documentano le prime transazioni immobiliari nell'area di Bridgeville ha fornito informazioni che suggeriscono che il giudice Baldwin ha svolto un ruolo molto più importante nello sviluppo della nostra comunità di quanto avessimo realizzato. Di conseguenza è opportuno che esaminiamo la sua carriera e poi discutiamo di questo ruolo.

Henry Baldwin è nato a New Haven, Connecticut, nel 1780. Si è laureato a Yale all'età di diciassette anni e ha poi studiato legge alla Litchfield Law School per un anno. Nel 1799 si trasferì nella Pennsylvania occidentale e fu eletto primo procuratore distrettuale della contea di Crawford.

Nel 1802 era a Pittsburgh, combinando uno studio legale di successo con investimenti redditizi nell'industria siderurgica. Dopo la morte di sua moglie Marina Baldwin sposò Sally Ellicott nel 1805. Insieme al suo socio, Walter Forward, e al loro caro amico, Tarleton Bates, Baldwin era un membro del "Grande Triumvirato", un trio di tre fedeli "costituzionalisti" che sostenevano Governatore McKean.

Nel 1805 presero il controllo di "The Tree of Liberty", il secondo giornale di Pittsburgh, un organo democratico-repubblicano istituito in opposizione al "Weekly Gazette" di John Scull, una pubblicazione con tendenze federaliste.

La discordia sulla campagna di rielezione di McKean alla fine portò alla morte di Bates in un duello l'8 gennaio 1806. Fu l'ultimo duello da combattere a Pittsburgh La morte di Bates fu un grande shock per Baldwin. Il luogo del duello è la fine di Bates Street, presso il fiume Monongahela.

Nel 1816 Baldwin fu eletto alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, dove prestò servizio per tre mandati. Mentre era al Congresso si guadagnò la gratitudine di Andrew Jackson per aver difeso l'invasione non autorizzata di Jackson della Florida spagnola nel 1818. Quindi sostenne la candidatura senza successo di Jackson alla presidenza nel 1824 e il suo successo quattro anni dopo.

Jackson ha premiato la lealtà di Baldwin nominandolo Segretario del Tesoro. La forte opposizione del vicepresidente John C. Calhoun, che temeva la preferenza di Baldwin per i dazi, fece fallire quel tentativo. Quando Bushrod Washington morì, Jackson nominò Baldwin giudice associato della Corte suprema degli Stati Uniti nel 1830. Prestò servizio in tribunale fino alla sua morte nel 1844.

Gli anni di Baldwin nell'alta corte furono significativi. È accreditato di aver avviato la pratica di pubblicare opinioni dissenzienti sui verdetti non unanimi. John Marshall era il giudice supremo, era sua abitudine pronunciare decisioni senza alcuna spiegazione degli argomenti opposti. Baldwin ha scelto di pubblicare in modo indipendente l'opinione dissenziente, il record permanente dell'altro lato del dibattito.

Due dei suoi dissensi sono citati in Wikipedia. In “Worcester vs Georgia”, 1832, affermò il diritto dello stato (Georgia) di negare la sovranità degli indiani Cherokee come nazione. Allo stesso modo, in "Groves vs. Slaughter", 1841, sostenne la classificazione degli schiavi come "proprietà", un precedente seguito poi nella decisione "Dred Scott".

Baldwin morì nel 1844. La sua eredità sono i suoi dissensi pubblicati e un notevole documento che scrisse nel 1837 in cui sosteneva una posizione centrista tra le due fazioni giudiziarie estreme, i severi interpreti della Costituzione e quelli evolutivi. Uno vorrebbe che fosse all'Alta Corte oggi.

Una voce notevole nel libro di lavoro di Pop Ferree, l'8 novembre 1813, registra la vendita di 2023 acri di terreno nell'area di Bridgeville, da Presley Neville, a Henry Baldwin per $ 32.000. Il terreno comprende sei siti principali: Wingfield (588 acri), Reno (310 acri), Bower Hill (256 acri), Redman's Place (265 acri), Sidgefield (404 acri) e Wheatfarm (200 acri).

Il riferimento all'Atlante di garanzia della contea di Allegheny ci dà una buona idea di ciò che questo comprendeva. Wingfield era la proprietà di Alexander Fowler sul lato est di Chartiers Creek da Bridgeville sud a Mayview (ora conosciuta come Hastings). Reno è il mandato di Benjamin Rennoe che copriva la maggior parte di Bridgeville a nord-est di Station Street. Gli altri quattro occupano l'angolo sud-ovest di Scott Township, delimitato da Painter's Run a sud e Scrubgrass a nord.

Questo è un impressionante blocco di terra che un uomo può possedere. All'epoca Presley Neville era fortemente coinvolto nel settore immobiliare in quest'area, sebbene si fosse trasferito a Pittsburgh, dove prestò servizio come Burgess dal 1804 al 1805. Sarebbe stato la persona perfetta per organizzare una tale transazione. A quel tempo mantenne effettivamente la proprietà di "Woodville".

I motivi di Baldwin per una tale mossa sono un enigma. Forse era uno speculatore terriero o forse un serio investitore con piani ambiziosi per quest'area. Il prezzo che ha pagato, $ 16,00 per acro, sembra eccessivo. George Washington aveva venduto la sua proprietà a Miller's Run per $ 4,25 per acro vent'anni prima. Trentaduemila dollari nel 1813 erano una fortuna, equivalenti a cinque o sei milioni di dollari oggi.

Ad ogni modo il quartiere di Greenwood faceva parte del mandato di Rennoe e presumiamo che il 1813 sia il periodo in cui Baldwin costruì Recreation. Questo era, ovviamente, prima che diventasse un membro del Congresso, un periodo in cui la sua occupazione principale era quella di un avvocato.

Il 10 settembre 1814, Baldwin pagò a Stephen Barlow $ 2.400 per tre lotti per un totale di 875 acri: "Reno Place", "Dennison's" e "Wingfield". Presumiamo che questi fossero blocchi di terra che completavano i suoi possedimenti più grandi. Sospettiamo che "Dennison's" si applichi a Dennison's Run, che potrebbe essere il nome del piccolo torrente che scorre lungo Cow Hollow fino a Chartiers Creek.

In ogni caso, a quel tempo Baldwin possedeva una striscia continua di terra lunga tre miglia e larga un miglio che andava da Scrubgrass Run a Scott Township a Mayview a Upper St. Clair.

Il 15 luglio 1816, Baldwin iniziò a vendere la terra con un blocco di 396 acri che andò a James Sawyer per $ 8.000 (circa $ 20 per acro per la terra che aveva acquistato tre anni prima per $ 16 per acro). Questa sembra essere la maggior parte di Wingfield, delimitata a nord dalla già citata Dennison's Run. Nella stessa data il signor Sawyer ha venduto la stessa proprietà a John McKown per $ 8.700.

Baldwin era di nuovo impegnato il 22 novembre 1819. Ha scambiato un piccolo appezzamento con Moses Middlewarth per un altro piccolo, che poi gli ha permesso di vendere un grande blocco di terra a Moses Coulter, 402 acri per $ 15.000 ($ 37 per acro!). La nostra preoccupazione che in origine avesse pagato troppo per la terra era ingiustificata. Questa transazione probabilmente includeva la casa estiva di Baldwin, Recreation.

La successiva, e probabilmente definitiva, apparizione del nome di Henry Baldwin nel quaderno di Pop Ferree è datata 19 novembre 1827. Riporta la vendita di 1050 acri da parte dello sceriffo, "terre e case popolari di Henry Baldwin, defunto della contea di Allegheny, agricoltore" alla Banca degli Stati Uniti per 8.000 dollari. Possiamo capire la necessità per la vendita di uno sceriffo il coinvolgimento della banca federale è un enigma.

Il giudice Baldwin fu certamente una figura nazionale significativa nei primi anni del XIX secolo. Siamo rimasti sorpresi nell'apprendere quanto sia stato importante nello sviluppo iniziale di Bridgeville.


Costruito nel 1843 dal giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Henry Baldwin, il Baldwin-Reynolds House Museum è la principale sede della storia, delle arti e delle esperienze culturali nel nord-ovest della Pennsylvania. La nostra missione è dare vita alla storia e alle arti. e alla vita della nostra comunità. Attraverso tour GRATUITI generosamente sponsorizzati da Armstrong Cable Company, un vasto programma di eventi e programmi e una completa immersione in una delle più grandi e significative collezioni d'arte della Pennsylvania occidentale, siamo orgogliosi di portare avanti questa missione.

Dalla nostra celebrazione semestrale degli "Alberi di Natale" alle cene teatrali, alle conferenze e altro ancora, il museo è vivo di attività tutto l'anno!

Alberi di natale

Il Meadville Garden Club è stato partner del museo da oltre 40 anni nella decorazione della villa per il periodo natalizio. Il loro evento sempre popolare tornerà nel 2021!

Grandi spettacoli

Dal grande autore satirico americano Mark Russell, a un prossimo concerto delle star di America's Got Talent, VOX, il museo porta le menti, le voci e il senso dell'umorismo migliori e più brillanti a Meadville per il divertimento e l'arricchimento della comunità.

Tour gratuiti

Attraverso una partnership con il Crawford County Convention and Visitor's Bureau, ONE Federal Credit Union e Ernst Seeds, il museo è orgoglioso di annunciare che i nostri tour estivi generali sono gratuiti e aperti al pubblico. Non potremmo essere più felici di portare la storia in vita per più persone ogni anno attraverso questo programma!

Giardini Botanici

Il Baldwin-Reynolds House Museum è molto più di un museo. Dai tranquilli giardini alle grandi aree pedonali, il museo funge da parco pubblico, giardino botanico e molto altro!


BALDWIN Genealogia

WikiTree è una comunità di genealogisti che coltiva un albero genealogico collaborativo sempre più accurato che è gratuito al 100% per tutti per sempre. Per favore unisciti a noi.

Unitevi a noi nella collaborazione sugli alberi genealogici BALDWIN. Abbiamo bisogno dell'aiuto di bravi genealogisti per crescere a completamente gratis albero genealogico condiviso per connetterci tutti.

AVVISO IMPORTANTE SULLA PRIVACY E DISCLAIMER: HAI LA RESPONSABILITÀ DI USARE CAUTELA QUANDO SI DISTRIBUISCONO INFORMAZIONI PRIVATE. WIKITREE PROTEGGE LE INFORMAZIONI PI SENSIBILI MA SOLO NELLA MISURA INDICATA NELLA TERMINI DI SERVIZIO E POLITICA SULLA RISERVATEZZA.


Baldwin, Henry - Storia

Informazioni su Baldwin Crane & Equipment Corp.

Nel 1957, William Henry Baldwin insieme ai suoi quattro figli (Lionel, William, David ed Ernest) fondò la Baldwin Steel Erection. Il signor Baldwin ha mostrato l'etica del lavoro e l'innovazione che sono diventate le fondamenta del successo dell'azienda. Questi principi non erano nuovi per William Baldwin. Come immigrato da Terranova, in Canada, William iniziò a coltivare nel New England. Il suo caseificio con sede a Wilmington, nel Massachusetts, era uno dei più grandi della zona.

Condividendo le responsabilità agricole con i suoi figli, William Henry accettò un secondo lavoro come operaio siderurgico, che divenne la sua passione. Alla fine, la fattoria di Wilmington è stata venduta per finanziare l'inizio della Baldwin Steel Erection. Con tutte le loro energie ora concentrate in un'area, la famiglia Baldwin svilupperà una delle più grandi società di montaggio a Boston supportata da una flotta di gru in espansione.

Con William Earl Baldwin (seconda generazione) in carica come presidente, l'azienda avrebbe acquisito esperienza nella realizzazione di progetti di Boston come il McCormick Building, la State Street Bank e il terminal nord-est dell'aeroporto internazionale di Logan. L'esperienza operativa acquisita da Ernest Baldwin divenne fondamentale mentre si preparavano per la loro prossima impresa.


Risposta alla crisi: (888) 890-6888

Uffici: Via Andover 232
Wilmington, MA 01887

Telefono: 978.657.7555
Fax: 978.657.5647


Baldovino IV

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l'articolo.

Baldovino IV, per nome Baldwin il lebbroso, Francese Baudouin le Lépreux, (nato nel 1161—morto nel marzo 1185, Gerusalemme), re di Gerusalemme (1174–85), chiamato il "re lebbroso" per la malattia che lo afflisse per la maggior parte della sua breve vita. Il suo regno vide la crescita di faziosità tra la nobiltà latina che indebolì il regno durante gli anni in cui il suo più grande avversario, il leader musulmano Saladino, estese la sua influenza dall'Egitto alla Siria.

Educato da Guglielmo, arcidiacono di Tiro, Baldovino fu incoronato quattro giorni dopo la morte del padre. Too young at age 13 to rule the kingdom, he was assisted by his kinsman Raymond III, count of Tripoli, who acted as his regent until 1176. Baldwin’s health steadily deteriorated, requiring periodic appointment of other regents and contributing to power struggles among the nobility.

In November 1177 Saladin marched from Egypt to attack Ascalon, and Baldwin rushed to the aid of the city. Trapped within its fortifications, he broke out and defeated Saladin near Mont Gisard. A two-year truce was arranged in 1180, but, soon after it expired, Saladin captured Aleppo (June 1183), thus completing the encirclement of Jerusalem.

In an attempt to keep the succession to the throne in his family, the childless Baldwin crowned his nephew King Baldwin V in November 1183, naming Raymond of Tripoli and Jocelin III of Courtenay the boy’s guardians.


Company-Histories.com

Indirizzo:
822 Bishop St.
P.O. Box 3440
Honolulu, Hawaii 96801-3440
STATI UNITI D'AMERICA.

Telephone: (808) 525-6611
Fax: (808) 525-6652

Statistics:

Società pubblica
Incorporated: 1900 as Alexander & Baldwin, Ltd.
Employees: 3,709
Sales: $979.5 million
Stock Exchanges: NASDAQ
SICs: 4423 Deep Sea Domestic Transportation of Freight 2061 Raw Cane Sugar 7359 Equipment Rental & Leasing Nec 6552 Subdividers & Developers Nec

Alexander & Baldwin, Inc., one of the original 'Big Five' Hawaiian companies, is a diversified corporation with operations in ocean transportation, container leasing, food products, and property development and management. Ocean transportation, overseen by Matson Navigation Company, Inc., a wholly owned subsidiary, accounts for about 56 percent of the company's revenue. Through Matson, Alexander & Baldwin (A&B) is the leading carrier of containerized cargo and automobiles between Hawaii and the U.S. Pacific Coast and is the ninth largest lessor of marine shipping containers in the world. Matson's fleet provides services to several other Pacific islands as well. Another six percent of A&B's revenue is generated by its container leasing operation, conducted through Matson Leasing Company, Inc., a wholly owned subsidiary of Matson Navigation. A&B conducts its food products business through another wholly owned subsidiary, A&B-Hawaii, Inc. (ABHI), whose California and Hawaiian Sugar Company is the largest producer of raw sugar in Hawaii ABHI also is the largest coffee grower in the United States. Food products contributed about 31 percent of A&B's revenue in 1993. A&B's fourth major business segment, property development and management, is also conducted by ABHI. In 1994, the company owned about 94,000 acres of land in Hawaii, the majority of it on the island of Maui. Property development and management provided about seven percent of the company's 1993 revenue.

Although A&B was not incorporated until 1900, the company was founded 30 years earlier by the two men whose names it bears, Samuel T. Alexander and Henry P. Baldwin, both sons of missionaries living in Hawaii. Longtime friends, the two men began working together in the mid-1860s, when Alexander hired the younger Baldwin as his assistant in managing a sugar plantation in Waihee on the island of Maui. In 1869, the pair purchased 12 acres of land in central Maui, and, the following year, with an additional 559 acres, they established their own plantation, which marketed sugar on the mainland through such exporting firms as Castle & Cooke. Alexander and Baldwin became in-laws that year when Baldwin married Emily Alexander, his partner's sister.

By 1876, the volume of sugar cane growing on the plantation had increased so much that the readily available supply of water could not support it. To address this problem, Alexander devised a sophisticated irrigation plan that involved the construction of a gigantic ditch through rain forest terrain. The resulting Hamakua ditch, 17 miles long and capable of carrying 60 million gallons of water a day from the waters of East Maui, was completed in 1878 and served as the model for many other such irrigation projects throughout Hawaii.

The partnership of Alexander and Baldwin was incorporated in 1883 under the name Paia Plantation. That year, Alexander resigned as manager of the neighboring Haiku Sugar Company, a position he had held since before the opening of Paia, and moved to California, leaving Baldwin to manage both plantations. Over the next few years, Paia acquired controlling interest in Haiku, as the partners continued to acquire land and expand their sugar production.

In 1894, A&B launched its own sugar agency, based in San Francisco. The agency was headed by Alexander's son, Wallace, and Joseph P. Cooke, son of Castle & Cooke co-founder Amos S. Cooke. In its first year of operation, the Alexander & Baldwin agency turned a profit of $2,670. By 1899, A&B was serving as agent for a formidable collection of companies, including the Paia and Haiku plantations, the Hawaiian Sugar Company, and the Hawaiian Commercial & Sugar Company (HC&S) and its subsidiary, Kahului Railroad Company.

By 1900, the company had outgrown its partnership structure, and a new corporation, Alexander & Baldwin, Ltd., was formed. The company's headquarters were in Honolulu, a branch office was maintained in San Francisco, and Baldwin served as president. That year, the corporation reported its first annual profit, of $150,000. A&B went into the insurance business the following year, establishing a division overseen by Alexander's son-in-law, John Waterhouse. By 1920, the division was acting as agent for several established insurance companies, including Home Insurance Company, German Alliance Insurance Association, and the Commonwealth Insurance Company, all based in New York. The insurance division thrived for several decades before it was sold off in 1967.

Another new entity, the Maui Agricultural Company (MA Co.), was founded in 1903, in order to offset the effects of the Organic Act, which limited the amount of land a new corporation could hold to 1,000 acres. In response, A&B formed five companies with less than 1,000 acres each. These five companies were then combined with the Paia and Haiku plantations to form MA Co. In MA Co. and HC&S, A&B now controlled the operations of two of Maui's most important plantations.

Samuel Alexander died in 1904. In 1906, Henry Baldwin was succeeded as manager of HC&S by his son Frank, and when Henry died five years later, Frank became HC&S president, a position he would retain until his death in 1960. Both MA Co. and HC&S prospered during the first part of the twentieth century. In 1908, the two companies jointly formed the East Maui Irrigation Company (EMI) to manage the extensive system of irrigation ditches that was in development. In 1917, MA Co. built a distillery for producing alcohol from molasses, the first such facility in the United States. HC&S completed several other major projects during this time, including the construction of the new Waihee ditch and the modernization of its power plant and other equipment. Another plantation, Kihei, was merged into HC&S during this period as well.

A&B's cargo shipping business was developed to complement its sugar operations. In 1909, the company became a minority shareholder in Matson Navigation Company, which had been handling most of A&B's shipping between Hawaii and San Francisco for years. A&B continued to increase its investment in Matson, and the company eventually became a wholly owned subsidiary of A&B in 1969.

Wallace Alexander served as CEO of A&B from 1918 to 1930. During this time, the company began marketing pineapples, EMI completed construction of the Wailoa ditch, its final major ditch project, and A&B's headquarters building in Honolulu was completed. The following year, John Waterhouse succeeded Wallace Alexander as company president.

The 1930s were a period of technological advancement in A&B's sugar operations. In 1932, the company completed construction on the Alexander Dam, one of the largest hydraulic fill earth dams in the world. The Alexander Dam, located at the company's McBryde plantation, cost over $360,000 to build and was the site of a 1930 mud slide that killed several people. Both HC&S and MA Co. switched from steam plows to tractors around this time, and HC&S began mechanical harvesting on a large scale in 1937.

A&B sold its Hawaiian Sugar Company plantation in 1941. Although this plantation remained productive and profitable, it was situated on leased land, and A&B was unable to negotiate favorable lease terms or a purchase agreement. In 1945, Waterhouse was replaced as president of A&B by J. Platt Cooke, who served for a year before turning over the office to Frank Baldwin. In 1948, the HC&S and MA Co. plantations merged, creating one large plantation operating under the HC&S name. The two plantations produced over 100,000 tons of sugar during the first year of the merger. Soon thereafter, the plantation began to phase out its railroad distribution system in favor of trucking.

At the end of the 1940s, A&B began to move into property development, forming Kahului Development Co., Ltd. as a subsidiary of HC&S. In response to the complaints of plantation employees regarding the inadequate housing available to them, Kahului Development built a new residential community, which was opened in 1950 and became known as Dream City. This development gradually evolved into the city of Kahului, Maui's most populous community.

A&B operated several general stores on plantations and railroad sites. In 1950, its stores and equipment manufacturing concerns, as well as the lumberyard and mill operations of the Kahului Railroad Company, were organized under the A&B Commercial Company. The following year, A&B opened the first A&B Super Market, as well as the Kahului Store, Maui's first complete department store.

The company made several technological strides in its sugar operations during the 1950s. In 1951, HC&S's two factories combined to produce a record 151,000 tons of sugar. Several improvements in machinery for weed control and harvesting were introduced during this time, and, in 1957, HC&S put the world's largest bagasse (cane residue) burning boiler into operation at its Paia sugar factory.

Up until the 1960s, A&B had remained essentially a sales agent that held substantial interest in the companies it represented. Its income came from agency fees and dividends on the stock it owned in its client companies. However, this began to change as A&B started turning many of its clients into subsidiaries. Much of this shift took place under C.C. Cadagan, who was named president of A&B in 1960, becoming the first chief executive from outside the founding families. In 1962, HC&S was merged into A&B, becoming a division of the company. HC&S's three subsidiaries, Kahului Railroad Company (KRR), East Maui Irrigation Company, and Kahului Development Company all became subsidiaries of A&B. A&B Commercial Company, which ran the HC&S plantation stores, was made a division. At the same time, the last word of the company's name was changed from Ltd. to Inc.

Using funds it had received from the liquidation of Honolulu Oil Corporation, a company in which it had initially invested in 1911, A&B acquired a 94 percent controlling interest in Matson Navigation Company in 1964. The following year, the company eliminated what remained of KRR's unprofitable railroad operations, and that subsidiary was later renamed Kahului Trucking & Storage, Inc. By the end of the decade, the company had terminated its pineapple business and had increased its holding in Matson to 100 percent. The McBryde and Kahuke plantations had become wholly owned subsidiaries as well.

The 1970s were a frustrating period of stalled expansion plans for A&B. In 1970, Allen Wilcox was named CEO, replacing Stanley Powell, Cadagan's successor four years earlier. Under Wilcox, A&B abandoned its plans to expand its Far East shipping operations, choosing instead to concentrate on its business closer to home, such as developing some of its Maui land for resort use. Another change in leadership took place in 1972, when Lawrence Pricher was named CEO. Under Pricher, the company launched another expansion push, which included investments in oil refiner Pacific Resources, Inc. and Teakwood Holdings Ltd. (a Hong Kong furniture company), the purchase of Rogers Brothers Co., (an Idaho potato business), and the formation of a consulting firm called A&B Agribusiness Corporation. None of these ventures proved particularly fruitful, and, at the same time, some earlier investments that also proved unprofitable were sold off, including Edward R. Bacon Company and Acme Fast Freight, Inc. With the price of sugar falling, and profits at Matson unimpressive, A&B's net income remained sluggish through the mid-1970s.

Yet another change in command took place in 1978, when Gilbert Cox left Amfac Inc., Hawaii's biggest sugar producer, to assume the presidency of A&B. Cox's strategy for growth involved selling off most of Pricher's small acquisitions, such as the potato company, and using the money for a major acquisition. In 1979, an agreement was reached under which A&B would acquire the 80 percent of Pacific Resources it did not already own. However, this deal fell through following opposition from a group of stockholders led by well-known investor Harry Weinberg.

The rapid succession of new presidents at A&B finally slowed in 1980 with the arrival of Robert Pfeiffer, formerly the CEO at Matson. An upward swing in sugar prices helped boost the company's profits that year, and, by 1983, sugar accounted for 21 percent of A&B's $395 million in sales. As the company again considered diversification, Harry Weinberg, Hawaii's largest individual landowner, increased his holding in A&B to 25 percent. In 1984, Weinberg forced a proxy battle for control of the company, arguing that A&B's land holdings were worth far more than its books indicated and that property development should be the company's top priority. Unlike most of his boardroom conflicts with large Hawaiian companies, however, this one ended with Weinberg and his associates forced off the A&B board of directors.

In January 1987, A&B got rid of its merchandising division, selling A&B Commercial Company to Monarch Building Supply, Inc., a Honolulu-based company. By this time, A&B had revenues of $655 million, the bulk of which was generated by Matson, which controlled about 75 percent of the container cargo shipping market between Hawaii and the West Coast. Between 1983 and 1987, profits more than doubled to $120 million, and about three-fourths of that total came from Matson. In the late 1980s, A&B sold off its remaining shares of Pacific Resources to Australia's Broken Hill Proprietary Company and began preparing to grow coffee through a joint venture between its McBryde subsidiary and Hills Brothers. A&B recorded net income of $199 million on revenue of $846 million in 1989. Two years later Pfeiffer passed the reins of the company to John C. Couch, who became president and CEO. Couch had served A&B for 15 years, initially with Matson Navigation Company.

A&B's revenues stagnated and net income slumped during the first part of the 1990s. With sales hovering around the $750 million mark from 1990 to 1992, company earnings dipped to under $19 million in 1992, the lowest level in over a decade. That figure included a $15.8 million charge to cover losses from Hurricane Iniki, which devastated Kauai in 1992. Nevertheless, A&B mounted a successful comeback the following year. The company reported major increases in both profit and revenue, up to $67 million and $979 million, respectively. Moreover, in June 1993, A&B's purchase of the 72 percent of California and Hawaiian Sugar Company that it did not already own helped bolster revenues and profits. As the global economy improved during the first half of 1994, A&B expected to see gains in its shipping and container leasing operations, as well as increased profits from real estate leasing. A&B was the last of Hawaii's Big Five companies to remain independent and based on the islands its durability over more than a century of operation has proven that a mainland address is not a prerequisite for long-term success.

Principal Subsidiaries: A&B-Hawaii, Inc. A&B Development Company A&B Properties, Inc. California and Hawaiian Sugar Company East Maui Irrigation Company, Ltd. Kahului Trucking & Storage, Inc. Kauai Commercial Company, Inc. Kukui'ula Development Company, Inc. McBryde Sugar Company, Ltd. South Shore Community Services, Inc. South Shore Resources, Inc. WDCI, Inc. Matson Navigation Company, Inc. Matson Intermodal System, Inc. Matson Leasing Company, Inc. Matson Services Company, Inc. Matson Terminals, Inc.

'Alexander & Baldwin: Cutting Sugar's Role with Big Acquisitions,' Business Week, February 12, 1979, pp. 88-91.
'Alexander & Baldwin: Will It Put Its Money Where Its Mouth Is?' Business Week, March 19, 1984, pp. 92-93.
Beauchamp, Marc, 'Hunkering Down Is No Strategy,' Forbes, October 31, 1988, pp. 54-62.
'Can Alexander & Baldwin Do It Again?' Financial World, May 15, 1981, pp. 27-28.
Christensen, Kathryn, 'After Years of Turmoil, a Hawaii Sugar Firm Returns to Stability,' Wall Street Journal, August 20, 1981 p. 1.
Cieply, Michael, 'East of Eden,' Forbes, January 31, 1983, pp. 34-36.
Davies, John, 'Coffee Replaces Sugar in Some Hawaiian Fields,' Journal of Commerce, July 9, 1990, p. 1A.
Garcia, Art, 'Spotlight on Alexander & Baldwin,' Journal of Commerce, April 7, 1980, p. 3.
'An Hawaiian Company Invests Its Sugar Profits,' Business Week, April 14, 1975, pp. 80-81.
Smith, Christopher, and Cynthia Green, 'A Seasoned Raider Loses His Touch,' Business Week, May 13, 1985, p. 31.
'A Sweet Stock from the Islands,' Fortune, November 25, 1985, pp. 161-68.
Wastler, Allen R., 'Accounting Changes, Iniki Fallout Depress Alexander & Baldwin Profit,' Journal of Commerce, February 3, 1993, p. 1B.
Zipser, Andy, 'When Its Ship Comes In,' Barron's, pp. 28-29.

Source: International Directory of Company Histories , Vol. 10. St. James Press, 1995.


Guarda il video: Henry Baldwin: Tambourine Practice Tips (Gennaio 2022).