Informazione

XTBM-4 orientale Avenger


XTBM-4 orientale Avenger

L'Eastern XTBM-4 Avenger era la designazione data a tre prototipi di una versione migliorata dell'Avenger che furono prodotti nel 1945. L'XTBM-4 aveva un'ala più forte e un meccanismo di piegatura dell'ala migliorato, e fu ordinato in produzione come TBM- 4 per la US Navy e Avenger IV per la Fleet Air Arm. Il primo prototipo fu completato prima della fine della guerra, ma la produzione fu annullata prima dell'inizio e i restanti due prototipi furono gli unici altri velivoli costruiti.


Vendicatore TBF/TBM

Di Stephen Sherman, aprile 2001. Aggiornato il 21 gennaio 2012.

Mentre il Douglas Devastator era stato "stato dell'arte" quando fu introdotto nel 1935, nel 1939, la Marina degli Stati Uniti decise che aveva bisogno di un aerosilurante più potente, uno con una portata maggiore, un carico utile maggiore, una maggiore velocità e una resistenza più dura. per combattere i danni. I requisiti per il nuovo velivolo includevano: una velocità massima di 300 MPH, un'autonomia (a pieno carico) di 1.000 miglia, un vano armi interno, 2000 libbre. carico utile e un soffitto di 30.000 piedi.

Il Grumman "Iron Works" sarebbe quasi inevitabilmente il fornitore. Leroy Grumman, un ingegnere di formazione, ha contribuito a progettare il bombardiere silurante che avrebbe soddisfatto le specifiche della marina. Il prototipo è stato designato XTBF-1: eXperimental, Torpedo Bomber, F = Grumman, 1a variante. Furono costruiti due aerei, uno dei quali si schiantò nei boschi vicino a Brentwood, Long Island. Ma il programma è continuato al ritmo rapido che è stato un segno distintivo della produzione di Grumman.

Costruito attorno al motore Wright R-2600-8 da 1700 cavalli, un radiale a doppia fila di 14 cilindri, il nuovo TBF presentava:

  • ali pieghevoli - critiche per l'uso del vettore. Grumman ha sviluppato un meccanismo di piegatura delle ali unico per il TBF e l'F6F, che ha piegato le ali contro la fusoliera, per lo stoccaggio più compatto possibile. Presumibilmente, Leroy Grumman ha prima fatto un brainstorming dell'idea con una gomma per sapone e graffette.
  • tre posti - Un pilota, un mitragliere di coda e un bombardiere/mitragliere di pancia.
  • torretta posteriore motorizzata - Come richiesto dalla Marina, l'aereo includeva una torretta motorizzata per l'artigliere posteriore, originariamente equipaggiato con una singola mitragliatrice calibro .30.
  • tre mitragliatrici calibro .30 - La mitragliatrice a torretta sopra indicata. Una pistola montata sul muso per il pilota, che spara attraverso l'elica. E un altro calibro .30 a fuoco posteriore era nascosto nella sua pancia. Questo armamento è stato aumentato nelle varianti successive.
  • grande baia interna - Montando le ali a metà della fusoliera, Grumman ha permesso una baia spaziosa, per un siluro da 2.000 libbre, o quattro bombe da 500 libbre, o un serbatoio di carburante extra.
  • grandi ali - Un marchio Grumman. Le ali relativamente grandi hanno contribuito a rendere l'aereo Grumman più facile da maneggiare, una caratteristica vitale per un aereo pilotato da masse di piloti con diversi livelli di abilità dai ponti di beccheggio e sollevamento.
  • robustezza estrema - Un'altra caratteristica di Grumman. La capacità di assorbire i danni della battaglia e continuare a volare era ugualmente importante, specialmente per gli equipaggi.

Nel pomeriggio del 7 dicembre 1941, Grumman tenne una cerimonia per aprire il suo nuovo stabilimento 2 a Bethpage e mostrare al pubblico il nuovo aerosilurante. Durante il programma, il vicepresidente di Grumman Clint Towl è stato chiamato al telefono. "I giapponesi hanno bombardato Pearl Harbor. Siamo in guerra." Nessun annuncio è stato fatto e i festeggiamenti sono continuati. Quando la folla uscì dall'impianto, chiusero a chiave i cancelli, spazzarono l'impianto in cerca di sabotatori e andarono su un piede di guerra, dove rimasero per quasi quattro anni.

Nei mesi successivi, Grumman ha lottato strenuamente per trasformare il suo prototipo realizzato a mano in un aeroplano prodotto in serie. A giugno, la società aveva consegnato 145 TBF-1 alla Marina, un ritmo che sarebbe stato sminuito nei prossimi tre anni.

Primo combattimento - A metà strada

I sei TBF del tenente Fieberling raggiunsero la flotta giapponese alle 7:10, scesero a bassa quota e si diressero verso le portaerei. Gli zeri sciamavano intorno ai vulnerabili aerosiluranti. Due TBF sono stati distrutti nel primo attacco, seguiti da altri tre. Rendendosi conto che non poteva raggiungere le portaerei, il guardiamarina Albert K. Earnest lanciò il suo siluro contro un incrociatore, poi si allontanò con due Zero dietro di lui. Earnest riportò il suo TBF a Midway, navigando "per indovinare e per Dio". Quello di Earnest è stato l'unico TBF a tornare, con nient'altro che il correttore di assetto per il controllo longitudinale, con una ruota e gli sportelli della baia dei siluri aperti. Radioman 3rd Class Harrier H. Ferrier è stato ferito e Seaman 1st Class Jay D. Manning, che stava operando la torretta mitragliatrice calibro .50, è stato ucciso durante l'attacco.

Salomone orientali - 24 agosto 1942

  • VT-8 acceso "Sara", comandato dal Cdr. Harold "Swede" Larsen
  • VT-3 sul "Grande E", guidato dal tenente Cdr. Charles M. Jett

Santa Cruz - 26 ottobre 1942

I due vettori sopravvissuti nel Pacifico, Impresa e calabrone, trasportava 14 Vendicatori ciascuno. Alla fine di ottobre, i due flattop statunitensi si scontrarono con lo sforzo giapponese di impadronirsi di Guadalcanal. Gli aerei di pattuglia delle flotte avversarie si sono avvistati l'un l'altro nelle prime ore del mattino ed entrambi hanno lanciato attacchi aerei nelle 200 miglia intercorse. Impresa e calabrone inviò tre attacchi, per un totale di 73 aerei: 18 Vendicatori, 32 bombardieri in picchiata e 23 caccia F4F.

Comandante Torpedo Ten, VT-10, da Impresa era il tenente Cdr. John A. Collett. Condusse i suoi aerosiluranti verso ovest, verso le navi giapponesi, superando Zero e Val diretti verso le navi americane. Quando gli aerei statunitensi trovarono i loro obiettivi, la pattuglia aerea da combattimento giapponese e la contraerea ne abbatterono la maggior parte. L'SBD è danneggiato sulla portaerei, ma i TBF sono stati sparati dal cielo. A Zero ha sparato al tenente Cdr. Il vendicatore di Collett. Lui e il suo radiotelegrafista, ARM1/c Thomas C. Nelson sono stati visti paracadutarsi. Nelson fu catturato e (credo) sopravvisse come prigioniero di guerra. Collett non fu mai più visto. (Una nota personale - I miei antenati materni includono la famiglia Abbott di Winterport, Maine. Il cimitero della famiglia Abbott lì include una pietra inscritta "Lt. Cdr. John A. Collett, comandante VT-10, perso nella battaglia di Santa Cruz, 26 ottobre 1942." Ovviamente non è sepolto lì. Presumo che sua madre fosse una Abbott, forse indicata dalla sua iniziale di mezzo "A". Uno dei miei tanti progetti incompiuti è determinare la relazione di Collett con i miei parenti Abbott. - SS)

Queste prime battaglie hanno mostrato i punti di forza e di debolezza del tipo. Forse la sua più grande debolezza non era in realtà un problema con l'aereo stesso, ma piuttosto con i siluri carenti usati dalla Marina degli Stati Uniti nei primi due anni di guerra. Quelle dannate cose non sono esplose (almeno non con un alto grado di affidabilità). I siluri Mark 13 erano fragili e dovevano essere lanciati da una bassa altezza, a velocità inferiori a 130 MPH. Hanno superato la loro profondità indicata di 11 piedi, non sono riusciti a esplodere quando hanno colpito e a volte sono esplosi prematuramente. Pertanto i TBF hanno effettuato molte missioni con bombe ordinarie da 500 libbre. L'aereo stesso era solido e poteva essere utilizzato in vari ruoli: aerosilurante, bombardiere planante, ricognitore, posamine e aereo da ricognizione. Con le sue buone strutture radio, la manovrabilità docile, il lungo raggio e i posti a sedere extra, è stato un aereo di comando ideale per i comandanti di gruppi aerei (CAG).

Affondare il ciao - Guadalcanal

Alle 6 del mattino, i bombardieri in picchiata di Henderson colpirono ciao. Un'ora dopo, la TBF del Corpo dei Marines di Moret ha lanciato un siluro nella corazzata alla deriva. Verso le 10 del mattino, sono venuti di nuovo da lei e hanno segnato con un altro "pesce".

In breve, il Impresa I Vendicatori hanno colpito. Il suo comandante del dipartimento aereo, John Crommelin, aveva inviato 15 Grumman TBF sotto il tenente Al "Scoofer" Coffin. Dovevano attaccare ciao, quindi atterra a Henderson Field. Quando furono lanciati la mattina presto, un preoccupato Crommelin non aveva idea se Henderson Field fosse occupato dagli americani dopo la feroce battaglia, e i suoi aerei non sarebbero stati in grado di tornare indietro Impresa. In lacrime, ha inviato i suoi ragazzi nei loro Grumman in una possibile missione di sola andata. Loro hanno raggiunto ciao alle 11:20. Il cielo era pieno di fumo nero, fuoco tracciante e aerei ronzanti. ciao sparato con tutto ciò che aveva, anche proiettili incendiari da 14 pollici, non sparati nella battaglia di superficie della notte precedente. I piloti di Avenger videro la grande fontana di conchiglie nel mare in fila uniforme diverse miglia a poppa. Hanno volato a tutto gas poco più in là ciaoE' bruciato e i ponti bruciati. Pochi secondi dopo, tre siluri colpirono ed esplosero. Ma ciao rimasto a galla. Il Impresa I Vendicatori volarono a Henderson Field e trovarono un'accoglienza amichevole da parte dei soldati americani.

Altri sei successi di Avengers del colonnello Moret ciao con altri due siluri. Per tutto il giorno, bombardieri in picchiata e F4F hanno molestato la corazzata. Al tramonto, il malandato hulk era condannato e l'ammiraglio Abe diede l'ordine di affondarla. I TBF avevano ottenuto la loro prima grande vittoria della guerra.

Tipico mensile
Produzione
Grumman
TBF-1
GM
TBM
Totale
Febbraio 1942 5 - 5
giugno 1942 60 - 60
novembre 1942 100 1 101
luglio 1943 150 100 250
giugno 1944 - 300 300
marzo 1945 - 400 400
TOTALE 2,291 7,546 9,837

GM entra nella battaglia della produzione - 1943

Gli impianti di Grumman erano completamente impegnati nella F6F Hellcat. Come parte dello sforzo di produzione nazionale in tempo di guerra, la General Motors (GM) ha messo a disposizione dello sforzo bellico cinque delle sue fabbriche - Tarrytown, Trenton, Linden, Bloomfield e Baltimora, insieme organizzate nella "Eastern Aircraft Division" della grande casa automobilistica . Grumman ha consegnato due TBF completi, con speciali viti "PK" rimovibili invece dei normali rivetti. Questi aerei hanno aiutato gli operai di GM a vedere come sono stati messi insieme i Vendicatori. Secondo lo schema di designazione dell'aereo della Marina, i Vendicatori GM sono stati identificati come TBM. Mentre la produzione di GM iniziò lentamente nel 1943, entro la fine dell'anno stava superando la produzione di Grumman, che eliminò completamente la produzione di Avenger entro la fine del 1943.

Rosie la rivettatrice

L'Avenger è collegato al famoso personaggio "Rosie the Riveter", simbolo delle donne americane che lavoravano nelle fabbriche in tempo di guerra. Sono apparsi vari resoconti sulla genesi della figura di "Rosie". Norman Rockwell ha creato l'immagine più familiare di "Rosie" per la copertina del Saturday Evening Post. L'immagine di Rockwell mostra una donna muscolosa vestita con tuta, maschera facciale e occhiali sulla testa, che mangia un panino, il suo strumento di rivettatura in grembo, i suoi piedi appoggiati su una copia del Mein Kampf. Due settimane dopo la pubblicazione dell'illustrazione di copertina, sulla stampa sono apparse storie che esaltavano il successo di Rose Hicker, un'operaia della Eastern Aircraft Division di GM a Tarrytown, che ha piantato un numero record di rivetti nell'ala di una TBM Avenger.

Modifiche

A partire dalla metà del 1944, GM iniziò a costruire la TBM-3, con il motore R-2600-20 più potente (1900 hp) e punti d'attacco alari per serbatoi sganciabili o razzi. Con oltre 4.600 TBM-3 costruite, erano le varianti più numerose. Tuttavia, anche nel febbraio 1945, la maggior parte dei Vendicatori sulle portaerei nel Pacifico erano le versioni Dash-1. Solo al VJ Day il vettore TorpRons è passato al Dash-3.

La produzione dell'Avenger si fermò subito dopo la fine delle ostilità.

O'Hare - Nov '43

La notte tra il 26 e il 27 novembre 1943 fu il primo test di combattimento del piano, a seguito di una precedente missione che non aveva contattato i giapponesi. I "Black Panthers", come venivano soprannominati i caccia notturni, comprendevano due sezioni di tre aerei. Entrambi includevano due Hellcats e un Avenger. Butch ha guidato la sua sezione dal suo F6F, Warren Skon ha volato sulla sua ala Lt. Cdr. Phillips ha pilotato il TBF con il radarman Hazen Rand e l'artigliere Alvin Kernan nell'equipaggio dell'aereo. Nella confusa azione notturna, O'Hare è caduto, molto probabilmente vittima di un colpo fortunato del Betty, ma forse a causa del fuoco amico. Leggi di più nel mio articolo su Ed O'Hare.

Alvin Kernan ha scritto una delle migliori memorie sulla Seconda Guerra Mondiale che abbia letto, Attraversare il limite: l'odissea della seconda guerra mondiale di una giacca blu. È esaurito, ma ho lasciato intenzionalmente il link ad Amazon. (Un'altra nota personale casuale: ho studiato Shakespeare con il professor Alvin Kernan nei primi anni '70, quando non avevo mai nemmeno sentito parlare di Butch O'Hare e non conoscevo un Vendicatore da uno Spitfire. - SS)

Alla fine del 1943 e all'inizio del 1944, più del nuovo Essexportaerei di classe schierate nel Pacifico, con i Vendicatori nei loro squadroni VT. I Vendicatori hanno partecipato allo storico raid del 16 febbraio su Truk.

La guerra degli U-Boat

Affondando I-52

In un fidanzamento straordinario, Avengers di USS Bogue CVE-9, il miglior sub-killing CVE dell'Atlantico, affondò il sottomarino da trasporto giapponese, I-52. Nel 1943 i giapponesi e i tedeschi elaborarono un piano per scambiare materiali critici tramite sottomarini cargo specializzati: oppio, gomma, chinino, tungsteno e molibdeno dai giapponesi per radar tedeschi, mirini, tubi a vuoto, vetro ottico, cuscinetti a sfera, ecc. Nel marzo 1944, I-52 partì da Kure, raccolse il carico a Singapore e si diresse attraverso l'Oceano Indiano, il tutto monitorato dall'intelligence statunitense. Si è incontrato con un sottomarino tedesco U-530 il 23 giugno, nel mezzo dell'Atlantico, e raccolse un pilota tedesco che avrebbe guidato I-52 nel porto di Lorient. Lì era previsto lo scambio.

Ma le intercettazioni alleate "Ultra" avevano individuato I-52i suoi movimenti e anche il suo carico. Entro poche ore da I-52incontro con U-530, questa informazione era stata trasmessa a Bogue. Il comandante del suo Squadrone Composite 69 (VC-69), il tenente Cdr. Jesse Taylor, è subito decollato con il suo TBF all'inseguimento del sottomarino giapponese. Mentre Taylor pattugliava nell'oscurità, il suo radarista, il capo Ed Whitlock, raccolse un segnale acustico. Lo inseguirono e lanciarono razzi, illuminando il sottomarino da carico lungo 350 piedi. Taylor si avvicinò, sganciando due bombe di profondità. I-52 si è tuffato e il TBF ha fatto cadere in acqua un sonobuoy. Le sonoboe di nuova concezione raccolgono rumori subacquei di lunga durata e li ritrasmettono al vettore. Seguendo il segnale del sonobuoy, Taylor lasciò cadere un siluro acustico Mark 24 "Fido". Il sonobuoy ha trasmesso il suono scricchiolante delle esplosioni a Bogue. Mentre Taylor pensava di aver affondato il sottomarino, altri Vendicatori presto raccolsero i battiti dell'elica. BogueIl comandante di 's, il capitano A. B. Vosseller, ordinò un secondo attacco William "Flash" Gordon fece volare il suo TBF sul sito e lanciò un altro siluro. Il I-52 andò rapidamente a fondo, con un enorme buco nello scafo. La mattina dopo, i cacciatorpediniere statunitensi hanno trovato I-52relitti: una tonnellata di gomma grezza, un pezzo di seta e persino carne umana.

Da oltre 50 anni, I-52 giace sul fondo dell'Atlantico. Nel 1998, la National Geographic Society ha sponsorizzato una missione sommergibile in acque profonde che ha trovato il I-52i resti. Il numero di ottobre 1999 presentava questa drammatica storia, ma non riuscivo a trovare alcun collegamento web ad essa.

Per maggiori informazioni sulla guerra sottomarina nell'Atlantico, dai un'occhiata al superlativo articolo sul ruolo dell'Avenger nella lotta contro gli U-Boot su uboat.net, un sito che al momento della stesura vanta oltre 12.700 (!) pagine.

Ma l'influenza dei TBF ha superato di gran lunga la distruzione di 30 sottomarini. Con la loro presenza e attività, molti altri convogli arrivarono sani e salvi, un risultato non drammatico, ma vitale.

Nella notte - 20 giugno 1944

Dopo che gli Hellcats della US Navy distrussero oltre 350 aerei giapponesi nel "Marianas Turkey Shoot", l'ammiraglio Marc Mitscher voleva seguire la vittoria aerea e affondare anche le portaerei giapponesi. Per tutto il giorno, e fino al pomeriggio, gli aerei di ricerca della Task Force 58 hanno sondato verso ovest le navi nemiche indifese in fuga. Alla fine, alle 15:40, il pilota di Avenger Lt. R.S. Nelson, da Impresa, ha trovato la forza di Ozawa 275 miglia a ovest. Mitscher ordinò uno sciopero immediato alle 4:10 in cui gli aerei furono lanciati. Tuttavia, il rischio per i piloti era grave, semplicemente non c'era abbastanza luce per loro per raggiungere la loro preda, colpirli e tornare. La scommessa di Mitscher rifletteva il freddo e brutale calcolo della guerra: sperava che le perdite dell'equipaggio sarebbero costate alla sua parte meno del danno che avrebbero potuto fare alle navi dell'altra parte. Un paio d'ore dopo, all'estremità del loro raggio d'azione, i TBF, gli Hellcat e i bombardieri in picchiata catturarono la flotta giapponese.

Vendicatori di CVL-24 Belleau Wood affondò il portatore di luce ciao. Belleau WoodL'Air Group 24 ha lanciato 12 aerei, inclusa una divisione di quattro Vendicatori pilotati dal tenente George P. Brown in testa, il tenente Warren Omark, Benjamin C. Tate e W.D. Luton. Tutti e quattro i Vendicatori erano armati di siluri. Quando hanno individuato la portaerei giapponese, Brown ha ordinato agli aerei di aprirsi a ventaglio e avvicinarsi da diverse angolazioni. Si tuffarono attraverso un intenso fuoco antiaereo, che colpì il TBF di Brown. George Platz ed Ellis Babcock, i due membri dell'equipaggio dell'aereo di Brown, si resero conto che il loro aereo era in fiamme e non potendo raggiungere Brown sull'interfono, si paracadutarono e assistettero all'attacco dall'acqua.

Il ferito Brown tenne cupamente il suo Vendicatore sulla buona strada. Lui, Omark e Tate lanciarono i loro siluri migliorati sulla portaerei. Hanno colpito a casa e i due equipaggi in acqua hanno visto ciao affondare 30 minuti dopo.

Brown e il suo aereo sono scomparsi. Omark è tornato indietro e ha fatto un atterraggio notturno su Lexington. Anche Tate e Luton sono tornati in volo, hanno dovuto abbandonare e sono stati recuperati sani e salvi. Gli aerei di ricerca americani salvarono Platz e Babcock il giorno successivo.

L'affondamento della TBF ciao fu l'unico grave danno arrecato alle navi da combattimento giapponesi dai 227 aerei della "missione oltre le tenebre". L'esperienza dei Vendicatori è stata tipica della giornata: 54 aerei sono stati lanciati con successo, 29 di questi sono andati persi, più altre 8 perdite operative. Da questi 37 aerei, circa 111 uomini sono entrati in acqua - 67 sono stati salvati. Ma quel giorno morirono molti giovani aviatori coraggiosi. La scommessa di Mitscher era probabilmente corretta, semplicemente non ha pagato come tutti avevano sperato.

George Bush

Indubbiamente, l'uomo più famoso a pilotare un Avenger è stato George H.W. Bush, in seguito 41° Presidente degli Stati Uniti. Si arruolò nella Marina nel 1942 e divenne il più giovane aviatore navale di sempre nel giugno 1943. Volò sugli Avengers con il VT-51, dalla USS San Jacinto. Il 2 settembre 1944 fu abbattuto su Chichi Jima. Mentre Bush si è paracadutato in sicurezza ed è stato salvato, nessuno dei suoi membri dell'equipaggio è sopravvissuto. Bush ha guadagnato un DFC per aver consegnato il suo carico di bombe dopo che il suo TBF era stato colpito.

Leggi di più su George Bush nella seconda guerra mondiale sul sito web del Centro storico navale.

Ottobre 1944

Tenente Cdr. Edward Huxtable, CO di Baia di GambierVC-10, diresse i Vendicatori e i Wildcats nei loro attacchi alle pesanti navi giapponesi. Quando le 4 corazzate e gli 8 incrociatori dell'ammiraglio Kurita apparvero al largo di Samar la mattina del 25 ottobre, Baia di Gambier e gli altri CVE della Task Force 3 furono crudelmente smascherati. La TBM di Huxtable aveva solo 100 colpi di munizioni calibro .50, ma lui e altri piloti fecero finte corse sulla flotta giapponese. Dopo l'affondamento Baia di Gambier e tre cacciatorpediniere, i giapponesi conclusero che stavano affrontando Essexportaerei di classe e tornarono indietro attraverso lo Stretto di San Bernardino.

La fine - 1945

Gli aerosiluranti di Grumman affondarono il Yamato, nella sua ultima corsa disperata per Okinawa il 7 aprile 1945.

Alle cerimonie del 1997 per l'albo d'onore dell'equipaggio arruolato da combattimento, Yorktown veterano, Charles G. Fries, Jr. ARM2/C, un mitragliere di coda TBM, ha descritto l'attacco.

Nell'aprile del 1945, inseguimmo gli ultimi resti della flotta giapponese, che comprendeva la corazzata Yamato, l'incrociatore Yahagie due distruttori di schermo. Quando siamo andati a cercarli era nuvoloso e le troupe della TBF hanno dovuto trovarli, cosa che abbiamo fatto. Quando siamo entrati a tiro, gli squadroni si sono divisi in due sezioni. Gli ammiragli volevano fortemente abbattere la corazzata e, se necessario, ogni aereo l'avrebbe colpita. Si è scoperto che non era necessario. La prima TBM ha preso il carro, ed è stata gravemente danneggiata, pronta ad affondare.

Quindi abbiamo inseguito l'incrociatore, la cui blindatura era a una profondità diversa. Di conseguenza abbiamo dovuto cambiare l'impostazione della profondità sul siluro in modo che non andasse sotto l'incrociatore, quindi colpisse Yahagi al punto appropriato e fare un buco in lei.

Era un po' peloso perché non riuscivi a vedere cosa stavi facendo. Potevi entrare solo fino all'ascella, quindi stavi tastando la strada. La chiave che ha girato l'indicatore ha cambiato l'impostazione della profondità. Questo era proprio accanto ai cavi di armamento che andavano dalla paratia alla miccia del siluro. Se hai tirato il filo sbagliato, ci è stato detto che il flusso d'aria in arrivo potrebbe effettivamente armare il siluro. Se fosse stato colpito in qualche modo avrebbe potuto essere un problema per noi.

Abbiamo cambiato l'impostazione della profondità e siamo andati dietro all'incrociatore. Sia le grandi navi che i cacciatorpediniere hanno sollevato molte critiche. Dopo aver sparato il nostro siluro, fummo lieti di vedere l'incrociatore affondare. Più tardi anche un altro cacciatorpediniere cadde. Il siluro di un pilota ha riagganciato e ha dovuto fare altre due corse. Ha scaricato il siluro, quindi abbiamo affondato tre delle quattro navi giapponesi. Per quanto ci riguardava, la flotta giapponese non c'era più.

Da bambini eravamo così euforici nel vedere quelle navi affondare. Il carro si è ribaltato su un fianco e alla fine è affondato. L'incrociatore scivolò in aria, prima la prua e poi ricadde nell'acqua come un giocattolo. La mia prima sensazione di euforia ha ricordato l'attacco di Pearl Harbor. Ci siamo sentiti come se stessimo ottenendo anche. Tuttavia ciò fu presto seguito da una grande sensazione di tristezza.

Era strano vedere tutti i marinai giapponesi in acqua e chiedersi ancora oggi se ci fossero sopravvissuti. Se ci fosse, mi piacerebbe davvero parlare con loro e capire la loro versione della storia. A questo punto della nostra vita, a metà degli anni Settanta, siamo più riflessivi. Ci rendiamo conto che sono i ragazzini che vanno in guerra. Non so chi li abbia iniziati, ma non è piacevole considerare figli di qualcuno tutti quelli che non ce l'hanno fatta. Erano solo bambini che facevano quello che gli veniva detto, come facevamo noi.

Quindi in questo momento della propria vita, non c'è più malizia.

Leggi altre storie di guerra degli equipaggi di volo su questo sito web.

Il dopoguerra

Dopo la guerra, i Vendicatori continuarono a volare nella Marina degli Stati Uniti, principalmente in antisommergibile, contromisure elettroniche (ECM), come piattaforme missilistiche e per l'addestramento. Un gran numero di Vendicatori ha trovato ruoli nel dopoguerra con Canada, Francia, Giappone e Paesi Bassi, alcuni ancora in servizio nel 1960. Alcuni sono stati convertiti all'uso civile come vigili del fuoco.

Sopravvissuti/Musei


Vendicatori della Marina degli Stati Uniti utilizzati nella spruzzatura

Una foto ufficiale della Marina di una TBM-1 che irrora per il controllo della malaria vicino a Henderson Field al largo di Guadalcanal il 27 novembre 1944. Questo è un importante promemoria del fatto che gli irroratori TBM non erano un'invenzione civile del dopoguerra. [William T. Larkins] Queste due pagine di Naval Aviation News (Restricted), luglio 1946, mostrano che la US Navy e il Marine Corps usarono le TBM per spruzzare a Panama e nel Pacifico meridionale a metà degli anni '40.

Questo è RCN TBM 53732 / #316, 1955, posizione sconosciuta. [Tom Pharo, Air Britain]. Alla fine divenne Conair TBM #617, CF-KCN.

Specifiche TBM

MOTORE: Wright R-2600-20 Cyclone 1.950 CV
APERTURA ALARE: 54 piedi, 2 pollici
LUNGHEZZA: 40 piedi, 9 pollici
ALTEZZA: 13 piedi, 9 pollici
PESO MASSIMO AL DECOLLO: 17.600 libbre.
CAPACITÀ DEL SERBATOIO: 625 galloni USA (2350 litri)
EQUIPAGGIO: 1
FABBRICATO DA: Aereo orientale (General Motors)
TOTALE TBF/TBM COSTRUITI: 9,839
TOTALE ESISTENTE OGGI: 145
COSTRUITO IL PRIMO TBF/TBM: 1941
VELOCITÀ MASSIMA: 276 miglia orarie
GAMMA: 1.130 miglia
SOFFITTO DI SERVIZIO: 23.400 piedi

Modelli TBM

TBM-1: simile a TBF-1: totale 550
TBM-1C: simile a TBF-1C: totale 2.336
TBM-1D/E/J/L/P: simile ai corrispondenti TBF
TBM-3: modello di produzione principale con motore R-2600-20 e serbatoi a caduta o razzi alari esterni: totale 4.657
TBM-3D: conversione con radar APS-4 a destra
TBM-3E: conversioni con struttura rinforzata e radar RT-5/APS-4 in pod sotto l'ala destra
TBM-3E2: TBM-3E aggiornato con avionica extra
TBM-3H: conversioni con radar di ricerca di superficie
TBM-3J: conversioni come TBF-1J
TBM-3L: conversioni come TBF-1L
TBM-3P: conversioni di ricognizione fotografica, diverse da TBF-1P
TBM-3U: allestimenti per traino utility e target

Varianti di TBM della Marina degli Stati Uniti del dopoguerra

TBM-3M: conversioni per il lancio di missili
TBM-3M2: aggiornamenti con equipaggiamento extra
TBM-3N: conversioni (1945/46) per missioni speciali di attacco notturno
TBM-3Q: varie ricostruzioni per la ricerca e il combattimento ECM ed EW del dopoguerra con aggiunte importanti su pancia, cabina di pilotaggio, pinna e in alcuni casi ali per ricezione e/o jamming
TBM-3R: allestimenti per il trasporto di sette passeggeri o merci in almeno tre configurazioni, tutte senza pistole e con portiera a destra
TBM-3S: importante programma di conversione del dopoguerra per lo sciopero della guerra antisommergibile (ASW), la maggior parte dei quali viene ulteriormente aggiornata come TBM-3S2 con avionica TBM 3E2
TBM-3W: importante programma di conversione del dopoguerra per il servizio AEW (picchetto radar) con radar APS-20, nessun armamento e pinne extra più aggiornato come TBM-3W2 con display aggiornati per due operatori posteriori e altre modifiche

La TBM-3E era l'ultima variante di produzione dell'Avenger La produzione fu definitivamente interrotta dopo la resa del Giappone nell'agosto 1945. La Eastern aveva costruito tre prototipi del “XTBM-4”, con una serie di miglioramenti e modifiche di fabbricazione, ma con la fine del conflitto, i contratti di produzione della TBM-4 sono stati annullati. La Eastern aveva consegnato 7.546 Vendicatori fino a quel momento.


Contenuti

Il Douglas TBD Devastator, il principale aerosilurante della Marina degli Stati Uniti introdotto nel 1935, era obsoleto nel 1939. Le offerte furono accettate da diverse società, ma il progetto TBF di Grumman fu scelto come sostituto del TBD e nell'aprile 1940 due prototipi furono ordinati dalla Marina . Progettato da Leroy Grumman, il primo prototipo si chiamava XTBF-1. [4] Fu lanciato per la prima volta il 7 agosto 1941. Anche se uno dei primi due prototipi si schiantò vicino a Brentwood, New York, la rapida produzione continuò.

L'Avenger era l'aereo monomotore più pesante della seconda guerra mondiale, e solo il P-47 Thunderbolt dell'USAAF si avvicinò a eguagliarlo nel peso massimo caricato tra tutti i caccia monomotore, essendo solo circa 400 libbre (180 kg) più leggero del TBF, alla fine della seconda guerra mondiale. Per alleviare i problemi di stoccaggio della portaerei, contemporaneamente al modello F4F-4 del suo caccia da trasporto Wildcat, Grumman ha progettato l'Avenger per utilizzare anche il nuovo Sto-Wing meccanismo brevettato di piegatura delle ali ad "angolo composto", destinato a massimizzare lo spazio di stivaggio su una portaerei, la sostituzione della Wildcat, la F6F Hellcat, utilizzava anche questo meccanismo. [5] Il motore utilizzato era il motore radiale a quattordici cilindri a doppia fila Wright R-2600-20 Twin Cyclone, che produceva 1.900 cavalli (1.420 kW).

C'erano tre membri dell'equipaggio: pilota, mitragliere torretta e radioman/bombardiere/cannoniere ventrale. Una singola mitragliatrice sincronizzata calibro .30 (7,62 mm) era montata nel muso, una mitragliatrice calibro .50 (12,7 mm) era montata proprio accanto alla testa del mitragliere della torretta in una torretta alimentata elettricamente rivolta all'indietro e un singolo calibro 0,30 (7,62 mm) mitragliatrice a mano montata in modo flessibile ventralmente (sotto la coda), che è stata utilizzata per difendersi dai combattenti nemici che attaccano dal basso e dal retro. Questa pistola è stata sparata dal radiotelegrafista/bombardiere mentre si alzava in piedi e si piegava nella pancia della sezione di coda, sebbene di solito sedesse su una panca pieghevole rivolta in avanti per azionare la radio e per avvistare i bombardamenti. I modelli successivi del TBF/TBM omettevano il cannone calibro 0,30 (7,62 mm) sincronizzato montato sul cappuccio e lo sostituivano con due cannoni a canna leggera Browning AN/M2 calibro 0,50 (12,7 mm), uno in ciascuna ala fuoribordo dell'arco dell'elica , per le richieste dei piloti per una migliore potenza di fuoco in avanti e una maggiore capacità di mitragliamento. C'era solo una serie di controlli sull'aereo e non esisteva alcun accesso diretto alla posizione del pilota dal resto dell'interno dell'aereo. L'attrezzatura radio era enorme, soprattutto per gli standard odierni, e riempiva la lunghezza della "serra" ben inquadrata nella parte posteriore del pilota. Le radio erano accessibili per la riparazione attraverso un "tunnel" lungo il lato destro. Tutti gli Avengers che volano ancora oggi di solito hanno un sedile posteriore aggiuntivo al posto delle radio, consentendo un quarto passeggero.

L'Avenger aveva un grande vano bombe, che consentiva un siluro Bliss-Leavitt Mark 13, una singola bomba da 2.000 libbre (907 kg) o fino a quattro bombe da 500 libbre (227 kg). L'aereo aveva robustezza e stabilità complessive, e i piloti dicono che ha volato come un camion, nel bene e nel male. Con le sue buone strutture radio, la manovrabilità docile e il lungo raggio, il Grumman Avenger è anche un aereo di comando ideale per i comandanti, il gruppo aereo (CAG). Con un soffitto di 30.000 piedi (9.000 m) e una portata a pieno carico di 1.000 miglia (1.600 km), era migliore di qualsiasi precedente aerosilurante americano e migliore della sua controparte giapponese, l'obsoleto Nakajima B5N "Kate". I modelli successivi di Avenger trasportavano apparecchiature radar per i ruoli ASW e AEW.

I marinai delle portaerei di scorta si riferivano al TBF come al "tacchino" a causa delle sue dimensioni e manovrabilità rispetto ai caccia F4F Wildcat negli stessi gruppi aerei. [6]

Marina degli Stati Uniti Modifica

Nel pomeriggio del 7 dicembre 1941, Grumman tenne una cerimonia per aprire un nuovo stabilimento di produzione e mostrare al pubblico il nuovo TBF. Per coincidenza, quel giorno, la Marina imperiale giapponese attaccò Pearl Harbor, come scoprì presto Grumman. Al termine della cerimonia, l'impianto è stato rapidamente sigillato per evitare possibili sabotaggi. All'inizio di giugno 1942, una spedizione di oltre 100 velivoli fu inviata alla Marina, arrivando solo poche ore dopo che le tre portaerei partirono rapidamente da Pearl Harbor, quindi la maggior parte di loro era troppo tardi per partecipare alla cruciale battaglia di Midway.

Sei TBF-1 erano presenti a Midway Island - come parte del VT-8 (Torpedo Squadron 8) - mentre il resto dello squadrone ha volato Devastator dalla portaerei calabrone. Entrambi i tipi di aerosiluranti hanno subito pesanti perdite. Dei sei Vendicatori, cinque furono abbattuti e l'altro tornò gravemente danneggiato con uno dei suoi artiglieri ucciso, e l'altro artigliere e il pilota feriti. [7]

L'autore Gordon Prange ha postato in Miracolo a metà strada che gli obsoleti Devastator (e la mancanza di nuovi velivoli) contribuirono in qualche modo alla mancanza di una vittoria completa a Midway (le quattro portaerei della flotta giapponese furono invece affondate direttamente dai bombardieri in picchiata). Altri hanno sottolineato che i piloti americani inesperti e la mancanza di copertura per i caccia erano responsabili della scarsa visibilità degli aerosiluranti statunitensi, indipendentemente dal tipo. [8] Più tardi nella guerra, con la crescente superiorità aerea americana, una migliore coordinazione degli attacchi e più piloti veterani, i Vendicatori furono in grado di svolgere ruoli vitali nelle successive battaglie contro le forze di superficie giapponesi. [9]

Il 24 agosto 1942, la successiva grande battaglia di portaerei navali ebbe luogo alle Salomone orientali. In base ai vettori Saratoga e Impresa, i 24 TBF presenti sono riusciti ad affondare la portaerei leggera giapponese Ryūjō e rivendicare un bombardiere in picchiata, al costo di sette aerei.

Il primo grande "premio" per i TBF (a cui era stato assegnato il nome "Avenger" nell'ottobre 1941, [10] [11] prima dell'attacco giapponese a Pearl Harbor) fu alla battaglia navale di Guadalcanal nel novembre 1942, quando Marine Corps e Navy Avengers hanno aiutato ad affondare la corazzata giapponese ciao, che era già stato azzoppato la notte prima.

Dopo centinaia di originali TBF-1 modelli sono stati costruiti, il TBF-1C iniziato la produzione. L'assegnazione di spazio per serbatoi di carburante speciali interni e montati sulle ali ha raddoppiato la gamma dell'Avenger. Nel 1943, Grumman iniziò a eliminare gradualmente la produzione dell'Avenger per produrre caccia F6F Hellcat, e la Eastern Aircraft Division of General Motors assunse la produzione, con questi velivoli designati TBM. Lo stabilimento della Eastern Aircraft si trovava a Ewing, nel New Jersey. Grumman ha fornito un TBF-1, tenuto insieme da viti in lamiera, in modo che gli ingegneri automobilistici potessero smontarlo, una parte alla volta, e riprogettare l'aereo per la produzione in stile automobilistico. Questo aereo era conosciuto come "P-K Avenger" ("P-K" è l'abbreviazione di Parker-Kalon, produttore di viti per lamiera). A partire dalla metà del 1944, il TBM-3 iniziò la produzione (con un propulsore più potente e punti d'attacco alari per serbatoi sganciabili e razzi). Il dash-3 era il più numeroso dei Vendicatori (con circa 4.600 prodotti). Tuttavia, la maggior parte dei Vendicatori in servizio erano dash-1 fino alla fine della guerra nel 1945.

Oltre al tradizionale ruolo di superficie (silurare navi di superficie), i Vendicatori hanno affermato circa 30 uccisioni di sottomarini, incluso il sottomarino cargo I-52. Erano uno dei sub-killer più efficaci nel teatro del Pacifico, così come nell'Atlantico, quando i vettori di scorta erano finalmente disponibili per scortare i convogli alleati. Lì, i Vendicatori hanno contribuito a respingere gli U-Boot tedeschi fornendo copertura aerea per i convogli.

Dopo il "Marianas Turkey Shoot", in cui furono abbattuti più di 250 aerei giapponesi, l'ammiraglio Marc Mitscher ordinò una missione di 220 aerei per trovare la task force giapponese. Combattendo a 300 NMI (560 km) di distanza dalla flotta all'estremità del loro raggio d'azione, il gruppo di Hellcats, TBF/TBM e bombardieri subacquei subì molte perdite. Tuttavia, i Vendicatori di Indipendenzaportaerei di classe USS Belleau Wood affondò il portatore di luce ciao come il loro unico premio importante. La scommessa di Mitscher non ha dato i suoi frutti come aveva sperato.

Nel giugno del 1943, poco prima del suo diciannovesimo compleanno, il futuro presidente George H. W. Bush fu nominato aviatore navale più giovane dell'epoca. [12] Successivamente, mentre volava su una TBM con VT-51 (da USS San Jacinto), il suo Vendicatore fu abbattuto il 2 settembre 1944 sull'isola pacifica di Chichi Jima. [13] Tuttavia, ha rilasciato il suo carico utile e ha colpito l'obiettivo della torre radio prima di essere costretto a salvare l'acqua. Entrambi i suoi compagni di equipaggio sono morti. È stato salvato in mare dal sottomarino americano USS Finback. In seguito ricevette la Distinguished Flying Cross.

Un altro famoso aviatore Avenger era Paul Newman, che volava come mitragliere di retroguardia. Aveva sperato di essere accettato per l'addestramento dei piloti, ma non si è qualificato perché era daltonico. Newman era a bordo del vettore di scorta USS Hollandia a circa 500 miglia (800 km) dal Giappone quando l'Enola Gay sganciò la prima bomba atomica su Hiroshima. [14]

L'Avenger era il tipo di aerosilurante utilizzato durante l'affondamento delle due "super corazzate" giapponesi, con la US Navy che aveva la completa superiorità aerea in entrambi gli scontri: Musashi e Yamato. [9] [15]

La scomparsa nel dopoguerra, il 5 dicembre 1945, di un volo di cinque Vendicatori americani, noto come Volo 19, fu in seguito aggiunta alla leggenda del Triangolo delle Bermuda, scritta per la prima volta da Edward Van Winkle Jones in un articolo dell'Associated Press pubblicato nel settembre 1950. [16]

Durante la seconda guerra mondiale, il braccio di ricerca aeronautica statunitense NACA ha utilizzato un Avenger completo in uno studio completo sulla riduzione della resistenza aerodinamica nella loro grande galleria del vento di Langley. [17] [ verifica fallita ] Il risultante rapporto tecnico NACA mostra gli impressionanti risultati disponibili se gli aerei pratici non dovevano essere "pratici". [ chiarimenti necessari ] [ citazione necessaria ]

Royal Navy Modifica

L'Avenger è stato utilizzato anche dal Fleet Air Arm della Royal Navy, dove inizialmente era conosciuto come "Tarpon". Tuttavia, questo nome è stato successivamente interrotto e al suo posto è stato utilizzato il nome Avenger, come parte del processo del Fleet Air Arm che adotta universalmente i nomi della Marina degli Stati Uniti per gli aerei navali americani. I primi 402 velivoli erano conosciuti come Avenger Mk I, 334 TBM-1 di Grumman furono chiamati Avenger Mk II e 334 TBM-3 furono designati Mk III. Un'interessante uccisione da parte di un Avenger della Royal Navy fu la distruzione di una bomba volante V-1 il 9 luglio 1944. Il V-1 molto più veloce stava sorpassando l'Avenger quando il Telegraphist Air Gunner nella torretta dorsale, il Leading Aircraftman Fred Shirmer, sparò a esso da 700 iarde (640 m). Per questo risultato, Shirmer fu menzionato in Dispatches, in seguito ricevendo il DSM per l'azione dell'Operazione Meridian del 1945 a Palembang. [18] Nel raid della portaerei britannica del gennaio 1945 alla raffineria di petrolio di Soengei Gerong durante l'operazione Meridian, un Fleet Air Arm Avenger abbatté un Nakajima Ki-44 "Tojo" in un combattimento a basso livello sulla giungla. [19] Tre Vendicatori furono modificati per trasportare la "bomba rimbalzante" di Highball (dato il nuovo nome in codice Tammany Hall), ma quando le prove non ebbero successo, furono riportati alla configurazione standard e passati alla Royal Navy. [20]

Un centinaio di USN TBM-3E sono stati forniti alla Fleet Air Arm nel 1953 nell'ambito del programma di assistenza alla difesa reciproca degli Stati Uniti. Gli aerei sono stati spediti da Norfolk, Virginia, molti a bordo della portaerei della Royal Navy HMS Perseo. Gli Avengers furono equipaggiati con attrezzature britanniche dalla Scottish Aviation e consegnati come Avenger AS.4 a diversi squadroni FAA tra cui n. 767, 814, 815, 820 e 824. Gli aerei furono sostituiti dal 1954 da Fairey Gannets e furono passati a squadroni di la Royal Naval Reserve che includeva il n. 1841 e il 1844 fino allo scioglimento del ramo aereo della RNR nel 1957. I sopravvissuti furono trasferiti alla Marina francese nel 1957-1958.

Royal New Zealand Air Force Modifica

L'unico altro operatore nella seconda guerra mondiale fu la Royal New Zealand Air Force che utilizzò il tipo principalmente come bombardiere, equipaggiando gli squadroni n. 30 e 31, entrambi operanti dalle basi delle isole del Pacifico meridionale nel 1944 a sostegno della campagna di Bougainville. Alcuni dei Vendicatori furono successivamente trasferiti alla flotta britannica del Pacifico.

Nel 1945, i Vendicatori furono coinvolti in prove pionieristiche di topdressing aereo in Nuova Zelanda che portarono alla creazione di un'industria che aumentò notevolmente la produzione alimentare e l'efficienza nell'agricoltura in tutto il mondo. I piloti dello Squadrone n. 42 della Royal New Zealand Air Force hanno sparso fertilizzante dai Vendicatori accanto alle piste della base aerea di Ohakea e hanno fornito una dimostrazione per gli agricoltori all'aerodromo di Hood, Masterton, in Nuova Zelanda. [21] [ pagina necessaria ]

Royal Canadian Navy Modifica

Uno dei principali utenti del dopoguerra dell'Avenger fu la Royal Canadian Navy, che ottenne 125 ex TBM-3E Avengers della US Navy dal 1950 al 1952 per sostituire le loro venerabili Fairey Fireflies. Quando furono consegnati i Vendicatori, l'RCN stava spostando il suo obiettivo principale sulla guerra antisommergibile (ASW) e l'aereo stava rapidamente diventando obsoleto come piattaforma di attacco. Di conseguenza, 98 dei Vendicatori RCN sono stati dotati di un vasto numero di nuove modifiche ASW, tra cui radar, apparecchiature di contromisure elettroniche (ECM) e sonoboe, e la torretta a sfera superiore è stata sostituita con un baldacchino di vetro inclinato che era più adatto per i compiti di osservazione . I Vendicatori modificati sono stati designati COME 3. Un certo numero di questi velivoli sono stati successivamente dotati di un grande braccio rilevatore di anomalie magnetiche (MAD) sul lato posteriore sinistro della fusoliera e sono stati ridisegnati COME 3M. Tuttavia, i leader RCN si resero presto conto delle carenze dell'Avenger come aereo ASW e nel 1954 scelsero di sostituire l'AS 3 con il Grumman S-2 Tracker, che offriva un raggio più lungo, una maggiore capacità di carico per l'elettronica e l'armamento e un secondo motore, un grande vantaggio per la sicurezza quando si volano pattuglie ASW a lungo raggio sulle gelide acque del Nord Atlantico. Quando nel 1957 iniziò la consegna dei nuovi Tracker CS2F costruiti su licenza, i Vendicatori furono trasferiti ai compiti di addestramento e furono ufficialmente ritirati nel luglio 1960. [22]

Ricerca mimetica Modifica

Le TBM Avengers sono state utilizzate nella ricerca in tempo di guerra sul camuffamento della controilluminazione. Gli aerosiluranti erano dotati di luci Yehudi, una serie di luci orientate in avanti regolate automaticamente per adattarsi alla luminosità del cielo. Gli aerei quindi apparivano luminosi come il cielo, piuttosto che come forme scure. La tecnologia, uno sviluppo della ricerca sulla mimetizzazione dell'illuminazione diffusa della marina canadese, ha permesso a un Vendicatore di avanzare fino a 3.000 iarde (2.700 m) prima di essere visto. [23]

Uso civile Modifica

Molti Vendicatori sono sopravvissuti nel 21° secolo lavorando come applicatori di spray e bombardieri d'acqua in tutto il Nord America, in particolare nella provincia canadese del New Brunswick.

Forest Protection Limited (FPL) di Fredericton, New Brunswick, un tempo possedeva e gestiva la più grande flotta civile di Vendicatori al mondo. FPL ha iniziato a operare con gli Avengers nel 1958 dopo aver acquistato 12 velivoli TBM-3E in eccedenza dalla Royal Canadian Navy. [24] L'uso della flotta Avenger a FPL raggiunse il picco nel 1971 quando 43 velivoli erano in uso sia come bombardieri d'acqua che come velivoli spray. [24] La società ha venduto tre Vendicatori nel 2004 (C-GFPS, C-GFPM e C-GLEJ) a musei o collezionisti privati. Il Central New Brunswick Woodsmen's Museum ha un ex Vendicatore di FPL in mostra statica. [25] Un FPL Avenger caduto nel 1975 nel New Brunswick sudoccidentale è stato recuperato e restaurato da un gruppo di appassionati di aviazione interessati ed è attualmente in mostra all'Atlantic Canada Aviation Museum. [26] FPL operava ancora tre Vendicatori nel 2010 configurati come bombardieri d'acqua e di stanza all'aeroporto di Miramichi. Uno di questi si è schiantato subito dopo il decollo il 23 aprile 2010, uccidendo il pilota. [27] [28] L'ultimo FPL Avenger è stato ritirato il 26 luglio 2012 e venduto allo Shearwater Aviation Museum di Dartmouth, in Nuova Scozia. [29]

Ci sono molti altri Vendicatori, che di solito volano come uccelli da guerra nelle collezioni private di tutto il mondo oggi. [30] Sono un popolare apparecchio di airshow sia nelle esibizioni volanti che in quelle statiche. [31]

A partire dal 2020, [aggiornare] la Commemorative Air Force (CAF) pilota tre TBM Avengers [32] con uno basato sull'ala delle Montagne Rocciose a Grand Junction, in Colorado, un altro con l'ala del Missouri a St Charles Smartt Field e il loro più recente con la capitale Ala a Culpeper, Virginia. Ciascuno di questi consente ai membri non CAF di salire a bordo dell'aereo per un'esperienza di volo Living History. [33] [34] [35]



TBF Avenger

Storia: Volato per la prima volta il 1 agosto 1941, il bombardiere siluro a tre posti Grumman TBF-1 Avenger entrò in servizio nella Marina degli Stati Uniti appena in tempo per partecipare alla battaglia di Midway nel giugno 1942. Durante la sua durata di vita della seconda guerra mondiale, il design di Avenger cambiò pochissimo, e questo ha permesso di costruirlo in quantità enormi. La domanda per l'aereo era così grande che anche la General Motors Company fu incaricata di costruirlo, con la denominazione TBM-1, a partire dal settembre 1942.
Oltre 1.000 TBF/TBM (inizialmente chiamati Tarpon Mk I, e successivamente designati Avenger Mk I) furono utilizzati anche dal Fleet Air Arm della Royal Navy sia nei teatri dell'Atlantico che del Pacifico. L'Avenger è stato utilizzato anche dalla Royal New Zealand Air Force.
La seconda variante principale era la TBM-3, che presentava ali rinforzate per consentire il trasporto di razzi e capsule radar. Una grande percentuale dei TBM-3 è stata consegnata con le loro grandi torrette dorsali rimosse.
La capacità di consegna dei siluri dell'Avenger ha avuto un enorme impatto sulla flotta giapponese durante la guerra e la sua robusta semplicità lo ha reso altamente resistente alle difese aeree nemiche. Dopo la guerra, l'Avenger continuò a trovare nicchie nell'aviazione navale. La Marina degli Stati Uniti lo mantenne come un aereo da ricerca e soccorso, un bombardiere notturno per tutte le stagioni, una piattaforma di contromisure elettroniche, un velivolo Carrier On-Board Delivery (COD) e un rimorchiatore bersaglio.
Nel 1953, la Royal Navy iniziò ad acquisire versioni di guerra antisommergibile dell'Avenger nell'ambito del Programma di assistenza alla difesa reciproca (MDAP). Questi velivoli furono designati Avenger AS Mk IV o AS Mk V e furono utilizzati nel ruolo ASW fino all'introduzione del Fairey Gannet nel 1955. Gli Avengers furono anche esportati sotto MDAP in Francia, Giappone, Canada e Paesi Bassi.
Incredibilmente, alcuni Vendicatori hanno continuato a guadagnarsi da vivere fino a più di sessant'anni dopo il loro debutto. Fino a poco tempo, almeno un'operazione antincendio aerea usava i Vendicatori come bombardieri incendiari e/o osservatori di fuoco sui boschi del Canada. Molti altri sono finiti nelle mani premurose di collezionisti e musei di warbird.
Soprannomi: Chuff Turkey Pregnant Beast Tarpon (RAF).
Specifiche (TBM-3):
Motore: motore a pistoni radiali Wright R-2600-20 da 1.900 CV
Peso: vuoto 10.545 libbre, decollo massimo 17.895
Apertura alare: 54 piedi. 2 pollici
Lunghezza: 40 piedi 11,5 pollici.
Altezza: 15 piedi e 5 pollici.
Prestazione:
Velocità massima a 16.500 piedi: 276 mph
Velocità di salita: 2060 piedi al minuto
Soffitto: 30.100 piedi
Gamma: 1000 miglia
Armamento:
Due mitragliatrici a fuoco frontale da 12,7 mm (0,5 pollici)
Una mitragliatrice da 12,7 mm (0,5 pollici) montata sul dorso
Una mitragliatrice ventrale da 7,62 mm (0,3 pollici)
Fino a 2.000 libbre di bombe nel vano bombe
Razzi alari / serbatoi sganciabili / pod radar
Numero costruito: 9.836 (7.546 da General Motors)
Numero ancora idoneo al volo: 42

23 giugno 2003 #2 2003-06-23T06:31

Sviluppo
Mentre il Douglas Devastator era stato "stato dell'arte" quando fu introdotto nel 1935, nel 1939, la Marina degli Stati Uniti decise che aveva bisogno di un aerosilurante più potente, uno con una portata maggiore, un carico utile maggiore, una maggiore velocità e una resistenza più dura danno da battaglia. I requisiti per il nuovo velivolo includevano: una velocità massima di 300 MPH, un'autonomia (a pieno carico) di 1.000 miglia, un vano armi interno, 2000 libbre. carico utile e un soffitto di 30.000 piedi.
Il Grumman "Iron Works" sarebbe quasi inevitabilmente il fornitore. Leroy Grumman, un ingegnere di formazione, ha contribuito a progettare il bombardiere silurante che avrebbe soddisfatto le specifiche della marina. Il prototipo è stato designato XTBF-1: eXperimental, Torpedo Bomber, F = Grumman, 1a variante. Furono costruiti due aerei, uno dei quali si schiantò nei boschi vicino a Brentwood, Long Island. Ma il programma è continuato al ritmo rapido che è stato un segno distintivo della produzione di Grumman.
Costruito attorno al motore Wright R-2600-8 da 1700 cavalli, un radiale a doppia fila di 14 cilindri, il nuovo TBF presentava:
ali pieghevoli - critiche per l'uso del vettore. Grumman ha sviluppato un meccanismo di piegatura delle ali unico per il TBF e l'F6F, che ha piegato le ali contro la fusoliera, per lo stoccaggio più compatto possibile. Presumibilmente, Leroy Grumman ha prima fatto un brainstorming dell'idea con una gomma per sapone e graffette.
tre posti - Un pilota, un mitragliere di coda e un bombardiere/mitragliere di pancia.
torretta posteriore motorizzata - Come richiesto dalla Marina, l'aereo includeva una torretta motorizzata per l'artigliere posteriore, originariamente equipaggiato con una singola mitragliatrice calibro .30.
tre mitragliatrici calibro .30 - La mitragliatrice a torretta sopra indicata. Una pistola montata sul muso per il pilota, che spara attraverso l'elica. E un altro calibro .30 a fuoco posteriore era nascosto nella sua pancia. Questo armamento è stato aumentato nelle varianti successive.
grande baia interna - Montando le ali a metà della fusoliera, Grumman ha permesso una baia spaziosa, per un siluro da 2.000 libbre, o quattro bombe da 500 libbre, o un serbatoio di carburante extra.
grandi ali - Un marchio Grumman. Le ali relativamente grandi hanno contribuito a rendere l'aereo Grumman più facile da maneggiare, una caratteristica vitale per un aereo pilotato da masse di piloti con diversi livelli di abilità dai ponti di beccheggio e sollevamento.
robustezza estrema - Un'altra caratteristica di Grumman. La capacità di assorbire i danni della battaglia e continuare a volare era ugualmente importante, specialmente per gli equipaggi.
Nel pomeriggio del 7 dicembre 1941, Grumman tenne una cerimonia per aprire il suo nuovo stabilimento 2 a Bethpage e mostrare al pubblico il nuovo aerosilurante. Durante il programma, il vicepresidente di Grumman Clint Towl è stato chiamato al telefono. "I giapponesi hanno bombardato Pearl Harbor. Siamo in guerra." Nessun annuncio è stato fatto e i festeggiamenti sono continuati. Quando la folla uscì dall'impianto, chiusero a chiave i cancelli, spazzarono l'impianto in cerca di sabotatori e andarono su un piede di guerra, dove rimasero per quasi quattro anni.
Nei mesi successivi, Grumman ha lottato strenuamente per trasformare il suo prototipo realizzato a mano in un aeroplano prodotto in serie. A giugno, la società aveva consegnato 145 TBF-1 alla Marina, un ritmo che sarebbe stato sminuito nei prossimi tre anni.
Primo combattimento - A metà strada
Solo sei TBF entrarono effettivamente in servizio di combattimento in prima linea in tempo per la critica battaglia di Midway il 4 giugno 1942. Questi aerei, attaccati al VT-8, volarono fino alla stessa Midway Island tre giorni prima. Al comando del tenente Langdon K. Fieberling, nessuno dei piloti della TBF era mai stato in combattimento, e solo pochi erano mai volati via dalla terraferma. (La maggior parte di questo squadrone, il famoso Torpedo Squadron Eight, pilotava gli antiquati Douglas Devastator della portaerei Hornet.) Ma sia il nuovo che il vecchio furono quasi spazzati via.
I sei TBF del tenente Fieberling raggiunsero la flotta giapponese alle 7:10, scesero a bassa quota e si diressero verso le portaerei. Gli zeri sciamavano intorno ai vulnerabili aerosiluranti. Due TBF sono stati distrutti nel primo attacco, seguiti da altri tre. Rendendosi conto che non poteva raggiungere le portaerei, il guardiamarina Albert K. Earnest lanciò il suo siluro contro un incrociatore, poi si allontanò con due Zero dietro di lui. Earnest riportò il suo TBF a Midway, navigando "per indovinare e per Dio". Quello di Earnest è stato l'unico TBF a tornare, con nient'altro che il correttore di assetto per il controllo longitudinale, con una ruota e gli sportelli della baia dei siluri aperti. Radioman 3rd Class Harrier H. Ferrier è stato ferito e Seaman 1st Class Jay D. Manning, che stava operando la torretta mitragliatrice calibro .50, è stato ucciso durante l'attacco.
Salomone orientali - 24 agosto 1942
Dopo che gli americani presero Guadalcanal, l'ammiraglio Yamamoto non perse tempo nell'organizzare un grande contrattacco navale. Il 24 agosto, le forze di portaerei opposte si sono incontrate questa volta la Marina degli Stati Uniti aveva solo due portaerei: la Saratoga e l'Enterprise. Ad agosto, erano stati consegnati abbastanza TBF e si erano fatti strada attraverso il gasdotto per dotare i gruppi aerei delle due navi di 24 TBF:
VT-8 su "Sara", comandata dal Cdr. Harold "Swede" Larsen
VT-3 sulla "Big E", guidata dal tenente Cdr. Charles M. Jett
Durante questo pomeriggio e questa sera, 26 Vendicatori sono stati lanciati in quattro diversi attacchi. Al secondo colpo, i siluri colpirono la portaerei leggera Ryujo e aiutarono ad affondarla. E ARM3/c C. L. Gibson, un mitragliere della TBF, ha rivendicato un bombardiere in picchiata Val. In cambio, sette Vendicatori sono stati persi.
Santa Cruz - 26 ottobre 1942
Nel quarto grande impegno della guerra, i Vendicatori non fecero molti danni.
Le due portaerei sopravvissute nel Pacifico, Enterprise e Hornet, trasportavano 14 Vendicatori ciascuna. Alla fine di ottobre, i due flattop statunitensi si scontrarono con lo sforzo giapponese di impadronirsi di Guadalcanal. Gli aerei di pattuglia delle flotte avversarie si sono avvistati l'un l'altro nelle prime ore del mattino ed entrambi hanno lanciato attacchi aerei nelle 200 miglia intercorse. Enterprise e Hornet lanciarono tre attacchi, per un totale di 73 aerei: 18 Avengers, 32 bombardieri in picchiata e 23 caccia F4F.
A comandare la Torpedo Ten, VT-10, dall'Enterprise c'era il tenente Cdr. John A. Collett. Condusse i suoi aerosiluranti verso ovest, verso le navi giapponesi, superando Zero e Val diretti verso le navi americane. Quando gli aerei statunitensi trovarono i loro obiettivi, la pattuglia aerea da combattimento giapponese e la contraerea ne abbatterono la maggior parte. L'SBD è danneggiato sulla portaerei, ma i TBF sono stati sparati dal cielo. A Zero ha sparato al tenente Cdr. Il vendicatore di Collett. Lui e il suo radiotelegrafista, ARM1/c Thomas C. Nelson sono stati visti paracadutarsi. Nelson fu catturato e sopravvisse come prigioniero di guerra. Collett non fu mai più visto.
Queste prime battaglie hanno mostrato i punti di forza e di debolezza del tipo. Forse la sua più grande debolezza non era in realtà un problema con l'aereo stesso, ma piuttosto con i siluri carenti usati dalla Marina degli Stati Uniti nei primi due anni di guerra. Quelle dannate cose non sono esplose (almeno non con un alto grado di affidabilità). I siluri Mark 13 erano fragili e dovevano essere lanciati da una bassa altezza, a velocità inferiori a 130 MPH. Hanno corso sotto la profondità indicata di 11 piedi, non sono riusciti a esplodere quando hanno colpito e a volte sono esplosi prematuramente. Pertanto i TBF hanno effettuato molte missioni con bombe ordinarie da 500 libbre. L'aereo stesso era solido e poteva essere utilizzato in vari ruoli: aerosilurante, bombardiere planante, ricognitore, posamine e aereo da ricognizione. Con le sue buone strutture radio, la manovrabilità docile, il lungo raggio e i posti a sedere extra, è stato un aereo di comando ideale per i comandanti di gruppi aerei (CAG).
Affondare lo Hiei - Guadalcanal
La Marina e il Corpo dei Marines TBF hanno segnato in grande stile nel novembre 1942. Guidati dal tenente colonnello Paul Moret, il Marine Scout Bombing Squadron 131 (VMSB-131) ha pilotato i Vendicatori TBF-1 da Guadalcanal durante questo mese cruciale. Arrivarono il 12, giusto in tempo per l'ultimo grande attacco giapponese. A capo delle potenti forze navali giapponesi c'era la Hiei, una nave da guerra di 37.000 tonnellate. Nella notte tra il 12 e il 13 le navi di superficie americane e giapponesi si scontrarono e i giapponesi polverizzarono Henderson Field con proiettili esplosivi da 14 pollici, nella grande battaglia navale di Guadalcanal. La Marina degli Stati Uniti perse 2 incrociatori e 4 cacciatorpediniere, mentre affondava 2 cacciatorpediniere giapponesi e paralizzava la corazzata Hiei. Ma al mattino, gli aerei statunitensi potrebbero ancora usare la loro pista di atterraggio con crateri. E la portaerei Enterprise era in agguato 300 miglia a sud.
Alle 6 del mattino, i bombardieri in picchiata di Henderson colpirono Hiei. Un'ora dopo, la TBF del Corpo dei Marines di Moret ha lanciato un siluro nella corazzata alla deriva. Verso le 10 del mattino, sono venuti di nuovo da lei e hanno segnato con un altro "pesce".
In breve, l'Enterprise Avengers ha colpito. Il suo comandante del dipartimento aereo, John Crommelin, aveva inviato 15 Grumman TBF sotto il tenente Al "Scoofer" Coffin. Dovevano attaccare Hiei, quindi atterrare a Henderson Field. Quando furono lanciati la mattina presto, un preoccupato Crommelin non aveva idea se Henderson Field fosse occupato dagli americani dopo la feroce battaglia, e i suoi aerei non sarebbero stati in grado di tornare sull'Enterprise. In lacrime, ha inviato i suoi ragazzi nei loro Grumman in una possibile missione di sola andata. Raggiunsero Hiei alle 11:20. Il cielo era pieno di fumo nero, fuoco tracciante e aerei ronzanti. Hiei ha risposto al fuoco con tutto ciò che aveva, anche proiettili incendiari da 14 pollici, non sparati nella battaglia di superficie della notte precedente. I piloti di Avenger videro la grande fontana di conchiglie nel mare in fila uniforme diverse miglia a poppa. Volarono a tutto gas appena sopra i ponti bruciati e bruciati di Hiei. Pochi secondi dopo, tre siluri colpirono ed esplosero. Ma Hiei rimase a galla. L'Enterprise Avengers volò a Henderson Field e trovò un'accoglienza amichevole da parte dei soldati americani.
Altri sei dei Vendicatori del colonnello Moret colpirono Hiei con altri due siluri. Per tutto il giorno, bombardieri in picchiata e F4F hanno molestato la corazzata. Al tramonto, il malandato hulk era condannato e l'ammiraglio Abe diede l'ordine di affondarla. I TBF avevano ottenuto la loro prima grande vittoria della guerra.
GM entra nella battaglia della produzione - 1943
Gli impianti di Grumman erano completamente impegnati nella F6F Hellcat. Come parte dello sforzo di produzione nazionale in tempo di guerra, la General Motors (GM) ha messo a disposizione dello sforzo bellico cinque delle sue fabbriche - Tarrytown, Trenton, Linden, Bloomfield e Baltimora, insieme organizzate nella "Eastern Aircraft Division" della grande casa automobilistica . Grumman ha consegnato due TBF completi, con speciali viti "PK" rimovibili invece dei normali rivetti. Questi aerei hanno aiutato gli operai di GM a vedere come sono stati messi insieme i Vendicatori. Secondo lo schema di designazione dell'aereo della Marina, i Vendicatori GM sono stati identificati come TBM. Mentre la produzione di GM iniziò lentamente nel 1943, entro la fine dell'anno stava superando la produzione di Grumman, che eliminò completamente la produzione di Avenger entro la fine del 1943.
Rosie la rivettatrice
L'Avenger è collegato al famoso personaggio "Rosie the Riveter", simbolo delle donne americane che lavoravano nelle fabbriche in tempo di guerra. Sono apparsi vari resoconti sulla genesi della figura di "Rosie". Norman Rockwell ha creato l'immagine più familiare di "Rosie" per la copertina del Saturday Evening Post. L'immagine di Rockwell mostra una donna muscolosa vestita con tuta, maschera facciale e occhiali sulla testa, che mangia un panino, il suo strumento di rivettatura in grembo, i suoi piedi appoggiati su una copia del Mein Kampf. Due settimane dopo la pubblicazione dell'illustrazione di copertina, sulla stampa sono apparse storie che esaltavano il successo di Rose Hicker, un'operaia della Eastern Aircraft Division di GM a Tarrytown, che ha piantato un numero record di rivetti nell'ala di una TBM Avenger.
Modifiche
Dopo che furono costruite diverse centinaia di TBF-1 originali, furono apportate alcune modifiche critiche alla variante successiva, la TBF-1C. La mitragliatrice calibro .30 montata sulla fusoliera del pilota è stata sostituita da due mitragliatrici calibro .50 montate sulle ali. La torretta era inoltre dotata di un'arma calibro .50. E le disposizioni per un serbatoio di carburante interno nel vano bombe più due serbatoi alari hanno più che raddoppiato la capacità del carburante dell'Avenger, da 335 a 726 galloni.La TBM-3 aveva queste stesse caratteristiche.
A partire dalla metà del 1944, GM iniziò a costruire la TBM-3, con il motore R-2600-20 più potente (1900 hp) e punti d'attacco alari per serbatoi sganciabili o razzi. Con oltre 4.600 TBM-3 costruite, erano le varianti più numerose. Tuttavia, anche nel febbraio 1945, la maggior parte dei Vendicatori sulle portaerei nel Pacifico erano le versioni Dash-1. Solo al VJ Day il vettore TorpRons è passato al Dash-3.
La produzione dell'Avenger si fermò subito dopo la fine delle ostilità.
O'Hare - Nov '43
Alla fine del 1943, la Marina degli Stati Uniti iniziò le sue prime squadre di combattimento notturno sistematico. Il grande pilota di caccia Ed O'Hare, allora la CAG Enterprise, era profondamente coinvolto nello sviluppo di tattiche per i caccia notturni. Poiché i primitivi radar erano molto ingombranti, furono trasportati sull'Enterprise, sui capienti TBF Avengers, ma non sui più piccoli e veloci Hellcat. Il piano richiedeva che il Fighter Director Officer (FDO) della nave individuasse a distanza i Betty in arrivo e inviasse i Vendicatori e gli Hellcats verso di loro. I Vendicatori dotati di radar avrebbero quindi guidato gli Hellcats in posizione dietro i bombardieri in arrivo, abbastanza vicini da consentire ai piloti di Hellcat di individuare visivamente le fiamme blu dello scarico di Betty. Alla fine, gli Hellcats si sarebbero avvicinati e avrebbero abbattuto i bombardieri. Tutti gli aerei su entrambi i lati starebbero volando a bassa quota. Il piano era sperimentale, complicato e rischioso.
La notte tra il 26 e il 27 novembre 1943 fu il primo test di combattimento del piano, a seguito di una precedente missione che non aveva contattato i giapponesi. I "Black Panthers", come venivano soprannominati i caccia notturni, comprendevano due sezioni di tre aerei. Entrambi includevano due Hellcats e un Avenger. Butch ha guidato la sua sezione dal suo F6F, Warren Skon ha volato sulla sua ala Lt. Cdr. Phillips ha pilotato il TBF con il radarman Hazen Rand e l'artigliere Alvin Kernan nell'equipaggio dell'aereo. Nella confusa azione notturna, O'Hare è caduto, molto probabilmente vittima di un colpo fortunato del Betty, ma forse a causa del fuoco amico. Leggi di più nel mio articolo su Ed O'Hare.
Alla fine del 1943 e all'inizio del 1944, altre nuove portaerei di classe Essex furono schierate nel Pacifico, con i Vendicatori nei loro squadroni VT. I Vendicatori hanno partecipato allo storico raid del 16 febbraio su Truk.
La guerra degli U-Boat
Nella lotta per il Nord Atlantico, ai Vendicatori fu attribuita la distruzione di 30 sottomarini, incluso l'unico affondamento del sottomarino cargo giapponese I-52. Volando da vettori di scorta (CVE), i TBF erano adatti al ruolo di sub-killer: lunga durata, stabile, grande capacità di armi. Sono diventati l'aereo d'attacco chiave nei gruppi di cacciatori-assassini che hanno attraversato l'Atlantico: i Vendicatori e i Wildcat volanti di CVE con i cacciatorpediniere a supporto.
Affondamento della I-52
In uno straordinario impegno, i Vendicatori della USS Bogue CVE-9, il miglior sub-killer CVE dell'Atlantico, hanno affondato il sottomarino da trasporto giapponese, I-52. Nel 1943 i giapponesi e i tedeschi elaborarono un piano per scambiare materiali critici tramite sottomarini cargo specializzati: oppio, gomma, chinino, tungsteno e molibdeno dai giapponesi per radar tedeschi, mirini, tubi a vuoto, vetro ottico, cuscinetti a sfera, ecc. Nel marzo 1944, la I-52 partì da Kure, raccolse un carico a Singapore e si diresse attraverso l'Oceano Indiano, il tutto monitorato dall'intelligence statunitense. Si incontrò con un sottomarino tedesco U-530 il 23 giugno, nel mezzo dell'Atlantico, e raccolse un pilota tedesco che avrebbe guidato l'I-52 nel porto di Lorient. Lì era previsto lo scambio.
Ma le intercettazioni "Ultra" alleate avevano individuato i movimenti della I-52 e persino il suo carico. A poche ore dall'incontro dell'I-52 con l'U-530, questa informazione era stata trasmessa a Bogue. Il comandante del suo Squadrone Composite 69 (VC-69), il tenente Cdr. Jesse Taylor, è subito decollato con il suo TBF all'inseguimento del sottomarino giapponese. Mentre Taylor pattugliava nell'oscurità, il suo radarista, il capo Ed Whitlock, raccolse un segnale acustico. Lo inseguirono e lanciarono razzi, illuminando il sottomarino da carico lungo 350 piedi. Taylor si avvicinò, sganciando due bombe di profondità. I-52 si è tuffato e il TBF ha fatto cadere in acqua un sonobuoy. Le sonoboe di nuova concezione raccolgono rumori subacquei di lunga durata e li ritrasmettono al vettore. Seguendo il segnale del sonobuoy, Taylor lasciò cadere un siluro acustico Mark 24 "Fido". Il sonoboo trasmise a Bogue il suono scricchiolante delle esplosioni. Mentre Taylor pensava di aver affondato il sottomarino, altri Vendicatori presto raccolsero i battiti dell'elica. Il comandante di Bogue, il capitano A. B. Vosseller, ordinò un secondo attacco William "Flash" Gordon fece volare il suo TBF sul sito e lanciò un altro siluro. L'I-52 andò rapidamente a fondo, con un enorme buco nello scafo. La mattina dopo, i cacciatorpediniere statunitensi trovarono i relitti dell'I-52: una tonnellata di gomma grezza, un pezzo di seta e persino carne umana.
Per oltre 50 anni, la I-52 è rimasta sul fondo dell'Atlantico. Nel 1998, la National Geographic Society ha sponsorizzato una missione sommergibile in acque profonde che ha trovato i resti dell'I-52.
Ma l'influenza dei TBF ha superato di gran lunga la distruzione di 30 sottomarini. Con la loro presenza e attività, molti altri convogli arrivarono sani e salvi, un risultato non drammatico, ma vitale.
Nella notte - 20 giugno 1944
Dopo che gli Hellcats della US Navy distrussero oltre 350 aerei giapponesi nel "Marianas Turkey Shoot", l'ammiraglio Marc Mitscher voleva seguire la vittoria aerea e affondare anche le portaerei giapponesi. Per tutto il giorno, e fino al pomeriggio, gli aerei di ricerca della Task Force 58 hanno sondato verso ovest le navi nemiche indifese in fuga. Alla fine, alle 15:40, il pilota di Avenger Lt. R.S. Nelson, dell'Enterprise, trovò la forza di Ozawa a 275 miglia a ovest. Mitscher ordinò uno sciopero immediato alle 4:10 in cui gli aerei furono lanciati. Tuttavia, il rischio per i piloti era grave, semplicemente non c'era abbastanza luce per loro per raggiungere la loro preda, colpirli e tornare. La scommessa di Mitscher rifletteva il freddo e brutale calcolo della guerra: sperava che le perdite dell'equipaggio sarebbero costate alla sua parte meno del danno che avrebbero potuto fare alle navi dell'altra parte. Un paio d'ore dopo, all'estremità del loro raggio d'azione, i TBF, gli Hellcat e i bombardieri in picchiata catturarono la flotta giapponese.
I Vendicatori di CVL-24 Belleau Wood affondarono la portaerei leggera Hiyo. L'Air Group 24 di Belleau Wood ha lanciato 12 aerei, inclusa una divisione di quattro Vendicatori pilotati dal tenente George P. Brown in testa, il tenente Warren Omark, Benjamin C. Tate e W.D. Luton. Tutti e quattro i Vendicatori erano armati di siluri. Quando hanno individuato la portaerei giapponese, Brown ha ordinato agli aerei di aprirsi a ventaglio e avvicinarsi da diverse angolazioni. Si tuffarono attraverso un intenso fuoco antiaereo, che colpì il TBF di Brown. George Platz ed Ellis Babcock, i due membri dell'equipaggio dell'aereo di Brown, si resero conto che il loro aereo era in fiamme e non potendo raggiungere Brown sull'interfono, si paracadutarono e assistettero all'attacco dall'acqua.
Il ferito Brown tenne cupamente il suo Vendicatore sulla buona strada. Lui, Omark e Tate lanciarono i loro siluri migliorati sulla portaerei. Hanno colpito a casa ei due equipaggi in acqua hanno visto Hiyo affondare 30 minuti dopo.
Brown e il suo aereo sono scomparsi. Omark tornò indietro e fece un atterraggio notturno su Lexington. Anche Tate e Luton sono tornati in volo, hanno dovuto abbandonare e sono stati recuperati sani e salvi. Gli aerei di ricerca americani salvarono Platz e Babcock il giorno successivo.
L'affondamento della Hiyo da parte della TBF è stato l'unico grave danno causato alle navi da combattimento giapponesi dai 227 aerei della "missione oltre le tenebre". L'esperienza dei Vendicatori è stata tipica della giornata: 54 aerei sono stati lanciati con successo, 29 di questi sono andati persi, più altre 8 perdite operative. Da questi 37 aerei, circa 111 uomini sono entrati in acqua - 67 sono stati salvati. Ma quel giorno morirono molti giovani aviatori coraggiosi. La scommessa di Mitscher era probabilmente corretta, semplicemente non ha pagato come tutti avevano sperato.
George Bush
Indubbiamente, l'uomo più famoso a pilotare un Avenger è stato George H.W. Bush, in seguito 41° Presidente degli Stati Uniti. Si arruolò nella Marina nel 1942 e divenne il più giovane aviatore navale di sempre nel giugno 1943. Volò sugli Avengers con il VT-51, dalla USS San Jacinto. Il 2 settembre 1944 fu abbattuto su Chichi Jima. Mentre Bush si è paracadutato in sicurezza ed è stato salvato, nessuno dei suoi membri dell'equipaggio è sopravvissuto. Bush ha guadagnato un DFC per aver consegnato il suo carico di bombe dopo che il suo TBF era stato colpito.
ottobre 1944
I Vendicatori hanno svolto un ruolo chiave nell'affondamento della super-corazzata giapponese Musashi nella Battaglia del Mare di Sibuyan e nell'azione correlata del giorno successivo, la Battaglia del Golfo di Leyte, i Vendicatori basati su CVE hanno aiutato a evitare le navi di superficie giapponesi. I TBF hanno anche aiutato ad affondare Zuikaku e tre portaerei leggere il 26.
Tenente Cdr. Edward Huxtable, CO della VC-10 di Gambier Bay, diresse i Vendicatori e i Wildcats nei loro attacchi alle pesanti navi giapponesi. Quando le 4 corazzate e gli 8 incrociatori dell'ammiraglio Kurita apparvero al largo di Samar la mattina del 25 ottobre, Gambier Bay e gli altri CVE della Task Force 3 furono crudelmente smascherati. La TBM di Huxtable aveva solo 100 colpi di munizioni calibro .50, ma lui e altri piloti fecero finte corse sulla flotta giapponese. Dopo aver affondato Gambier Bay e tre cacciatorpediniere, i giapponesi conclusero che stavano affrontando portaerei di classe Essex e tornarono indietro attraverso lo Stretto di San Bernardino.
La fine - 1945
Gli aerosiluranti di Grumman affondarono la Yamato, nella sua ultima corsa disperata verso Okinawa il 7 aprile 1945.
Alle cerimonie del 1997 per l'albo d'onore dell'equipaggio di combattimento arruolato, il veterano di Yorktown, Charles G. Fries, Jr. ARM2/C, un mitragliere di coda della TBM, descrisse l'attacco.
Nell'aprile del 1945, inseguimmo gli ultimi resti della flotta giapponese, che comprendeva la corazzata Yamato, l'incrociatore Akagi e due cacciatorpediniere. Quando siamo andati a cercarli era nuvoloso e le troupe della TBF hanno dovuto trovarli, cosa che abbiamo fatto. Quando siamo entrati a tiro, gli squadroni si sono divisi in due sezioni. Gli ammiragli volevano fortemente abbattere la corazzata e, se necessario, ogni aereo l'avrebbe colpita. Si è scoperto che non era necessario. La prima TBM ha preso il carro, ed è stata gravemente danneggiata, pronta ad affondare.
Quindi abbiamo inseguito l'incrociatore, la cui blindatura era a una profondità diversa. Di conseguenza abbiamo dovuto cambiare l'impostazione della profondità sul siluro in modo che non andasse sotto l'incrociatore, in modo che colpisse Akagi nel punto appropriato e le facesse un buco.
Era un po' peloso perché non riuscivi a vedere cosa stavi facendo. Potevi entrare solo fino all'ascella, quindi stavi tastando la strada. La chiave che ha girato l'indicatore ha cambiato l'impostazione della profondità. Questo era proprio accanto ai cavi di armamento che andavano dalla paratia alla miccia del siluro. Se hai tirato il filo sbagliato, ci è stato detto che il flusso d'aria in arrivo potrebbe effettivamente armare il siluro. Se fosse stato colpito in qualche modo avrebbe potuto essere un problema per noi.
Abbiamo cambiato l'impostazione della profondità e siamo andati dietro all'incrociatore. Sia le grandi navi che i cacciatorpediniere hanno sollevato molte critiche. Dopo aver sparato il nostro siluro, fummo lieti di vedere l'incrociatore affondare. Più tardi anche un altro cacciatorpediniere cadde. Il siluro di un pilota ha riagganciato e ha dovuto fare altre due corse. Ha scaricato il siluro, quindi abbiamo affondato tre delle quattro navi giapponesi. Per quanto ci riguardava, la flotta giapponese non c'era più.
Da bambini eravamo così euforici nel vedere quelle navi affondare. Il carro si è ribaltato su un fianco e alla fine è affondato. L'incrociatore scivolò in aria, prima la prua e poi ricadde nell'acqua come un giocattolo. La mia prima sensazione di euforia ha ricordato l'attacco di Pearl Harbor. Ci siamo sentiti come se stessimo ottenendo anche. Tuttavia ciò fu presto seguito da una grande sensazione di tristezza.
Era strano vedere tutti i marinai giapponesi in acqua e chiedersi ancora oggi se ci fossero sopravvissuti. Se ci fosse, mi piacerebbe davvero parlare con loro e capire la loro versione della storia. A questo punto della nostra vita, a metà degli anni Settanta, siamo più riflessivi. Ci rendiamo conto che sono i ragazzini che vanno in guerra. Non so chi li abbia iniziati, ma non è piacevole considerare figli di qualcuno tutti quelli che non ce l'hanno fatta. Erano solo bambini che facevano quello che gli veniva detto, come facevamo noi.
Quindi in questo momento della propria vita, non c'è più malizia.
Dopo la guerra, i Vendicatori continuarono a volare nella Marina degli Stati Uniti, principalmente in antisommergibile, contromisure elettroniche (ECM), come piattaforme missilistiche e per l'addestramento. Un gran numero di Vendicatori ha trovato ruoli nel dopoguerra con Canada, Francia, Giappone e Paesi Bassi, alcuni ancora in servizio nel 1960. Alcuni sono stati convertiti all'uso civile come vigili del fuoco.
Sopravvissuti/Musei
42 ancora idoneo al volo, secondo Warbird Alley. Una TBM Avenger è in mostra all'USS Intrepid Sea-Air-Space Museum di New York.
--------------------------------------------------------------------------------
Varianti Vendicatore
Grumman TBF
XTBF-1: due prototipi, motore R-2600-8
TBF-1: versione di produzione iniziale simile al secondo prototipo totale 2.291 esclusi i prototipi ma inclusi -1B e -1C
TBF-1B: variante per britannici con piccole differenze: inizialmente designato Tarpon TR.Mk 1 395 conversioni
TBF-1C: come TBF-1 ma la capacità massima del carburante è aumentata da 335 a 726 galloni con due serbatoi alari sganciabili e serbatoio del traghetto per stiva bombe, due cannoni alari da 0,5 pollici
TBF-1CP: conversioni di TBF-1C con telecamere di ricognizione trimetrogen in ventola per fornire un'ampia copertura
TBF-1D: conversione con radar RT-5/APS-4 nel pod alare: TBF-1CD conversione simile a TBF-1C
Conversione TBF-IE con radar speciale e avionica aggiuntiva
TBF-1J: conversione per operazioni nell'Artico, tra cui un riscaldatore della cabina di pilotaggio ad alta capacità, avionica e illuminazione in caso di maltempo e protezione speciale contro il ghiaccio
TBF-1L: proiettore su supporto retrattile che si estende dal vano bombe. Scese rapidamente mentre il proiettore rendeva l'aereo un ottimo bersaglio per il fuoco antiaereo sottomarino.
TBF-1P: conversione TBF-1, come TBF-1CP
XTBF-2: conversione di TBF-1 n. 00393 con motore XR-2600-10 da 1.900 CV
XTBF-3: due TBF-1 completati con l'installazione del motore di TBF-3
TBM General Motors
TBM-1: simile a TBF-1: totale 550
TBM-IC: simile a TBF-1C: totale 2.336
TBM-1D/E/J/L/P: simile ai corrispondenti TBF
TBM-2: conversione della TBM-1 n. 24580 con motore XR-2600-10
XTBM-3: conversioni di quattro TBM-1C con R-2600-20
TBM-3: modello di produzione principale con motore R-2600-20 e serbatoi a caduta o razzi alari esterni: totale 4.657
TBM-3D: conversione con radar APS-4 a destra
TBM-3E: conversioni con struttura rinforzata e radar RT-5/APS-4 in pod sotto l'ala destra
TBM-3E2: TBM-3E aggiornato con avionica extra
TBM-3H: conversioni con radar di ricerca di superficie
TBM-3J: conversioni come TBF-1J
TBM-3L: conversioni come TBF-1L
TBM-3P: conversioni di fotoricognizione, a differenza di TBF-1P
TBM-3U: conversioni per traino utility e target
XTBM-4: tre velivoli di nuova costruzione con ala ridisegnata con diverso sistema di piega e manovre ri-stressate a 5g, produzione di 2.141 TBM-4 annullata al VJ-Day
Varianti del dopoguerra
TBM-3M: conversioni per il lancio di missili
TBM-3M2: aggiornamenti con equipaggiamento extra
TBM-3N: conversioni (1945/46) per missioni speciali di attacco notturno
TBM-3Q: varie ricostruzioni per la ricerca e il combattimento ECM ed EW del dopoguerra con aggiunte importanti su pancia, cabina di pilotaggio, pinna e in alcuni casi ali per ricezione e/o jamming
TBM-3R: allestimenti per sette trasporti passeggeri o merci in almeno tre configurazioni, tutte senza cannoni e con portiera a destra
TBM-3S: importante programma di conversione del dopoguerra per sciopero ASW, la maggior parte viene ulteriormente aggiornata come TBM-3S2 con avionica TBM 3E2
TBM-3W: importante programma di conversione del dopoguerra per servizio AEW (picchetto radar) con radar APS-20, nessun armamento e pinne extra più aggiornato come TBM-3W2 con display aggiornati per due operatori posteriori e altre modifiche
Denominazioni britanniche
Vendicatore Mc 1: TBF-1B: totale 402
Avenger Mk II: TBM-1 totale 334
Avenger Mk III: TBM-3 totale 222
Avenger AS.Mk 4: TBM-3S del dopoguerra: totale 100

Storia degli aerei della Marina degli Stati Uniti

Rick Morgan (http://rickmorganbooks.com/index.html) ed io abbiamo continuato a esplorare la storia del dopoguerra scarsamente documentata delle varie varianti dell'Eastern Aircraft TBM-3. La Marina ne aveva ancora molti dopo la guerra. Dato che erano grandi e facilmente modificabili, erano facilmente adattabili ad altre missioni oltre a siluri, planate e bombardamenti di livello che erano le loro Ragione d'essere.

La maggior parte è stata modificata dalle TBM-3E. Nella maggior parte dei casi, l'aggiunta della E significherebbe semplicemente l'aggiunta di apparecchiature elettroniche, in questo caso disposizioni per trasportare il radar APS-4 su un pilone di negozi sotto l'ala destra. Tuttavia, la designazione è anche associata, forse per coincidenza, a una riprogettazione di Eastern per ridurre il peso di circa quattrocento libbre. Uno di questi cambiamenti era probabilmente la posizione del gancio di coda, che era stato alloggiato internamente su tutte le TBF e nella precedente produzione di TBM. La maggior parte delle TBM-3E consegnate dalla Eastern probabilmente aveva il gancio di coda esterno. Questo è un esempio.

Ci sono prove che l'efficacia della riduzione del peso nella produzione (come il cambio del gancio di coda, l'eliminazione delle disposizioni del cannone a tunnel e di alcune armature, ecc.) Non era la stessa delle disposizioni dell'APS-4. Di conseguenza, le prime -3E di produzione non avevano il gancio di coda esterno. È anche possibile, anche probabile, che i TBM-3 siano stati successivamente modificati nella configurazione E (cioè disposizioni APS-4) presso le strutture di riparazione e revisione della Marina, ma hanno mantenuto il gancio di coda interno.

Sulla base delle informazioni fornite dall'inestimabile elenco di numeri dell'ufficio di Joe Baugher (vedi http://www.joebaugher.com/navy_serials/navyserials.html) e altrove, sembra che un lotto di produzione della TBM-3E abbia utilizzato un blocco di numeri dell'ufficio di un contratto BuAer annullato:

Numeri dell'ufficio Numero Mfg Modello

85459-86292 2278-3111 (834) TBM-3E

53050-53949 3112-4011 (900) TBM-3E

91107-91752 4012-4657 (646) TBM-3E

Questi BuNo fuori sequenza spiegano perché molti "vecchi" TBM-3E, cioè con 53XXX BuNos, sono configurati con un tailhook esterno anche se la sua efficacia si è verificata a BuNo 85566 o 86175. Spiega anche affermazioni errate sul fatto che la maggior parte delle TBM-3E non aveva il gancio di coda esterno, quando in realtà la maggior parte ce l'ha.

Di sicuro ci sono TBM-3E con il radar APS-4 e un tailhook interno. Nel suo commento qui sotto, Pablo Montero ha fornito un collegamento a questo esempio, che secondo quanto riferito è un VMTB-234 Avenger del 1945 circa. Sembra che ci sia una E alla fine della designazione del tipo sulla pinna verticale, ma come spesso accade, il BuNo non può essere letto.

Il prossimo problema interessante è la zuppa alfabetica delle varianti TBM-3. Un suffisso veniva utilizzato quando un cambiamento era "importante" e destinato a essere permanente, con eccezioni occasionali (vedi TBM-3J di seguito). Alcuni sono ben noti:

TBM-3D: Una modifica di fine guerra per aggiungere un radar APS-3 montato sull'ala destra e un'attrezzatura ECM (Electronic Counter Measure). La pistola e l'hardware associato sono stati rimossi dalla torretta e dal compartimento inferiore dal VT(N)-90 per ridurre il peso poiché la sua missione principale era l'attacco notturno.

TBM-3R: una modifica dell'era della Guerra di Corea per COD (Carrier On-board Delivery) vedi http://tailhooktopics.blogspot.com/2013/01/tbm-3r-cod.html

TBM-3S: una modifica del dopoguerra per rimuovere l'armamento difensivo e aggiungere equipaggiamento di missione ASW. È stato abbinato a una variante TBM-3W per fornire capacità di cacciatore di sottomarini come segnaposto per l'AF Guardian. Ci sono state variazioni nell'equipaggiamento della missione e nella modifica del tettuccio (uno è stato designato TBM-3S2 per distinguerlo dal 3S). Nota che un membro dell'equipaggio ora occupa il compartimento a poppa del pilota.

Si noti che il BuNo 69400 è stato probabilmente consegnato da Eastern come -3 e successivamente modificato per trasportare un pod radar APS-4 sotto l'ala destra.

TBM-3J era un TBM-3E con disposizioni per l'installazione di una bobina bersaglio di traino. L'idea era che potesse schierarsi con un gruppo aereo e fornire servizi di traino target quando richiesto. Non si trattava quindi, come si può trovare su internet, di una TBM-3 attrezzata per operazioni all-weather, ovvero con sbrinamento alare e superficie di coda.

Meno conosciuti e talvolta erroneamente identificati sono il TBM-3N (vedi http://thanlont.blogspot.com/2015/07/tbm-3n-versus-tbm-3q.html) e il TBM-3Q (vedi http://rickmorganbooks .com/tbm-3q-avenger.html). Ad esempio, come sottolinea Rick nel suo eccellente post su quest'ultimo, lo ha fatto non avere un radome montato sul ventre come il TBM-3W, come di solito indicato nei libri TBM e nei riassunti online.

E poi ci sono le varianti TBM per le quali dobbiamo ancora trovare documentazione, tanto meno fotografie. Attraverso la magia del copia e incolla, questi sono identificati su molti siti web come segue:

TBM-3H: TBM-3 modificato per radar di ricerca di superficie

TBM-3L: TBM-3 dotato di un faro retrattile nel vano bombe

TBM-3M: conversione TBM-3 come lanciamissili

TBM-3P: conversione TBM-3 per fotoricognizione

Di questi cinque, sicuramente la TBM-3P e la TBM-3L sono correttamente identificate secondo la documentazione della Marina datata novembre 1944.

La TBM-3P era una TBM-3 "dotata di una telecamera trimetregon (sic)". Rick Morgan ha trovato "meno di 10" nelle piscine CASU (Carrier Aircraft Service Units) a San Diego e Pearl Harbor negli elenchi di indennità del 1946 (alcune sono elencate come TBM-3EP, il che suggerisce che le "TBM-3P" sono state convertite da TBM -3s). I CASU erano centri di riparazione e manutenzione presso alcune stazioni aeree navali, erano anche un punto di stoccaggio per aerei che potevano essere rilasciati agli squadroni per sostituire l'attrito. L'installazione della telecamera trimetrogon ha effettivamente utilizzato tre telecamere, obliqua e verticale sinistra e destra, per scattare foto contemporaneamente. Questa è l'installazione in un B-17 (vedi https://historicairphotos.wordpress.com/2014/05/21/trimetrogon-photography/)

L'installazione della telecamera TBM-3P era probabilmente situata nel vano inferiore (del radiotelegrafista). Poiché la mappatura, al contrario della valutazione del danno da sciopero, non era una missione primaria del gruppo aereo, il TBM-3P era probabilmente poco utilizzato e sembra aver avuto una breve carriera. Nessuna foto di uno è stata identificata come tale.

Lo stesso documento elenca la TBM-3L come una "TBM-3, 3D o 3E dotata di un proiettore montato nel vano bombe". Si noti che la TBM-3D aveva disposizioni per un proiettore montato su un pilone sotto l'ala sinistra ma poiché questo era "staccabile", il suffisso L non si applicava. (In ogni caso, l'utilizzo del vano bombe per questo scopo sembra controproducente, il che potrebbe essere il motivo per cui non ci sono troppe immagini del tipo n. 8212 che devo ancora vederne una.)


La descrizione di ciascuna delle altre due varianti di TBM è dubbia. Un documento del Navy History and Heritage Command (QUI) non elenca la H e la M e identifica la J come un "aereo di servizio", che era poiché potrebbe essere configurato con una capacità di traino bersaglio.

All'epoca il suffisso H veniva utilizzato per designare un aereo modificato per essere un "ospedale", cioè per trasportare personale ferito. Questa è una possibilità, anche se non sono state identificate TBM-3H. Secondo quanto riferito, è stata apportata una modifica al radar del TBM-3W per ottimizzarlo per il rilevamento di sottomarini-snorkel, ma ciò avrebbe, semmai, comportato una modifica alla designazione esistente (c'è un TBM-3W2, per esempio).

Potrebbero esserci state TBM con stivali antigelo, ma non erano designate TBM-3J. Come notato sopra, si trattava di TBM-3E modificati con disposizioni per il traino di bersagli, il precursore del TBM-3U. Tuttavia, di conseguenza, hanno mantenuto la capacità di base per portaerei e ordigni, la designazione di una TBM con questa capacità dipendeva dal fatto che l'attrezzatura di traino fosse installata o meno! Vedi il numero di giugno 1947 di Notizie sull'aviazione navale.


Il TBM-3M, se ce n'erano, era più probabilmente una modifica per la ricognizione meteorologica come il PB4Y-2M, che era lo scopo del suffisso all'epoca. Nessuno è stato identificato.

D'altra parte, ci sono un paio di modifiche alla TBM di cui abbiamo immagini ma poche o nessuna informazione aggiuntiva. Il primo è qualcosa nel vano bombe della TBM-3E BuNo 91704 in una foto fornita da Jim Hawkins tramite Steve Ginter. Sembra che ci sia un'apertura nella parte inferiore dell'estremità posteriore del pod e quali potrebbero essere stoppini o antenne di scarica statica sul fondo del pod. Potrebbe essere un primo pod ECM installato su questa TBM per i test in volo.


Indhold

Den Douglas TBD Devastator , den amerikanske flådes vigtigste torpedofly indført i 1935, var forældet ved 1939. Bud blev accepteret fra flere selskaber, men Grummans TBF design blev valgt som afløser for TBD og i fløn best april 1940 to prototipo. Designato da Leroy Grumman , molto bello prototipo kaldt XTBF-1 . Den blev først fløjet den 7. agosto 1941. Selvom en af ​​​​de to første prototipor styrtede ned in nærheden af ​​Brentwood, New York, forte della produzione ferita.

Avenger var det tungeste enkeltmotorede fly under Anden Verdenskrig, og kun USAAFs P-47 Thunderbolt kom tæt på at ligne det i maksimal belastet vægt blandt alle enkeltmotorkæmpere, idet de kun var 180 kg lettere end TBF ved slutenningen a. Per lettera opbevaring af luftfartsselskaber, samtidig med F4F-4-modellen af ​​​​sin Wildcat carrier fighter, progettato Grumman Avenger til også at bruge den nye Sto-Wing patenterede "sammensatte vinkel" vingefoldmekanisme, beregnet til at maksimere lagerplads på et hangarskib Wildcats udskiftning af F6F Hellcat anvendte også denne mekanisme. Il motore più venduto è il motore radiale a doppio cilindro Wright R-2600-20 Twin Cyclone, con un produttore di 1.900 pezzi.

Der var tre besætningsmedlemmer: pilot, tårnskytter og radiomand / bombardier / ventral skytter. Enkelt synkroniseret .30 kaliber maskingevær blev monteret i næsen, en 0,50 kaliber pistol blev monteret lige ved side af revolverhovedet i en bagudvendt elektrisk drevet tårn og en kelt 0,30 kaliber (7,62 mm maschera di monte) håndfyret ventralt (under halen), som blev brugt til at forsvare sig mod fjendens krigere, der angreb nedenfra og bagfra. Denne pistol blev affyret af radiomanden / bombardieren, mens han stod on og bøjede sig i maven på halen, skønt han sædvanligvis sad på en sammenfoldelig bænk vendt fremad for at betjene radioen og for at se i bombekørsler. Sereno modellista di TBF / TBM udelukkede den synkroniserede 0,30 kaliber gun og udskiftede den med dobbelt Browning AN / M2 0,50 kaliber (12,7 mm) letløbspistoler, en i hver vinge påhængsmotoren til propelbuen , pr. piloti anmodninger om bedre ildkraft fremad og øget beskydningsevne. Der var kun et sæt kontrolelementer på flyet, og der eksisterede ingen direkte adgang til pilotens position fra resten af ​​​​flyets indre. Radioudstyret var massivt, isr efter nutidens standarder, og fyldte længden af ​​det velindrammede "drivhus" baldakin bag på piloten. Radioerne var tilgængelige for reparation gennem en "tunnel" langs højre side. Enhver Avengers, der stadig flyver i dag, har normalt et ekstra bagmonteret sæde i stedet for radioerne, hvilket giver mulighed for en fjerde passer.

Avenger ha avuto in stor bombe plads, der muliggjorde en Bliss-Leavitt Mark 13 siluro, enkelt 2.000 pund bombe eller op til fire bombardiere da 227 kg. Flyet havde generel robusthed og stabilit, og piloter siger, at det fløj som en lastbil på godt og ondt. Media sine gode di radiofaciliteter, di controllo e di comunicazione di Grumman Avenger e di commendati per i comandanti, Air Group (CAG'er). Med et loft på 9.000 m et fuldt belastet rækkevidde på 1.600 km var det bedre end nogen tidligere amerikansk torpedobomber og bedre end dets japanske modstykke, den forældede Nakajima B5N "Kate". Senere Avenger-modeller bar radarudstyr til ASW- og AEW- rollerne.

Escort carrier sejlere henvist til TBF som "kalkun" på grund af sin størrelse og manøvredygtighed i forhold fino a F4F Wildcat krigere i samme airgroups.


Eastern XTBM-4 Avenger - Storia

Il TBF è stato progettato principalmente per sostituire l'obsoleto Douglas TBD devastatore. Il primo di due prototipi XTBF-1, BuNo. 2539, effettuò un primo volo di grande successo il 1 agosto 1941. Il pilota, come con la maggior parte dei velivoli Grumman sperimentali dell'epoca, era lo stesso capo ingegnere sperimentale, Bob Hall. Grumman stava rapidamente diventando sovraccarico di lavoro ed era a buon punto nella costruzione dello stabilimento 2, una nuova fabbrica completa due volte più grande della prima. Qui sarebbero stati costruiti i 286 TBF-1 ordinati "fuori dal tavolo da disegno" nel dicembre 1940.

Poi, come spesso accade, i guai sono arrivati ​​all'improvviso. Nel novembre 1941 l'XTBF-1 volava nelle mani di Bob Cook e dell'ingegnere Gordon Israel. Vicino a Brentwood, a circa 10 miglia a est dello stabilimento di Bethpage, hanno scoperto che il vano bombe stava bruciando ferocemente. L'unica causa a cui qualcuno avrebbe potuto pensare in seguito era un guasto elettrico. Cook e Israel colpirono la seta, e il fiammeggiante aerosilurante si tuffò in alcuni boschi. Ciò non danneggiò il programma e nel frattempo la US Navy aveva cambiato il suo ordine per 286 in un contratto a tempo indeterminato.

In una domenica mattina insolitamente calda, il 7 dicembre 1941, tutto era in fermento a Bethpage mentre, nel mezzo di una cerimonia colorata, veniva dedicato il nuovo vasto stabilimento 2. In evidenza nel mezzo c'era il nuovo brillante secondo prototipo XTBF-1, che doveva essere il prodotto prioritario. Improvvisamente il vicepresidente dell'azienda, Clint Towl, fu chiamato al telefono dall'impianto di diffusione sonora. Prese lo strumento per sentirsi dire: "I giapponesi hanno attaccato Pearl Harbor, ora siamo in guerra". Towl proibì qualsiasi annuncio, e il pubblico iniziò a tornare a casa poi, quando l'ultimo delle migliaia ebbe varcato il cancello, l'impianto fu chiuso e perquisito per eventuali sabotatori. Doveva essere un posto sicuro per i prossimi quattro anni e il TBF è stato nominato in modo appropriato Vendicatore. sebbene il Vendicatore ha avuto un inizio infausto alla Battaglia di Midway, assicurati di leggere il suo punteggio finale qui sotto!

Grumman costruì 2.291 TBF prima che General Motors, Eastern Aircraft Division, iniziasse a costruirli in seguito su licenza di Grumman. La nomenclatura della US Navy designò questi aerei identici come TBms con edificio GM 7.546 per un totale di tipo 9.837. (TBF = costruito da Grumman e TBM = costruito da GM).

I primi modelli sia della TBF che della TBM avevano motori Wright "Twin Cyclone" R-2600-8 che sviluppavano solo 1700 CV. La produzione successiva ha visto aumenti di potenza fino a 1900 CV con il motore R-2600-20. Questo motore è stato utilizzato anche sul Boeing 314 Clipper idrovolante, B-25 Mitchell, e alcuni modelli di A-20Havoc. Le TBM-3, con quasi 4.000 esemplari in costruzione, avevano i motori più potenti. Ciò ha richiesto più raffreddamento, il radiatore dell'olio è stato spostato sul labbro inferiore della calandra e sono state aggiunte altre quattro alette su ciascun lato. Queste modifiche e la rimozione della pistola ventrale "stinger" calibro 30 sono le principali differenze visive tra il modello precedente e quello successivo Vendicatori.

Specifiche TBM-3

Dimensioni: Apertura alare 52'2", Lunghezza 40'0'
(Larghezza con le ali piegate: 16 piedi)
Altezza: 16 piedi e 5 pollici
Peso vuoto: 10.843 libbre
Peso lordo massimo: 18.250 libbre
Potenza: Motore Wright "Twin Cyclone" R-2600-20
14 cilindri in due banchi da 7, con 1900 CV
Massima velocità: 267 mph a 16.000 piedi.
Soffitto: 23.400 piedi
Gamma: 1.130 miglia (2.265 miglia con serbatoio carburante ausiliario.)
Carburante: 325 galloni americani. (90 ala, più 145 fusoliera)
Olio: 32 galloni americani
Equipaggio: 3 - Pilota, artigliere, più Radioman nella stazione della fusoliera

Armato e dotato di radar

Il TBF/TBM poteva trasportare un siluro da 2.000 libbre, quattro bombe da 500 libbre o cariche di profondità, venti bombe da 100 libbre, mine o un serbatoio di carburante ausiliario da 275 galloni nel vano bombe. Le stazioni alari combinate trasportavano due serbatoi di carburante sganciabili da 100 galloni o due bombe fino a 1000 libbre ciascuna a seconda della missione. Con un "carico utile" di quasi 8.000 libbre di carburante e armamento ha fornito una vasta gamma di missioni - e il Vendicatore era eccezionale in tutto.

Inizialmente il Grumman TBF-1 aveva un cannone cal .30 montato sul cofano, un cannone ventrale cal 30 (stinger) e il cannone cal .50 nella torretta motorizzata. La torretta è alimentata elettricamente e attraversa più di 180 gradi da lato a lato, così come l'elevazione, con la camma che segue gli interruttori di sicurezza per inibire le riprese dalle sue stesse superfici di coda. Nel giugno del 1943 la versione -3E aveva il cannone a cappuccio singolo sostituito da due cannoni calibro .50 nelle ali e la mitragliatrice ventrale "stinger" fu rimossa. Il radar ASB rudimentale ma efficace con antenne Yagi doppie e orientabili è stato sostituito dal radar APS-4 più avanzato con una singola antenna montata all'interno di un pod sull'ala destra. Ciò ha aumentato il rilevamento della nave di superficie da circa 40 miglia a oltre 300. Anche l'armatura interna è stata ridotta di quasi 250 libbre mentre la potenza e il peso lordo sono stati aumentati in questi, i più comuni Vendicatore Modelli.

Il Vendicatore è stato il primo aereo statunitense ad essere dotato di razzi utilizzati per l'attacco al suolo. Questi erano varietà HVAR da 5 pollici con quattro montati su ciascuna ala. Il primo utilizzo dei razzi aerei fu l'affondamento di un U-Boot l'11 gennaio 1944.

I primi siluri erano gli inaffidabili modelli Mark 13 che dovevano essere lanciati "basso e lento" dal coraggioso pilota che molto probabilmente stava attaccando una nave ben armata. Nel 1943 fu schierato l'affidabile siluro Mark 13-IA (coda ad anello) che poteva essere lanciato da una velocità massima di 280 mph e 800 piedi. Varie tecniche furono utilizzate da diversi squadroni con un'altitudine accurata spesso fornita da unVendicatori altimetro radar - separato dal radar di ricerca.

Le bombe sono state anche lanciate dal pilota, sia in un cluster o, usando l'"intervallometro" (impostato dal radiotelegrafista) in un bastone a quattro bombe. Il pilota di solito entrava in un'immersione da 30 a 45 gradi a circa 500 piedi di altezza prima di rilasciare le bombe. Un cannone a quattro bombe, distanziato da 60 a 75 piedi l'uno dall'altro, veniva utilizzato sulle navi di manovra.

La domanda sul "posto centrale"

C'era solo una serie di controlli sull'aereo e nessun accesso alla posizione del pilota dal resto dell'aereo. L'apparecchiatura radio originale a tubo a vuoto era enorme, specialmente per gli standard odierni, e riempiva l'intero tettuccio di vetro nella parte posteriore del pilota e davanti alla torretta. Queste radio erano accessibili per la regolazione e la riparazione attraverso un "tunnel" all'interno della posizione del radiocomando della fusoliera. Inoltre, il Vendicatore era ampiamente dotato di radar di ricerca e comunicazioni su tutte le bande, dalla bassa frequenza al VHF, che gli consentivano di diventare gli "occhi" di allerta precoce per la flotta. L'operatore radio era sempre occupato.

Il nostro aereo è stato modificato per fornire un sedile posteriore aggiuntivo al posto delle radio, il che aumenta il nostro equipaggio a quattro.

Questo è uno dei primi TBF costruiti ed è probabilmente uno di quelli assegnati allo squadrone VT-8 perso durante la Battaglia di Midway. Mostra l'equipaggio originale di quattro uomini che è stato poi ridotto eliminando il bombardiere orizzontale dietro il pilota. Questa zona è stata rapidamente riempita di radio di comunicazione, altimetro radar, IFF (iodentatura-Friend o Foe transponder) e un autopilota ad azionamento idraulico poiché il TBF/TBM è stato continuamente aggiornato con attrezzature più moderne.

TBF/TBM Vendicatore In battaglia

Nel teatro atlantico, Vendicatori sono stati lanciati da 14 vettori di scorta più piccoli (CVE) con ruoli antisommergibile. Questo è stato spesso fatto in coppia. Uno Vendicatore verrebbe utilizzato come "cacciatore" e trasporta carburante aggiuntivo e boe sonar lanciabili per trovare sottomarini nell'area critica del medio atlantico fuori dalla portata dei bombardieri terrestri. Quando furono avvistati i sottomarini nemici, un altro "killer" Vendicatore verrebbero comprati armati di bombe di profondità e razzi. Il siluro antisommergibile da 1160 libbre, Mk 34, chiamato "Fido", è stato utilizzato con successo anche nell'Atlantico. Il primo sottomarino ucciso da Vendicatori era l'U-569 il 22 maggio 1943 con 53 uccisioni finali e una cattura durante la seconda guerra mondiale.

Sebbene solo 12 sottomarini giapponesi siano stati accreditati al Vendicatore, entrambe le più grandi corazzate del mondo: la Mushai e il Yamato - sono stati affondati da Vendicatore bombe e siluri nel Pacifico. Il punteggio finale del Pacifico ha dimostrato che Vendicatori rappresentavano 6 delle 10 corazzate giapponesi, 11 delle 15 portaerei e 10 dei 14 incrociatori pesanti persi. Delle 12 grandi navi giapponesi rimaste, i sottomarini ne affondarono otto e le navi di superficie ne affondarono quattro. Nessuno è stato perso a causa dei bombardamenti orizzontali degli aerei dell'esercito.

Il Corpo dei Marines iniziò le operazioni terrestri con i TBF-1 a Guadalcanal nel novembre 1942. I primi squadroni d'attacco dei Marine in combattimento nel Pacifico erano iniziati come unità SBD, ma nel 1945, 23 squadroni di Marine, a terra o su quattro portaerei di scorta , Usato Vendicatori. Questi sono stati utilizzati principalmente per l'attacco al suolo e il supporto tattico.

A causa del suo peso, il Vendicatore non era certamente agile come il giapponese più leggero zerie altri combattenti nemici. Pertanto la migliore tattica di combattimento aria-aria era quella di tuffarsi su un aereo bersaglio, sparare e continuare l'immersione. In ogni caso, il Vendicatore poteva assorbire molte punizioni ed era molto amato da quei membri dell'equipaggio che riuscivano a tornare a casa zoppicando con i danni della battaglia. Ci sono registrazioni di quando il nemico aveva esaurito tutte le sue munizioni e doveva semplicemente andarsene. Nonostante le sue carenze come combattente, 98 uccisioni aeree sono state registrate da Vendicatore equipaggi aerei, e solo 20 sono stati persi in combattimento aereo dal 1943 fino alla fine della guerra. Altri velivoli della seconda guerra mondiale progettati da Grumman si dimostrarono altrettanto robusti, guadagnandosi l'affettuoso titolo di "Grumman Iron Works".

Verso la fine della seconda guerra mondiale vide lo sviluppo del TBM-3W, il primo aereo Airborne Early Warning (AEW) della Marina. Sviluppato nell'ambito del progetto Cadillac, aveva una grande antenna radar APS-20 sotto la fusoliera in grado di rilevare gli aerei nemici ben oltre la linea di vista delle navi di superficie.Un'area circolare di 200 miglia in ogni direzione potrebbe essere scansionata da 20.000 piedi e trasmessa alle navi. Tutto l'armamento doveva essere rimosso per ospitare l'elettronica e il suo operatore, situato con la sua console all'interno della fusoliera, e l'XTBM-3W volò per la prima volta il 5 agosto 1944. I serbatoi di carburante extra venivano solitamente trasportati in questo "cacciatore" a lungo raggio ruolo con missioni della durata massima di 10-12 ore. Nel marzo 1945, iniziarono le consegne dei primi 27 in fase di ricostruzione presso la struttura della Johnsville Navy, e le prove furono fatte sul Ranger nel maggio 1945. Le unità TBM-3W a quattro piani furono schierate per la prima volta con installazioni AEW su Enterprise, Hornet e Bunker Hill, alla fine del 1945.

Gli ultimi 24 Vendicatori furono consegnati alla Marina nell'agosto 1945.

Il punteggio finale della seconda guerra mondiale

Totali della seconda guerra mondiale

Combattimento aereo

Guerra totale

Uso continuato nel dopoguerra

Dopo la guerra, la portaerei della Marina Vendicatori non aveva flotte di superficie straniere a cui opporsi e le forze d'attacco si ridussero. I sottomarini sono rimasti l'unica potenziale minaccia navale, quindi alcuni Vendicatori sono stati modificati alla configurazione TBM-3S, la cui torretta è stata rimossa.

Il preallarme aereo divenne una priorità assoluta e nel giugno 1948 fu formato il primo squadrone AEW, VC-2, con TBM-3W, poiché furono apportate ulteriori conversioni fino a quando 156 furono nella flotta nel 1953. Le contromisure radar furono testate da TBM- versione 3Q. L'ultima TBM-3E lasciò il servizio dello squadrone (VS-27) nell'ottobre 1954, ma molti Vendicatori anche ricoperto ruoli di utilità e non di combattimento.

Quando fu istituito il Programma di assistenza alla difesa reciproca (MDAP), le TBM-3 di seconda mano di varie modifiche furono inviate alle potenze alleate, con 117 inviate in Canada nel 1950 (incluso il nostro), 19 in Uruguay nel 1949/50 e 140 in Francia, a partire dal maggio 1951. Le spedizioni di 100 TBM-3E iniziarono nel marzo 1953 per la Royal Navy, dove servirono squadroni ASW come Vendicatore AS.4, AS.5 o ECM.6, a seconda dell'elettronica montata. Dopo la loro sostituzione con la Fairey Gannet nel 1955, 47 furono trasferiti alla Francia e altri 19 ai Paesi Bassi furono aggiunti ai 58 acquisiti in precedenza dagli Stati Uniti.

In un tocco ironico, 20 Vendicatori divennero i primi aerei da combattimento della nuova Marina giapponese (chiamata Maritime Self-Defense Force) nel 1954/55. Queste divennero le ultime TBM rimaste in servizio militare fino al pensionamento nel 1962, ma civili Vendicatori(incluso il nostro) ha lavorato come vigili del fuoco forestali in Nord America per molti anni dopo.

Clicca il Il nostro Vendicatori Storia scheda a sinistra per maggiori informazioni.


La tbm

L'Avenger servì dal 1942 in poi come aerosilurante principale per la Marina degli Stati Uniti. Progettate da Grumman, le TBM Avengers sono state effettivamente costruite dalla General Motors nella loro fabbrica di New York. Dei 9.800 Vendicatori costruiti, la maggior parte erano varianti TBM. A volte si dice che il Vendicatore abbia perso la Battaglia delle Midway, ma in realtà sei Vendicatori erano di stanza sull'Isola di Midway e hanno partecipato a quella battaglia cruciale. Dei sei che hanno volato, cinque sono stati abbattuti.

Le tattiche della Marina degli Stati Uniti all'epoca prevedevano un attacco su due fronti alle formazioni di navi nemiche, bombardieri in picchiata attaccati dall'altitudine e aerosiluranti attaccati dal basso livello. La teoria sosteneva che il Combat Air Patrol giapponese non sarebbe stato in grado di affrontare entrambi e sarebbe stato attratto dall'uno o dall'altro. L'elemento non impegnato sarebbe quindi libero di portare a casa un attacco indisturbato. È stato questo concetto tattico a dettare il design dell'Avenger, il potente cannone calibro .50 in una torretta motorizzata che fornisce protezione dai caccia nemici in picchiata per attaccare, e un enorme stiva bombe per ospitare il siluro all'interno dell'aereo, piuttosto che esternamente come era stato fatto fino a quel momento. È stata costruita robusta e resistente per sopravvivere alle dure operazioni del vettore e per subire punizioni tremende

A Midway, furono gli Squadroni Siluri ad essere impegnati e subirono perdite devastanti. Ciò permise ai bombardieri in picchiata di passare e la flotta giapponese fu gravemente sbranata con tutte le loro portaerei affondate. Fu un punto di svolta nella guerra del Pacifico. L'Avenger ha continuato a servire con grande distinzione nel Pacifico e nell'Atlantico, a cui è stato attribuito l'affondamento della corazzata della Marina imperiale giapponese "Yamato" e di decine di U-Boot tedeschi nell'Atlantico. L'Avenger è stato utilizzato dalla Royal Navy e da un certo numero di altre armi aeree alleate.


Guarda il video: TBM-3E Avenger - Vintage Aircraft Weekend (Gennaio 2022).