Informazione

Sistema di trasporto aereo nazionale dell'Algeria - Storia


numero di vettori aerei registrati: 4
inventario degli aeromobili registrati operati da vettori aerei: 74
traffico passeggeri annuo su vettori aerei registrati: 5.910.835
traffico merci annuo su vettori aerei registrati: 24.723.377 mt-km (2015)
Prefisso del codice del paese di immatricolazione dell'aeromobile civile:
7T (2016)
Aeroporti:
157 (2016)

Aeroporti - con piste asfaltate:
totale: 64
oltre 3.047 m: 12
da 2.438 a 3.047 m: 29
1.524 a 2.437 m: 17
da 914 a 1.523 m: 5
sotto i 914 metri: 1 (2017)
Aeroporti - con piste non asfaltate:
totale: 93
da 2.438 a 3.047 m: 2
1.524 a 2.437 m: 18
da 914 a 1.523 m: 39
sotto i 914 metri: 34 (2013)
Eliporti:
3 (2013)
Condutture:
condensa 2.600 km; benzina 16.415 km; gas di petrolio liquefatto 3.447 km; olio 7.036 km; prodotti raffinati 144 km (2013)
B
totale: 3.973 km
scartamento normale: 2.888 km scartamento 1.432 m (283 km elettrificati)
scartamento ridotto: 1.085 km scartamento 1.055 m (2014)
confronto paese con il mondo: 47
Strade:
totale: 113.655 km
asfaltata: 87.605 km (include 645 km di superstrade)
sterrato: 26.050 km (2010)
confronto paese con il mondo: 43
Marina Mercantile:
totale: 110
per tipologia: portarinfuse 3, merci varie 13, petroliera 9, altre 85 (2017)
confronto paese con il mondo: 81
Porti e terminal:
porti marittimi principali: Algeri, Annaba, Arzew, Bejaia, Djendjene, Jijel, Mostaganem, Oran, Skikda


Algeria — Trasporti

Non mancano i taxi in Algeria, soprattutto nelle grandi città e nelle aree con una buona rete stradale. Alcuni taxi sono dotati di tassametro, ma la maggior parte non lo è, quindi assicurati di negoziare i prezzi prima di salire a bordo. Le tariffe sono moderate, ma viaggiare su lunghe distanze ti costerà un sacco di soldi e talvolta è persino più costoso del volo. Non è necessario lasciare la mancia all'autista, ma se ti senti generoso puoi arrotondare la tariffa totale ai successivi 10 dinari. Ci sono numerose compagnie di taxi in tutta l'Algeria. Avvio automatico (+213-02-127-8438) ha sede ad Algeri insieme a molti altri servizi ufficiali come Taxi Haned Ammar e Taxi Algeri. Kheiro (+213-77-556-3067) è quello da chiamare quando si visita Tlemcen.

Noleggiare un'auto ha senso quando si viaggia tra le città e per le gite di un giorno. È meglio ottenere un veicolo 4WD quando si pianifica di attraversare terreni accidentati. Porta tutta la documentazione necessaria se prevedi di guidare, ma si consiglia di assumere un autista insieme all'auto. Ci sono molte compagnie internazionali negli aeroporti e nelle città che offrono servizi di noleggio auto tra cui Hertz (+213-02-136-0817) e Europcar (+213-21-37-7222), insieme a fornitori locali.

Taxi acquei in Algeria

I traghetti possono essere utilizzati per viaggiare in Algeria, grazie ai porti costieri che forniscono un servizio regolare tra Algeri e le vicine città francesi e spagnole come Nizza, Marsiglia, Alicante e Palermo. Tuttavia, il viaggio aereo è molto più veloce se vuoi massimizzare il tuo soggiorno.

Treni e autobus dell'Algeria

Viaggiare in treno è piacevole e spesso più comodo che in autobus. Attualmente sono in funzione due linee di treni ad alta velocità tra Algeri, Orano, Annaba e Costantino. I servizi nella capitale convergono in due stazioni principali, la Gare de l'Agha e la Gare Centrale dove è possibile acquistare i biglietti.

Puoi prendere l'autobus per spostarti in città e per raggiungere la stazione ferroviaria principale. Si fermano a Place Audin, Place des Martyrs e Place Grande Poste ad Algeri. Un terminal centrale si trova fuori dal centro, dove puoi prendere un passaggio per le principali città come Oran, Ouargla e Annaba.


Basi aeree [ modifica | modifica sorgente]

  • Oum El Bouaghi (DAEO) 35°52′32″N 007°16′12″E  /  35.87556°N 7,27°E  / 35.87556 7,27
  • Annaba/El Mellah (DABB) 36°49′11″N 007°48′42″E  /  36,81972°N 7,81167°E  / 36,81972 7,81167
  • Ain Oussera (DAAQ) 35°31′16″N 002°52′59″E  /  35,52111°N 2,88306°E  / 35,52111 2,88306
  • Biskra (DAUB) 34°48′21″N 005°44′23″E  /  34.80583°N 5.73972°E  / 34.80583 5.73972
  • Bou Sfer (DAOE) 35°43′53″N 000°48′15″O  /  35.73139°N 0.80417°O  / 35.73139 -0.80417
  • Boufarik (DAAK) 36°33′10″N 002°52′33″E  /  36.55278°N 2.87583°E  / 36.55278 2.87583
  • Boudghene Ben Ali Lotfi (DAOR) 36°42′19″N 003°13′42″E  /  36.70528°N 3.22833°E  / 36.70528 3.22833
  • Chlef (DAOI) 36°12′38″N 001°19′46″E  /  36.21056°N 1.32944°E  / 36.21056 1.32944
  • El Boulaida/Blida (DAAB) 36°29′52″N 002°48′36″E  /  36,49778°N 2,81°E  / 36,49778 2,81
  • Laghouat (DAUL) 33°46′07″N 002°55′18″E  /  33,76861°N 2,92167°E  / 33,76861 2,92167
  • Tamanrasset/Aguenar (DAAT) 22°48′40″N 05°27′03″E  /  22.81111°N 5.45083°E  / 22.81111 5.45083

Vedi anche Elenco degli aeroporti in Algeria per altri aeroporti che possono avere una doppia funzione civile-militare.


Muoversi [modifica]

L'Algeria è un enorme paese e viaggiare tra le principali città può richiedere anche molto tempo e nervi, mentre le distanze nel nord più popolato non sono così grandi e un viaggio da est a ovest può essere fatto in 12 ore in autostrada. Viaggiare nelle città del Sahara è più difficile poiché il sud è a malapena collegato con buone strade, treni e autobus.

In aereo [modifica]

Da Algeri è possibile raggiungere quasi tutte le principali città algerine in aereo e si consiglia vivamente di prendere un volo quando si percorrono rotte più lunghe e verso le città sahariane. Houari Boumediene, ad Algeri, è il più grande aeroporto del paese, ci sono altri aeroporti nelle principali città come Orano, Costantino e Annaba. Gli altri aeroporti sono di base.

Air Algeria [1] è la compagnia di bandiera con molti voli verso quasi tutte le città algerine dotate di aeroporto. I prezzi variano in base alla lunghezza della rotta aerea. I voli verso le città più piccole e sahariane tendono ad essere più costosi rispetto alle città più grandi (come Oran ad Algeri). La compagnia aerea utilizza l'aeroporto Houari Boumediene come hub e quasi tutti i voli partono o atterrano lì. Ci sono sette voli giornalieri per Orano da Algeri e cinque voli giornalieri per Annaba e Costantino. Altre destinazioni servite da Algeri giornalmente o più giorni alla settimana sono Adrar, El Oued, Tebessa, Batna, Biskra, Sétif, In Ames, Tindouf, Timmoun, Tlemcen, Tamanrasset, Tiaret, Tebessa, El Goela, Ouaragla, Hassi Mesaoud, Bejaia, Ghrardaia , Tlemcen, Illizi, Djanet, Touggourt e Béchar.

In taxi [modifica]

È normale prendere un taxi per viaggiare tra le città vicine o nelle città, i prezzi sono piuttosto moderati ma quando si viaggia tra città più grandi con grandi distanze i taxi sono uguali o più costosi dell'aereo. Cerca di evitare i taxi non ufficiali poiché è molto probabile che l'autista ti deruberà. La maggior parte dei taxi non ha tassametro, quindi concorda un prezzo in anticipo. Molti conducenti cercheranno di approfittare della tua mancanza di conoscenza ma non pagheranno mai più di 30 DA per KM indipendentemente da ciò che ti viene detto. La mancia non è necessaria, ma puoi arrotondare per eccesso ai 10 dinari successivi.

In macchina [modifica]

La rete stradale è ben sviluppata nel nord, il governo algerino ha fatto molti miglioramenti negli ultimi anni per quanto riguarda la costruzione di strade, sono state costruite nuove autostrade per sostituire le strade già dissestate. L'autostrada più importante è la 1200 km N1 (Rotta est-ovest) da Annaba a Orano, quasi tutte le città più grandi del nord sono collegate a questa autostrada, compresa Algeri.

L'auto non è assolutamente necessaria a causa del buon funzionamento del sistema di trasporto pubblico, ma a volte potrebbe essere utile per raggiungere aree più remote. Tieni presente che le abitudini di guida sono completamente diverse rispetto alle norme occidentali e che regole e cartelli di divieto sono più visti come linee guida, anche dalle forze dell'ordine! Sarebbe una decisione saggia lasciare che un algerino locale faccia la guida per te nei primi giorni per avere un'idea dello stile di guida, se ciò non è possibile, si consiglia di rimanere sulle autostrade.

Non cercare di raggiungere le aree del Sahara con un'auto diversa da un 4x4, dune occasionali sulle strade e sbalzi di temperatura estremi offriranno una sfida per il conducente e l'auto.

Il carburante è estremamente economico e non costerà più di 31 DA per litro.

In treno [modifica]

Le ferrovie algerine sono gestite da SNTF [2], attualmente i treni e le linee sono in fase di ammodernamento. Sono stati acquistati dieci comodi treni ad alta velocità denominati Autorail, attualmente due di essi sono in funzione. I biglietti non si possono acquistare online, solo nelle stazioni ferroviarie, i prezzi sono abbastanza moderati ma più cari di bus o taxi ma in cambio avrete più comodità e godrete di paesaggi meravigliosi.

  • Algeri a Orano , il treno impiega 4 ore e parte ogni giorno alle 15:00 dalla Stazione Centrale di Algeri e arriva ad Orano alle 19:30, 2a classe: 1.000 DA, 1a classe: 1.500 DA.
  • Algeri a Annaba, su questa tratta c'è solo un treno notturno lento e meno comodo, che parte ogni giorno alle 20:45 e impiega tutta la notte per raggiungere Annaba. In alternativa puoi prendere il treno diurno per Costantino e da lì prendere un taxi economico per Annaba.
  • Algeri a Costantino con partenza ogni giorno alle 06:45 e arrivo a Costantino alle 13:30, assicurati di trovare un posto vicino al finestrino perché il treno ti porterà attraverso le montagne panoramiche di Kabilyan e paesaggi meravigliosi, 2a classe: 1.200 DA, 1a classe : 1.800 DA.

Sistema di trasporto aereo nazionale dell'Algeria - Storia

Dopo oltre un secolo di dominio della Francia, gli algerini hanno combattuto per gran parte degli anni '50 per ottenere l'indipendenza nel 1962. Il principale partito politico algerino, il Fronte di liberazione nazionale (FLN), è stato fondato nel 1954 come parte della lotta per l'indipendenza e da allora ha politica largamente dominata. Il governo algerino nel 1988 ha istituito un sistema multipartitico in risposta ai disordini pubblici, ma il sorprendente successo del primo turno del Fronte islamico di salvezza (FIS) nelle elezioni legislative del dicembre 1991 ha portato l'esercito algerino a intervenire e rinviare il secondo turno di elezioni per impedire a quello che l'élite laica temeva sarebbe stato un governo guidato dagli estremisti dall'assumere il potere. L'esercito ha iniziato una repressione del FIS che ha spronato i sostenitori del FIS a iniziare ad attaccare obiettivi governativi. I combattimenti si sono trasformati in un'insurrezione, che ha visto intense violenze dal 1992 al 1998, causando oltre 100.000 morti, molti attribuiti a massacri indiscriminati di abitanti dei villaggi da parte di estremisti. Il governo ha preso il sopravvento alla fine degli anni '90 e l'ala armata della FIS, l'Esercito islamico della salvezza, è stata sciolta nel gennaio 2000.

Abdelaziz BOUTEFLIKA, con il sostegno dei militari, ha vinto la presidenza nel 1999 in un'elezione che è stata boicottata da diversi candidati che protestavano per presunte brogli e ha vinto le successive elezioni nel 2004, 2009 e 2014. Il governo nel 2011 ha introdotto alcune riforme politiche in risposta alla primavera araba, compresa la revoca delle restrizioni sullo stato di emergenza, che risalgono a 19 anni fa, e l'aumento delle quote delle donne per le assemblee elette, nonché l'aumento dei sussidi alla popolazione. Dal 2014, la dipendenza dell'Algeria dalle entrate degli idrocarburi per finanziare il governo e finanziare i grandi sussidi per la popolazione è stata messa sotto stress a causa del calo dei prezzi del petrolio. A partire da dicembre 2018, il paese prevedeva di tenere le prossime elezioni presidenziali nella tarda primavera 2019.

Nota: sebbene quasi tutti gli algerini siano di origine berbera (non araba), solo una minoranza si identifica come berbera, circa il 15% della popolazione totale queste persone vivono per lo più nella regione montuosa della Cabilia ad est di Algeri i berberi sono anche musulmani ma si identificano con i loro Patrimonio culturale berbero piuttosto che arabo I berberi hanno a lungo agitato, a volte violentemente, per l'autonomia è improbabile che il governo conceda l'autonomia, ma ha ufficialmente riconosciuto le lingue berbere e le ha introdotte nelle scuole pubbliche

Per i primi due terzi del XX secolo, l'alto tasso di fertilità dell'Algeria ha fatto crescere rapidamente la sua popolazione. Tuttavia, circa un decennio dopo l'indipendenza dalla Francia nel 1962, il tasso di fertilità totale è sceso drasticamente da 7 figli per donna negli anni '70 a circa 2,4 nel 2000, rallentando il tasso di crescita della popolazione algerina alla fine degli anni '80. Il tasso di fertilità più basso era principalmente il risultato dell'aumento dell'età delle donne al primo matrimonio (praticamente tutti i bambini algerini nati nel matrimonio) e, in misura minore, del più ampio uso di contraccettivi. I matrimoni tardivi e la preferenza per le famiglie più piccole sono attribuiti all'aumento dell'istruzione e alla partecipazione delle donne al mercato del lavoro, all'aumento della disoccupazione e alla carenza di alloggi che costringe più generazioni a vivere insieme. L'età media della donna al primo matrimonio è aumentata da circa 19 a metà degli anni '50 a 24 a metà degli anni '70 a 30,5 alla fine degli anni '90.

Il tasso di fertilità dell'Algeria ha registrato una ripresa inaspettata all'inizio degli anni 2000, poiché l'età media della donna al primo matrimonio è leggermente diminuita. L'inversione della fertilità potrebbe rappresentare una fluttuazione temporanea dell'età del matrimonio o, meno probabile, una diminuzione del tasso costante di uso di contraccettivi.

Migliaia di contadini algerini - principalmente uomini berberi della regione della Cabilia - di fronte all'espropriazione della terra e alle difficoltà economiche sotto il dominio francese, emigrarono temporaneamente in Francia per lavorare nell'industria manifatturiera e mineraria durante la prima metà del XX secolo. Questo movimento accelerò durante la prima guerra mondiale, quando gli algerini sostituirono gli operai francesi o prestarono servizio come soldati. Negli anni successivi all'indipendenza, i lavoratori algerini poco qualificati e gli algerini che avevano sostenuto i francesi (noti come Harkis) emigrarono in massa in Francia. Regole francesi più rigide sull'immigrazione e la decisione di Algeri di cessare la gestione della migrazione per lavoro in Francia negli anni '70 limitarono l'emigrazione legale in gran parte al ricongiungimento familiare.

Solo con la guerra civile algerina negli anni '90 il paese ha nuovamente sperimentato un'emigrazione sostanziale. Molti algerini sono entrati legalmente in Tunisia senza visto sostenendo di essere turisti e poi sono rimasti come lavoratori. Altri algerini si sono diretti in Europa in cerca di asilo, anche se la Francia ha imposto restrizioni. I migranti dell'Africa subsahariana sono venuti in Algeria dopo la guerra civile per lavorare nell'agricoltura e nell'estrazione mineraria. Negli anni 2000, un'ondata di algerini istruiti è andata all'estero alla ricerca di lavori qualificati in una gamma più ampia di destinazioni, aumentando la loro presenza in Nord America e Spagna. Allo stesso tempo, i lavoratori stranieri legali, principalmente dalla Cina e dall'Egitto, sono venuti a lavorare nei settori edile e petrolifero dell'Algeria. I migranti illegali provenienti dall'Africa subsahariana, in particolare maliani, nigeriani e gambiani, continuano a venire in Algeria in cerca di lavoro o per utilizzarlo come trampolino di lancio per la Libia e l'Europa.

Dal 1975, l'Algeria è anche il principale destinatario dei rifugiati sahrawi dal conflitto in corso nel Sahara occidentale. Si stima che più di 1000.000 sahrawi vivano in cinque campi profughi nel sud-ovest dell'Algeria vicino a Tindouf.

Questa è la piramide della popolazione per l'Algeria. Una piramide della popolazione illustra l'età e la struttura del sesso della popolazione di un paese e può fornire spunti sulla stabilità politica e sociale, nonché sullo sviluppo economico. La popolazione è distribuita lungo l'asse orizzontale, con i maschi mostrati a sinistra e le femmine a destra. Le popolazioni maschili e femminili sono suddivise in classi di età di 5 anni rappresentate da barre orizzontali lungo l'asse verticale, con le classi di età più giovani in basso e le più anziane in alto. La forma della piramide della popolazione si evolve gradualmente nel tempo in base alla fertilità, alla mortalità e alle tendenze migratorie internazionali.

Per ulteriori informazioni, vedere la voce Piramide della popolazione nella pagina Definizioni e note nella scheda Riferimenti.


Composizione [ modifica | modifica sorgente]

L'esercito è sotto il controllo del presidente (dal 1999 Abdelaziz Bouteflika), che è anche ministro della Difesa nazionale. La CIA statunitense stima che le spese militari abbiano rappresentato circa il 3,3% del PIL nel 2006. Α]

  • L'Esercito Nazionale del Popolo
  • Marina Nazionale Algerina (ARR)
  • aeronautica algerina (QJJ)
  • Forza di Difesa Aerea Territoriale

Le forze militari regolari sono composte da coscritti a tutti gli uomini algerini è richiesto un anno e mezzo di servizio militare.

Le forze militari sono integrate da una gendarmeria di 150.000 membri e da 200.000 membri Sreté nationale o polizia metropolitana sotto il Ministero dell'Interno. [ citazione necessaria ] L'intelligence militare, riconosciuta per aver svolto un importante ruolo politico, è stata a lungo chiamata Sicurezza militare (Sicurezza militare, SM) ma riorganizzata alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90 fino a oggi Département du renseignement et de la sécurité (Dipartimento di Intelligence e Sicurezza, DRS). Il DRS e il suo ramo di controspionaggio, DCE, hanno assunto un ruolo di primo piano nella lotta contro l'insurrezione islamista degli anni '90 attraverso una serie di proprie unità di forze speciali, nonché istituendo comandi di task force congiunti che hanno assunto il controllo di militari specializzati e unità di polizia.

L'Algeria è uno dei quattro stati del Sahara che creeranno un Comitato congiunto di stato maggiore militare, con sede a Tamanrasset, nel sud dell'Algeria. Parteciperanno Algeria, Mauritania, Niger e Mali. Β]


Citazione

agricoltura Ambiente Militare
Sfondo Geografia Le persone
Conflitto Governo Religione
Costo della vita Salute Gli sport
crimine Importare Terrorismo
Cultura Industria Trasporto
disastri Lavoro Viaggiare
Economia Lingua Tempo metereologico
Formazione scolastica Stile di vita
Energia Media

Fattoide #169

Statistiche

Profili nazionali

Confrontare

© Copyright NationMaster.com 2003-2021.

Tutti i diritti riservati. L'utilizzo implica l'accordo con i termini.

Incorpora contenuto

Aggiungi i contenuti di NationMaster al tuo sito web. Copia il codice qui sotto e incollalo nel tuo sito web.


Algeria

Algeria (Arabo: ا) è un paese del Nord Africa sul Mediterraneo. La fantastica diversità di paesaggi e l'eredità culturale estremamente ricca dell'Algeria (che vanta non meno di 7 siti del patrimonio mondiale), combinata con il suo alto livello di sviluppo economico e sociale (almeno per gli standard africani), potrebbe facilmente renderla una delle località turistiche più popolari in Africa. Sfortunatamente, il paese ha ancora una serie di problemi di sicurezza, come i gruppi terroristici armati, che spesso prendono di mira gli stranieri.

Algeria centrale
l'area metropolitana intorno alla capitale
Algeria nord-orientale
le vaste montagne e gli altipiani a est di Algeri
Algeria nordoccidentale
la zona costiera montuosa a ovest di Algeri
Atlante del Sahara
la catena montuosa nell'entroterra degli altipiani
Algeria sahariana
il vasto deserto nel sud del paese
  • 36.776388888889 3.0586111111111 1Algeri — con quasi 3 milioni di abitanti, Algeri è la capitale dell'Algeria e il centro politico e culturale della nazione.
  • 36.9 7.7666666666667 2Annaba — una città di 200.000 abitanti nell'est del paese vicino al confine con la Tunisia.
  • 35.55 6.1666666666667 3Batna
  • 31.633333333333 -2.2 4Bechar — piccola città del Sahara, non lontano dal confine con il Marocco.
  • 36.365 6.6147222222222 5Costantino - La terza città più grande dell'Algeria attraversata da un canyon.
  • 35.696944444444 -0.63305555555556 6Orano — La seconda città più grande dell'Algeria dopo Algeri, chiamata anche "seconda Parigi" dagli algerini, con molti edifici imponenti dell'epoca coloniale.
  • 36.19 5.41 7Sétif — la capitale commerciale dell'Algeria, Setif El-Ali (l'Alto) è la capitale degli altipiani, con temperature abbastanza moderate e nevicate occasionali in inverno.
  • 22.785 5.5227777777778 8Tamanrasset — più grande città del sud e punto di partenza per spedizioni nel Sahara e nelle montagne dell'Hoggar.
  • 29.25 0.23333333333333 9Timimoun — una piccola oasi sahariana che costituisce una buona base per le gite nel deserto.
  • Rovine romane a Timgad - fuori Batna
  • El-Oued con la sua architettura a cupola e nelle vicinanze Grande Erg Orientale—il secondo campo di dune più grande del Sahara
  • Hippo Regius, 2 km a sud di Annaba, un'antica città numida un tempo centro della cristianità con terme romane e foro ben conservati
  • La fantastica architettura della M'zab Valley
  • Tassili N'Ajjer
Capitale Algeri
Valuta dinaro algerino (DZD)
Popolazione 41,3 milioni (2017)
Elettricità 230 volt / 50 hertz (Tipo E, Schuko, Europlug)
Prefisso internazionale +213
Fuso orario UTC+01:00
Emergenze +213-14 (servizi medici di emergenza, vigili del fuoco), 17 (polizia), 112 (polizia), +213-1548 (polizia), +213-1055 (gendarmeria)
Lato guida Giusto
modifica su Wikidata

L'Algeria ha avuto una lunga storia di colonizzazione da parte dei francesi. Ha vinto la sua indipendenza nella famosa rivoluzione del Primo novembre 1954, una guerra abbastanza sanguinosa che ha lasciato cicatrici. Nonostante la brutalità dei combattimenti e i tentativi francesi di sopprimere il movimento indipendentista, Algeria e Francia mantengono ancora stretti legami, con molti algerini e persone di origine algerina in Francia e il francese ancora comunemente parlato come seconda o terza lingua in Algeria oggi.

L'Algeria ha una costa del Mar Mediterraneo a nord. È circondato dal Marocco a nord-ovest, dalla Tunisia a nord-est, dalla Libia a est, dal Niger a sud-est, dal Mali a sud-ovest, dalla Mauritania e dal Sahara occidentale a ovest. È il paese più grande dell'Africa e anche il paese più sviluppato dell'Africa continentale secondo l'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite.

Elettricità Modifica

Ufficialmente, 220 V 50 Hz. Le prese sono lo standard europeo CEE-7/7 "Schukostecker" o "Schuko", o i tipi compatibili, ma non sempre con messa a terra, CEE-7/16 "Europlug". I viaggiatori canadesi e statunitensi dovrebbero mettere in valigia un adattatore per questi punti vendita se intendono utilizzare apparecchiature elettriche nordamericane in Algeria.

Requisiti di ammissione Modifica

I visti sono richiesti praticamente per tutte le nazionalità, ad eccezione dei cittadini di Libia, Malaysia, Mali, Mauritania, Marocco, Sahara occidentale, Seychelles, Tunisia e Yemen.

I visti turistici possono essere concessi per un massimo di 90 giorni. Per coloro che fanno domanda tramite il consolato algerino di Londra, le tariffe variano da £ 85 per i titolari di passaporto del Regno Unito e £ 60 per i titolari di passaporto irlandese. Consultare l'ambasciata/consolato locale o più vicino.

Quando si richiede un visto per l'Algeria, è necessario fornire un estratto conto/bancario, prenotazioni di voli e hotel e un certificato di alloggio. I candidati devono fornire con la loro domanda un invito dal loro ospite in Algeria e autenticato presso il municipio in cui risiede il tuo ospite. Secondo le informazioni sui siti Web delle ambasciate del Regno Unito e dell'Australia, è accettabile una lettera di itinerario di un agente di viaggio ufficiale algerino. L'Ambasciata non accetterà inviti inviati via fax o inviati separatamente.

I coniugi di cittadini algerini devono presentare una copia della carta di registrazione consolare valida del loro coniuge e una lettera di sponsorizzazione firmata dal coniuge algerino.

È richiesta la documentazione completa. Qualsiasi documentazione incompleta può prolungare il tempo di elaborazione o restituita al richiedente al costo. L'elaborazione di una domanda può essere ritardata, se è richiesto il previo accordo delle autorità algerine. Inoltre, l'Ambasciata si riserva il diritto di richiedere documentazione aggiuntiva a qualsiasi richiedente. Non è responsabilità dell'Ambasciata in caso di ritardo nell'elaborazione della domanda di visto. I candidati devono organizzare il viaggio in Algeria in base alla data di ingresso indicata sul visto. I candidati non devono arrivare in Algeria prima di tale data non potranno entrare. In caso di modifica dei piani di viaggio, i richiedenti devono ottenere un nuovo visto.

Restituzione dei passaporti: I candidati possono ritirare i loro passaporti presso l'Ambasciata o inviare una busta preaffrancata con il proprio indirizzo. L'Ambasciata non è responsabile per la perdita o il ritardo del documento da parte dell'ufficio postale o altri servizi di visto, quindi è meglio ritirare il passaporto se possibile.

In aereo Modifica

36.694444 3.216944 1 Aeroporto di Houari Boumediene ( ALG IATA ). La maggior parte delle principali compagnie aeree europee come (Lufthansa, British Airways, Air France, Iberia, Alitalia, TAP Portugal, Turkish Airlines) volano giornalmente ad Algeri ma ci sono anche alcune rotte a lungo raggio come (Pechino, Montreal, Doha)
Dal Regno Unito volare via Barcellona o Madrid può essere più economico che volare direttamente.
Dagli Stati Uniti il ​​modo più economico per raggiungere Algeri è tramite Londra (British Airways), Parigi (Air France) o Francoforte (Lufthansa).
La compagnia di bandiera, Air Algerie, vola verso molte destinazioni in Europa, in particolare la Francia ma anche alcune città dell'Africa e del Medio Oriente. Tutte le destinazioni servite da Air Algerie da Algeri: Abidjan, Alicante, Bamako, Barcellona, ​​Basilea, Pechino, Beirut, Berlino, Bruxelles, Il Cairo, Casablanca, Dakar, Damasco, Dubai, Francoforte, Ginevra, Istanbul, Londra, Madrid, Milano, Montreal , Mosca, Niamey, Parigi, Roma, Tripoli, Tunisi.

In treno Modifica

La compagnia ferroviaria algerina si chiama SNTF e i biglietti possono essere acquistati presso le stazioni ferroviarie. La prenotazione on-line non sembra più possibile, gli orari sono soggetti a modifiche, il modo migliore è chiedere alla stazione dei treni. La rete al nord è fitta. Puoi raggiungere l'Algeria in treno dalla Tunisia, anche se dovrai cambiare treno al posto di frontiera. Tutti i punti di confine con il Marocco sono chiusi.

Se puoi, prova a prendere i treni più recenti perché sono più comodi e climatizzati.

In macchina Modifica

La Libia ha "temporaneamente" chiuso il confine terrestre con l'Algeria il 16 dicembre 2012. Non è chiaro quando riaprirà il confine.

Il modo realistico e più sicuro per raggiungere l'Algeria in auto è attraverso il confine tunisino. I confini della Mauritania e del Mali presentano alcuni problemi di sicurezza e il confine con il Marocco è chiuso. Nota che, se vuoi entrare in Algeria dal Niger o dal posto di frontiera di Tozeur nel sud della Tunisia, dovrai assumere una guida ufficiale che ti accompagni attraverso le rotte sahariane, altrimenti la polizia non ti permetterà di entrare in Algeria con la tua auto.

Non ci sono problemi se vuoi entrare in Algeria dai posti di frontiera tunisini nel nord. A luglio 2017 il confine con il Marocco è ancora chiuso.

In barca Modifica

I prezzi sono generalmente più economici del volo, quindi se puoi e non hai la macchina, prendi un aereo. La maggior parte dei collegamenti sono offerti da Algerie Ferries.

  • Alicante a Algeri e Oran
  • Almeria a Ghazaouet
  • Barcellona ad Algeri e Oran
  • Napoli a Tunisi e prendere una strada per 1 ora
  • Roma (Civitavecchia) a Tunisi e prendere una strada per 1 ora

L'Algeria è un enorme paese e viaggiare tra le principali città può richiedere anche molto tempo e nervi, mentre le distanze nel nord più popolato non sono così grandi e un viaggio da est a ovest può essere fatto in un giorno viaggiando verso le città del Sahara è più difficile poiché il sud è a malapena collegato con buone strade, treni e autobus.

In aereo Modifica

Da Algeri è possibile raggiungere quasi tutte le principali città algerine in aereo e si consiglia vivamente di prendere un volo quando si percorrono rotte più lunghe e verso le città sahariane. Houari Boumediene, ad Algeri, è l'unico aeroporto moderno del paese, gli altri aeroporti sono più simili ad aeroporti e mancano di infrastrutture.

Air Algeria è la compagnia di bandiera con molti voli verso quasi tutte le città algerine dotate di aeroporto. I prezzi variano in base alla lunghezza del percorso aereo Le città tendono ad essere più costose rispetto alle città più grandi (come Orano ad Algeri). La compagnia aerea utilizza l'aeroporto Houari Boumediene come hub e quasi tutti i voli partono o atterrano lì. Ci sono sette voli giornalieri per Orano da Algeri e cinque voli giornalieri per Annaba e Costantino. Altre destinazioni servite da Algeri giornalmente o più giorni alla settimana sono Adrar, El Oued, Tebessa, Batna, Biskra, Sétif, In Ames, Tindouf, Timmoun, Tlemcen, Tamanrasset, Tiaret, Tebessa, El Goela, Ouaragla, Hassi Mesaoud, Bejaia, Ghardaia , Tlemcen, Illizi, Djanet, Touggourt e Béchar.

In taxi Modifica

È normale prendere un taxi per viaggiare tra le città vicine o nelle città, i prezzi sono piuttosto moderati ma quando si viaggia tra città più grandi con grandi distanze i taxi sono uguali o più costosi dell'aereo. Cerca di evitare i taxi non ufficiali poiché è molto probabile che l'autista ti deruberà. La maggior parte dei taxi non ha tassametro, quindi concorda un prezzo in anticipo. Molti conducenti cercheranno di approfittare della tua mancanza di conoscenza ma non pagheranno mai più di 30 DA per km indipendentemente da ciò che ti viene detto. La mancia non è necessaria, ma puoi arrotondare per eccesso ai 10 DA successivi.

In macchina Modifica

La rete stradale è ben sviluppata nel nord, il governo algerino ha fatto molti miglioramenti negli ultimi anni per quanto riguarda la costruzione di strade, sono state costruite nuove autostrade per sostituire le strade già dissestate. L'autostrada più importante è la 1200 km N1 (Rotta est-ovest) da Annaba a Orano, quasi tutte le città più grandi del nord sono collegate a questa autostrada, compresa Algeri.

L'auto non è assolutamente necessaria a causa del buon funzionamento del sistema di trasporto pubblico, ma a volte potrebbe essere utile per raggiungere zone più remote. Tieni presente che le abitudini di guida sono completamente diverse rispetto alle norme occidentali e che regole e cartelli di divieto sono più visti come linee guida, anche dalla polizia! Sarebbe una decisione saggia lasciare che un algerino locale faccia la guida per te nei primi giorni per avere un'idea dello stile di guida, se ciò non è possibile, si consiglia di rimanere sulle autostrade.

Non provare a raggiungere le zone sahariane con un'auto diversa da un 4x4, dune occasionali sulle strade e sbalzi di temperatura estremi offriranno una sfida per il guidatore e l'auto.

A partire dal 2018, il carburante non costerà più di 50 DZD al litro.

In treno Modifica

Le ferrovie algerine sono gestite da SNTF i treni e le linee sono in corso di ammodernamento. Sono stati acquistati dieci comodi treni ad alta velocità denominati Autorail, due dei quali sono in funzione. Nonostante il sito sia utile per controllare orari etc, i biglietti non si possono acquistare on-line, solo nelle stazioni ferroviarie, i prezzi sono abbastanza moderati ma più cari di bus o taxi ma in cambio avrete più comodità e godrete di paesaggi meravigliosi.

  • Algeri a Orano, cinque partenze giornaliere dal nuovo Agha Stazione, questo viaggio dura 4 ore, 2a classe: DA 900, 1a classe: DA 1 200.
  • Algeri a Annaba, con partenza ogni sera alle 19:40 e arrivo ad Annaba (via Costantino) alle 05:38 del mattino successivo. 2a classe: DA 900, 1a classe: DA 1 270.
  • Algeri a Costantino come sopra
  • Algeri a Touggourt, partenza tutti i giorni alle 18:10, arrivo a Touggourt alle 05:00 del mattino successivo. 2a classe: DA 1 500, 1a classe: DA 2 005.
  • Orano a Bechar, due partenze giornaliere. Un treno diurno parte da Orano alle 10:20, mentre il treno notturno parte alle 20:30. 2a classe: DA 975, 1a classe: DA 1 370.
  • Annaba a Tebessa, partendo da Annaba alle 16:40 e arrivando a Tebessa alle 21:49. 2a classe: DA 255, 1a classe: DA 360.

Simile a quello della Libia, il turismo algerino è noto soprattutto per la sua antiche rovine—principalmente quelli di epoca fenicia, romana e bizantina. Alcuni dei più famosi includono Timgad vicino a Batna, Ippopotamo Regius ad Annaba, Djemila a Sétif, calama a Guelma, e le rovine di tutti e tre gli imperi a Tipasa.

Sebbene meglio conosciuta per le rovine romane, le maggiori possibilità turistiche dell'Algeria si trovano nel Sahara semplicemente non c'è nessun altro paese sulla terra che possa offrire il tipo di avventure emozionanti ed esotiche intorno al grande deserto. Il gioiello della corona è il centro della cultura mozabita nella valle di M'zab. Le cinque città interconnesse sono un parco giochi architettonico mozzafiato che evoca l'arte cubista e surrealista moderna. Devono semplicemente essere visti di persona. Ma anche i paesaggi sono impressionanti: le aspre e aspre montagne dell'Atlante sahariano, il deserto infinito e le montagne di Hoggar intorno alla capitale desertica del paese di Tamanrasset, l'enorme campo di dune del Grand Erg Oriental a El-Oued e le antiche incisioni rupestri di Djelfa e il Parco Nazionale del Sahara del Tassili N'Ajjer.

Il Mediterraneo spiagge in Algeria sono tristemente sottosviluppati, nonostante un ottimo potenziale, a causa della scarsa sicurezza del paese che spaventa quasi tutti i turisti. But if you are in the country for a while, a bit of relaxation will at some point be in order, and there is no need to fly over to Tunisia. Oran (urban) on the Turquoise Coast, Annaba, and particularly Skikda and Ghazaouet all have nice beaches. The spot to go near Algiers is undoubtedly the resort town of Sidi Fredj.

Of Algeria's major cities, you may be surprised at just how little of interest there is to see—Algeria's more exotic locales are a much bigger draw than its modern culture (stifled by conflict and abysmal government), Islamic heritage, and colonial legacy. Algiers, the famed White City, is actually a much less touristic city than one might expect, given its central role in the country's economic, political, and cultural life. But all visitors will pass through anyway, so the Casbah—Algiers' historic seventeenth century center—is certainly worth a visit. There are a few nice, more laid-back large cities in the northwest, particularly the country's second largest city of Oran and the historic city of Tlemcen. In the northeast, Constantine is the one major city that deserves a spot on your itinerary.

Travel on camels in the Sahara desert. Locations:

The official languages are Arabic and Berber.

The Arabic spoken in the Maghreb Region (Morocco, Algeria, Tunisia) is quite different from the Arabic spoken in other parts of the Arab World, so don't be surprised if you don't understand anything said to you even if you are competent in standard Arabic. Algerian Arabic contains many French words. All Algerians learn to speak standard Arabic in school, but it's not used as the main communication language if you don't understand someone, just ask the person to speak standard Arabic (al-arabiyya al-fus'ha). Egyptian Arabic is also widely understood because of the popularity of Egyptian cinema.

Berber is also spoken by many people in Algeria, mainly in rural areas, the largest of which is the historic Kabylie region, which includes large parts of central and Northeast Algeria, near the capital.

French, the colonial language, is not the main communication language, but it is widely spoken and understood as Algerian schools teach it starting from the third grade.

Generally, only the younger generations in Algeria can understand and speak some English (starting from the first year in high school, some students can speak and understand English very well), but most people are able to communicate in French.

Some common phrases in Algerian Arabic:

  • Washrak— How are you ?
  • Mlih — Good
  • Shukran — Thank you
  • Y'Semoni or wasamni . — My Name is .
  • Shehal — How much ? or how much it cost ?

Money Edit

Exchange rates for Algerian dinar

Exchange rates fluctuate. Current rates for these and other currencies are available from XE.com

Algerian currency is the Algerian dinar, denoted by the symbol "د.ج" or "DA" (ISO code: DZD). There are coins of DA5, DA10, DA20, DA50 and DA100. Banknotes are issued in DA100, DA200, DA500, DA1000, DA2000, DA5000 denominations.

Money can be exchanged at banks or post offices. Make sure that the exchanged bills are in good condition people tend to be picky with accepting ripped and older bills. Be careful with currencies other than euros or US dollars - it could be hard to find a bank that exchanges less common currencies.

A better exchange rate can usually be found by exchanging money through unofficial money changers on street corners. There are locations where this is incredibly common practice. The exchange rate offered is generally greatly better than the official rate. It seems to be a very safe practice, and is often done in view of police, who don't seem concerned.

ATMs are widely available and can be found in every post office or larger bank where you can withdraw Algerian dinar with any major credit card and Maestro cards. If a pin with 6 numbers is necessary just enter two zeros before your pin. A lot of Algerian branded ATMs don't work for foreign cards (even when showing that they support Mastercard or Visa). You may have luck with Societé Générale ATMs.

Generally speaking, Algeria is a very cash-based society and most establishments won't accept credit cards. Some hotels do (in particular larger establishments), but a number don't. Bringing a large supply of Euro in cash can result in much cheaper travels by taking advantage of the much better exchange rates offered by the unofficial exchange market as mentioned above.

Algeria has had a parallel currency exchange market for several years, e.g. with exchange rates in August 2018 being DA215 to the euro at the parallel market, versus around 140 to the US dollar at the official Forex market. Thus, travellers willing to exchange euros will be roughly 50% more purchasing power. However, please take care if exchanging on the parallel market, both for your safety and beware of the possibility of fake bills.

Costs Edit

Living in Algeria is very cheap compared to western conditions for an example DA300 will get you a full meal or a bus ride from Algiers to Oran (400 km). Renting a mid-sized apartment will normally cost about DA60,000 per month, payable 6 months in advance an underground metro ticket is DA50.

Algerian food is delicious. Note that some French dishes are variations from it.

  • Fettate (Sahara speciality, in Tamanrasset)
  • Taguella (bread of sand, a nomad speciality)
  • Couscous (steamed semolina with sauce containing meat and/or potatoes, carrots, courgette, and chick peas)
  • Buseluf (cooked lambs head)
  • Dowara (stew of stomach and intestines with courgette & chick peas)
  • Chorba (a meaty soup)
  • Rechta (hand made spaghetti, usually served with a clear chicken broth, potatoes & chick peas)
  • Chakchouka (normally, it has green peppers, onions and tomatoes egg may be added)
  • Mechoui (charcoal grilled lamb)
  • Algerian pizza
  • Tajine (stew)
  • Mhadjeb
  • Qalb El Louz (dessert containing almonds)
  • Baklawa (almond cakes drenched in honey)
  • Ktayef (a kind of baked vermicelli, filled with almonds and drenched in sugar, syrup, and honey)

Algeria produces a selection of wine (not in big volume) and also beer. Algeria was once famous for its high quality wines. The new production is also of very high quality, particularly the red wine. Locally produced beer is also of a very high standard. Algeria is a majority Muslim country, so you do not find alcohol sold everywhere, but it is not hard to find it. Wine and alcoholic drinks are sold in the few bar restaurants in the big cities, better hotels, and night clubs. Some bar/restaurants can be found in nice parks, so if you are in a nice wooded park, look for the restaurants. The fast food restaurants that are open and affordable to the public do not sell beer, and the coffee shops do not sell alcohol. If you visit Algiers or coastal cities, there are fish restaurants in almost every fishing port, the fishing is traditional and the fish sold is very fresh usually, these restaurants sell alcohol but you have to ask (do not expect to see it, some times it is on the menu, some times not).

  • Mediterranean juices (grenadine, orange)
  • Very sweet green tea
  • Strong coffee

The safest way and most friendly to learn is to get closer to a small circle of people and listen. There is also a tradition of oral transmission of knowledge. It is also good to be open to others and not to refuse what they offer: accept it willingly.

Language courses are available in all large cities: they offer mainly French and English.

Despite high unemployment, the government encourages foreign investment in different sectors. Unemployment is, however, one major problem in Algeria. In fact, it is very difficult to identify the phenomenon in the absence of a real substantive work, able to give an exact idea of the exact extent of the phenomenon. What we know, for cons, is that the informal economy and undeclared work occupies a vast majority of Algerians and spares no industry. Some sources estimate that about 40% of the part played by the informal sector in the country's economic activity, and the phenomenon has never been considered in the evaluation of the unemployment rate in Algeria.

Terrorists are highly active in southern Algeria.

Do not travel after nightfall travel by plane if you can, instead of by car avoid minor roads ask the police or gendarmes if you are unsure about your surroundings. Check the travel advice on the Australian, Canadian, Irish and New Zealand government websites.

Algiers is sometimes struck by localised power cuts, which means that refrigerated foods may go bad. Therefore, you should keep that in mind when eating in restaurants, as the likelihood of getting food poisoning is always there.

Mosquitoes are also a problem in Algeria, but they are just a nuisance, as malaria is not common. In urban areas, there is periodic city-wide spraying against mosquitoes.

Do not expect very good acqua quality, for drinking you can buy bottles of water instead of drinking tap water, they are cheap at DA 30 for 2L, so 5L of good water costs less than US$1.

Ramadan is the 9th and holiest month in the Islamic calendar and lasts 29–30 days. Muslims fast every day for its duration and most restaurants will be closed until the fast breaks at dusk. Nothing (including water and cigarettes) is supposed to pass through the lips from dawn to sunset. Non-Muslims are exempt from this, but should still refrain from eating or drinking in public as this is considered very impolite. Working hours are decreased as well in the corporate world. Exact dates of Ramadan depend on local astronomical observations and may vary somewhat from country to country. Ramadan concludes with the festival of Eid al-Fitr, which may last several days, usually three in most countries.

  • 13 April – 12 May 2021 (1442 AH)
  • 2 April – 1 May 2022 (1443 AH)
  • 23 March – 20 April 2023 (1444 AH)
  • 11 March – 9 April 2024 (1445 AH)
  • 1 March – 29 March 2025 (1446 AH)

If you're planning to travel to Algeria during Ramadan, consider reading Travelling during Ramadan.

As in all of North Africa, the dominant religion in Algeria is Islam, and appropriate religious prohibitions and attitudes should be in order. If visiting a mosque, for example, be sure to be dressed conservatively and remove your shoes before entering it. Alcohol policy is not the same all over the country, with some cities prohibiting bars and/or liquor stores. Keep in mind to drink only at home or in a bar never in public.

Though many Algerians speak French (usually as a second language), do not act as if Algeria is French. This is likely to offend.

Honour is an important cornerstone of Algerian culture. Algerians believe that turning down someone's request causes them to lose honour and they will normally go out their way to fulfil any kind of request.

As a foreigner, it's important to be prudent with your choice of words as Algerians are particularly sensitive to being beckoned directly, particularly publically and from non-Algerians. Your harsh words, even if it is coming from a good place, may have a huge impact on the locals. It's worth mentioning that Algerians use nonverbal language to express their dissatisfaction and expect that the other person will approach them.

Asking questions about Algerian history, geography, tourist attractions, culture, and so on is a great way to leave a good impression on the locals, and many Algerians will develop a deep respect for you. However, it's advisable to not discuss local politics since taking sides or stating one’s opinion is considered to be interference in their internal affairs.

Algeria is a diverse country, with the Arabs constituting the majority of the population and the Berbers being the most prominent minority. Ethnic politics is a sensitive issue, particularly among the Berbers. Asking someone about what their ethnicity is could raise suspicions.

Unlike in other parts of the Middle East e North Africa, Algerians like to keep their private lives to themselves and do not like to discuss their family life, especially around people they're not well acquainted with. It's not considered rude to ask if someone's married or if they have children, but it's best to not have a whole discussion over it.

Smoking Edit

All cigarettes are sold freely.

Smoking in the presence of someone who is not a smoker in a public place requires his permission. If someone does not like the smoke, coughs, or asks you not to smoke, just stop and say sorry. This is what the locals do. If you are invited to someone's house, do not smoke unless the host does and after he does, you can ask for permission to smoke.

If you are in a restaurant or coffee terrace where people smoke, you can smoke, but if you are with locals who are not smokers, ask them first if it is okay. Fewer and fewer people smoke, because of a global health awareness campaign. It is also culturally unacceptable for women to smoke, and women who do so are stigmatized.

If you are a European non-smoker, you will still find it unpleasant in many public places because of smoking.

Mobile phone connections Edit

There are 3 main mobile services in Algeria - Mobilis, Djezzy and Ooredoo (previously Nedima). It is easy to procure a pre-paid sim card for one of these operators at any airport. Mobilis offers a pre-paid card for DA 200 which includes DA 100 in calling credit. There are several general stores all over the country which will sell you refill cards for these carriers. 3G services were launched on 1 December 2013, and 4G is available in a selection of major cities by all carriers.

Internet connection Edit

The only internet provider is the government owned Algerie Telecom which offers ADSL internet with speeds that vary from 1 Mbps to 20 Mbps and prices of 1600 DA to 7200 DA respectively. 4G LTE is also available, but speeds are very slow and service is not very good in rural areas.


7. State-Owned Enterprises

More than half of the formal Algerian economy is comprised of state-owned enterprises (SOEs), led by the national oil and gas company Sonatrach, although SOEs are present in all sectors of the economy. SOEs are so prevalent that a comprehensive public list does not exist rather all SOEs are amalgamated into a single line of the state budget. SOEs are listed in the official business registry. To be defined as an SOE, a company must be at least 51 percent owned by the state.

Algerian SOEs are generally heavily bureaucratic and may be subject to political influence. There are competing lines of authority at the mid-levels, and contacts report mid- and upper-level managers are reluctant to make decisions because internal accusations of favoritism or corruption are often used to settle political scores. Senior management teams at SOEs report to their relevant ministries CEOs of the larger companies such as Sonatrach, electric and gas utility Sonelgaz, and airline Air Algerie report directly to ministers. Boards of directors are appointed by the state, and the allocation of these seats is considered political. SOEs are not known to adhere to the OECD Guidelines on Corporate Governance.

Legally, public and private companies compete under the same terms with respect to market share, products and services, and incentives. In reality, private enterprises assert that public companies sometimes receive more favorable treatment. Private enterprises have the same access to financing as SOEs, but they tend to work more with private banks and they are far less bureaucratic than are their public counterparts. Public companies generally refrain from doing business with private banks. In 2008, a government directive ordered public companies to work only with public banks. The directive was later officially rescinded, but the effect has held as a self-imposed practice by public companies. SOEs are subject to the same tax burden and tax rebate policies as their private sector competitors, but business contacts report that the government favors SOEs over private sector companies in terms of access to land.

SOEs are subject to budget constraints. Audits of public companies are conducted by the Court of Auditors, a financially autonomous institution. A Constitutional revision of Article 192 in March 2016 enshrined the independence of the Court. The constitution explicitly charges it with “ex post inspection of the finances of the state, collectivities, public services, and commercial capital of the state,” as well as preparing and submitting an annual report to the President, heads of both chambers of Parliament, and Prime Minister. The previous constitution of 1996 had not included the state’s commercial capital in the Court’s mandate, nor had it required its annual report be shared with anyone but the President. Now, the Court makes its audits public on its website, for free.

The Court conducts audits simultaneously but independently from the Ministry of Finance’s year-end reports. The Court makes its reports available online once they are finalized and delivered to the Parliament, whereas the Ministry withholds publishing year-end reports until after the Parliament and President have approved them. The Court’s audit reports cover the entire implemented national budget by fiscal year and examine each annual planning budget that is passed by Parliament.

The General Inspectorate of Finance (IGF), the public auditing body under the supervision of the Ministry of Finance, can conduct “no-notice” audits of public companies. The results of these audits are sent directly to the Minister of Finance, and the offices of the President and Prime Minister. They are not made available publicly. The Court of Auditors and IFG previously had joint responsibility for auditing certain accounts, but they are in the process of eliminating this redundancy.

Privatization Program

There has been very limited privatization of certain projects previously managed by SOEs in the water sector and likely other sectors. However, the privatization of SOEs remains a highly sensitive issue and has been halted.


Algeria National Air Transport System - History

OFFICIAL NAME: Democratic and Popular Republic of Algeria
CAPITAL: Algiers
SYSTEM OF GOVERNMENT: Multiparty Republic with interim military administration
AREA: 2,381,741 Sq Km (919,595 Sq Mi)
ESTIMATED 2000 POPULATION 31,624,000

LOCATION & GEOGRAPHY: Algeria is located in North Africa midway along the Mediterranean coastline. It is bound by the Mediterranean Sea to the north, Morocco to the west, Mauritania and Mali to the southwest, Niger to the southeast, Libya to the east and Tunisia to the northeast. The two mountain ranges of the Tell Atlas and Sahara Atlas divide the country into three topographical zones, (1.) a narrow fertile coastal plain and (2.) a high plateau which is a vast steppe plain that forms a depression between the Tell and Sahara Atlases. The plateau is also covered by salt lakes and salt marshes. (3.) The Sahara Desert which accounts for over 85% of the land area. Most of the Sahara is covered by Hamadas which are rocky plateaux and two great sand deserts, the Great Western Erg and the Great Eastern Erg. The only permanent river is the Chelif River. Major Cities (pop. est.) Algiers 1,507,000, Oran 610,000, Constantine 441,000, Annaba 223,000, Batna 182,000 (1987). Land Use forested 2%, pastures 13%, agricultural-cultivated 3%, other 82% (1993).

CLIMATE: The climate of Algeria is divided into three types, (1.) a Mediterranean in the north with dry hot summers and mild wet winters with rainfall increasing from west to east. (2.) A continental in the high plateau regions with higher daily temperatures while rainfall is patchy falling mainly within a short period. (3.) A true desert climate in the Sahara with erratic and spasmodic rainfall. In the summer Algeria experiences hot winds from the south known as the Chehili or Sirocco. The average temperature ranges in Algiers are from 9 to 15 degrees Celsius (48 to 59 degrees Fahrenheit) in January to 22 to 29 degrees Celsius (72 to 84 degrees Fahrenheit) in August.

PEOPLE: The principal ethnic majority are the Arabs or Arabized Berbers who account for around 83% of the population while the remaining 17% are Berbers. The non-Arab and non-Berber population accounts for 100,000 people mainly of European descent, predominantly French, although there are minorities of Italians, Spanish, Maltese and Corsican descendants. Although Algeria is predominantly a Muslim nation it is one of the few Muslim countries to have a surplus of females and over 50% of the population reported to be under the age of 20.

DEMOGRAPHIC/VITAL STATISTICS: Density 11 persons per sq km (28 persons per sq mi) (1991). Urban-Rural 49.7% urban, 50.3% rural (1987). Sex Distribution 50.5% male, 49.5% female (1987). Life Expectancy at Birth 65.8 years male, 66.3 years female (1987). Age Breakdown 44% under 15, 28% 15 to 29, 14% 30 to 44, 8% 45 to 59, 4% 60 to 74, 2% 75 and over (1987). Birth Rate 33.2 per 1,000 (1988). Death Rate 4.9 per 1,000 (1988). Increase Rate 28.3 per 1,000 (1988). Infant Mortality Rate 63.4 per 1,000 live births (1987).

RELIGIONS: The official religion is Islam with 99% of the population Sunni Muslims while Roman Catholics and Jews combined represent less than 1% of the population.

LANGUAGES: The official language is Arabic which is spoken by approximately 81% of the population, although due to France's long colonial rule French is also spoken with many Berbers choosing it as opposed to the imposition of Arabic. By necessity most Berbers are bilingual and even trilingual as they also have their own language with dialects.

EDUCATION: Economically active aged 16 or over and having attained: no formal schooling 38.2%, primary 20.8%, secondary 11.1%, vocational 19.7%, higher 9.3% (1989). Literacy literate population aged 15 or over 6,281,000 or 49.6% (1987).

MODERN HISTORY - WWII TO 1993: In 1945 an Arab nationalist movement launched a guerrilla war against French rule which resulted in heavy casualties. The eventual ceasefire as well as the withdrawal of the French troops was negotiated by the French President Charles De Gaulle, and as a result some one million Europeans were repatriated. On July 3, 1962 Algeria gained independence and Ahmed Ben Bella, the victor of the resulting infighting, ruled from 1962 to 1965 when an army coup installed Col. Houari Boumedienne as leader. In 1967 Algeria declared war with Israel, broke with the US and moved toward eventual military and political ties with the former USSR. In 1988 some 500 people died in riots protesting against economic hardship and in 1989 voters approved a new constitution which cleared the way for a multi-party political system as well as guaranteed fundamental rights and freedom for the Algerians. After the 1990 municipal elections in which the Front Islamique du Salut (FIS) won a weeping victory, the party leadership began to insist on general and presidential elections in 1991. The government (FLN) responded by promising legislative elections in June, but refusing presidential elections as well. During the year the government continued its market economy and electoral reforms. However, the FIS objected to these electoral reforms claiming they gerrymandered the new consitiuencies in favor of the FLN. In June 1991 a general strike called by the FIS led to fierce fighting between demonstrators and riot police and the country was placed into a State of Emergency which resulted in the postponement of elections. Also resulting from the crisis was the dismissal of Mouloud Hamrouche's government and its replacement by a pragmatic administration until elections in Dec. 1991. In the first round of elections held on Dec. 26, 1991 the FIS won a clear majority, however, before the planned Jan. 11, 1992 second round of elections took place the Algerian army forced Pres. Chadli Bendjedid to resign. A new army-backed regime, invited the political exiled Muhammad Boudiaf to return from Morocco to head the High Security Council (HSC). The security forces dismantled the FIS arresting some 9,000 militants and on Mar. 4, 1992 banned the FIS which resulted in an urban terrorist campaign against the regime. In April, 1992 Boudiaf appointed a 60-man Consultative Council and attempted to create a new political movement, the Assemble Patriotique. On June 29, 1992 Boudiaf was assassinated by a member of his personal bodyguard as a result of his anti-corruption drive and succeeded by Ali Kafi. On July 8, 1992 Belaid Abdessalam replaced Sid Ahmed Ghozali as Prime Minister and in October established special courts and severe punishments in an attempt to halt urban terrorism. During 1993 urban violence continued at the same levels as the previous year with more than 200 security personnel killed. During Feb. 1993 attacks and killings continued against prominent figures which resulted in a mass demonstration in Algiers on March 22. On the same day 18 soldiers were also killed in their barracks at Bougzoul. On Aug. 21, 1993 the HSC forced Abdessalam from office and established a new administration led by Redha Malek. Malek reversed his predecessor's policies by rescheduling foreign debt while maintained a resolute opposition to the Islamist movement. By Oct. 1993 some 1,000 Islamist sympathizers had died with 3,800 before the courts and 240 condemned to death.

CURRENCY: The official currency is the Dinar (DA) divided into 100 Centimes.

ECONOMY: Gross National Product USD $44,347000,000 (1993). Public Debt USD $24,587,000,000 (1993). Imports USD $7,770,000,000 (1993). Exports USD $10,230,000,000 (1993). Tourism Receipts USD $55,000,000 (1992). Balance of Trade USD -$260,000,000 (1991). Economically Active Population 5,711,000 or 22.8% of total population (1990). Unemployed 27% (1994).

MAIN TRADING PARTNERS: Its main trading partners are France, Germany, Japan, the US, Italy, the UK, Spain, Belgium and the Netherlands.

MAIN PRIMARY PRODUCTS: Barley, Cattle, Cereals, Citrus Fruits, Copper, Dates, Fish, Grapes, Iron Ore, Lead, Livestock, Oats, Oil and Natural Gas, Olives, Phosphates, Sheep, Timber, Uranium, Vegetables, Wheat, Zinc.

MAJOR INDUSTRIES: Agriculture, Cement, Clothing, Fertilizers, Food Processing, Iron and Steel, Mining, Machinery, Oil and Natural Gas Production and Refining, Petrochemicals, Textiles, Transport Equipment, Wine Production.

MAIN EXPORTS: Crude Oil, Dates, Fruit and Vegetables, Natural Gas, Petroleum Products, Wine.

TRANSPORT: Railroads route length 3,836 km (2,384 mi) (1988), passenger-km 1,972,000,000 (1,225,000,000 passenger-mi) (1987), cargo ton-km 2,937,000,000 (1,327,000,000 short ton-mi) (1987). Roads length 81,648 km, (50,734 mi) (1986). Vehicles cars 712,700 (1985), trucks and buses 471,500 (1985). Merchant Marine vessels 148 (1990), deadweight tonnage 1,062,067 (1990). Air Transport passenger-km 2,248,000,000 (1,397,000,000 passenger-mi) (1987), cargo ton-km 10,622,000 (7,275,000 short ton-mi) (1987).

COMMUNICATIONS: Daily Newspapers total of 5 with a total circulation of 1,000,000 (1992). Radio receivers 3,500,000 (1994). Television receivers 2,000,000 (1994). Telephones units 1,068,000 (1993).

MILITARY: 122,000 (1995) total active duty personnel with 86.3% army, 5.5% navy and 8.2% air force while military expenditure accounts for 3.0% (1993) of the Gross National Product (GNP).


© 1993-2011, Latimer Clarke Corporation Pty Ltd. All Rights Reserved
https://www.latimerclarke.com
Use of these site materials or portion thereof is restricted
Atlapedia is a trademark and in worldwide use

See our Legal Notice for Copyright and Linking conditions of use
Best viewed at 1024x768 or higher