Interessante

Ricordi della Grande Armata - BD


“Amico mio, ieri c'è stata una grande battaglia, la vittoria è rimasta con me ma ho perso molte persone; la perdita del nemico, ancora più grande, non mi consola. " Napoleone I, 9 febbraio 1807. La sera della sanguinosa battaglia giace il soldato Godart ... Duecento anni dopo che il suo discendente Michel Dufranne creò il personaggio "Marcel Godart", dando inizio alla sua epopea dove era finito il vero Godart. I bicentenari napoleonici sembrano influenzare il mondo del fumetto che inizia a sfruttare questo ricco periodo, sia in contesti epici che da appassionati, e quindi da potenziali acquirenti.

Da questi "Souvenir della Grande Armata" il lettore è invitato a seguire le avventure di un soldato dei 2th Cacciatori di cavalli: "Io, Marcel Godart, noto come 'Le Belge', prendo la mia penna oggi per onorare la memoria dei miei compagni d'armi dei 2th Cacciatori a cavallo che hanno dato la vita alla Grande Armée. Le mie prime azioni risalgono a una fredda sera polacca del gennaio 1807. Dato che parlo fiammingo, Bouvier ei miei ufficiali erano convinti che capissi gli austriaci. Da quel momento in poi, mi hanno spesso designato per incarichi "speciali". "

Riassunto

Volume I “1807 - Dobbiamo vendicare Austerlitz! "Ci immerge nell'aspra campagna polacca dove la carestia, il fango e l'ostilità della popolazione sono la vita quotidiana dei nostri cacciatori. Cresce la tensione, tra i reggimenti ma anche al loro interno e nel cuore della notte scoppia il dramma: il cavallo del vecchio, soprannominato "Io c'ero", viene ritrovato disteso per strada, bagnato del suo sangue. La stessa notte, il sottotenente Beaumont scompare misteriosamente ... Sospetti, psicosi, ognuno interpreta i fatti a modo suo: sfortuna della fanteria, malocchio ... Marcel Godart, accompagnato dal suo turbolento amico, è incaricato di chiarire la questione.

Il volume II “1808- I figli della vedova” inizia con un'alba che buca lentamente le ultime nebbie profumando una fattoria polacca. Una calma morta tagliata dalle grida rabbiose dei duellanti ... La scena si svolge nel 1808, il 2th Chasseurs è ancora di stanza nel Ducato di Varsavia ma non ha quasi nemici da combattere, i soldati si annoiano ... Tra le cene massoniche e lo scherzare con i contadini ognuno trascorre il tempo a modo suo. Ma rapidamente gli eventi cambiano: nuovo attacco a questo vecchio "io c'ero" e soprattutto misteriosi lupi mannari che attaccano gli abitanti del villaggio ...

Volume III «1809 - Vedi Vienna o muori! Vede il nostro gruppo di eroi indebolito nella battaglia di Reising e nell'inseguimento che segue. In quel fatidico giorno "I Was There" viene colpito da una salva mortale dopo aver strappato uno stendardo al nemico. "Mastiff", coraggioso tra i coraggiosi in combattimento, ha la mascella spaccata da un proiettile. “Il belga”, gravemente ferito il giorno dopo, si ritrova in un ospedale improvvisato dove ritrova la moglie del suo vecchio amico morto il giorno prima.

40 anni dopo, nel 1849, il vecchio che è diventato Serge Godart parte con i suoi figli in un lungo viaggio per tornare sulla scena di questa tragedia umana. Lì, deve affrontare i suoi vecchi demoni e porre fine a una storia oscura e misteriosa che lo ha perseguitato sin dai tempi in cui era in ospedale ...

La nostra opinione

Questo è qualcosa per deliziare i fan del Primo Impero! Questo fumetto è una meravigliosa miscela di intrighi investigativi e vita di campagna! Tavola dopo tavola, gli appassionati ricorderanno gli scritti di Coignet, Blaze e altri ... Apprezzeranno la cura riposta nel trascrivere questa atmosfera di vita corporea: rivalità tra corpi, rapporti tra veterani e "jeans", tutti bagnati il gergo militare dell'epoca (con un lessico alla fine del fumetto). Questa atmosfera coinvolgente piena di colpi di scena si basa su tre personaggi carismatici: Marcel Godart, la testa pensante, responsabile della risoluzione degli enigmi, "Ero lì", l'orgoglioso e un po 'misterioso Briscard, "Mastiff" fedele amico di Marcel, corridore di sottovesti e grandi litigi davanti al Signore. Raggiungendo un'interessante simbiosi tra descrizione storica e trama poliziesca, questo fumetto può raggiungere un vasto pubblico. In base allo stesso principio, disegni e colori sono sufficientemente precisi da immergerci nell'atmosfera, senza cadere nel tabellone uniformologico.

La resa dell'azione, i colori, il disegno, regalano in modo eccezionale un'atmosfera a volte gioiosa, pesante, senza fiato ... È un fumetto che gioca con i sentimenti del lettore, un vero capolavoro!

Piacevole da leggere quanto da guardare, questa serie offre anche un piccolo file alla fine di ogni episodio per consentire al neofita di rivedere un po 'il contesto storico.

Michel Dufranne, che ha studiato psicologia, ci offre una saga oscura e sottile: profondamente umana ...

Ricordi del grande esercito

Edizioni: Delcourt

Sceneggiatura: Michel Dufranne

Disegni: Alexis Alexander

Colori: Jean-Paul Fernandez

- Volume I: “1807 - Dobbiamo vendicare Austerlitz! "(2007)

- Volume II: “1808 - I figli della vedova. "(2008)

- Volume III: "1809 - Vedi Vienna o muori!" (2010)


Video: Jaha Tum Rahoge. Maheruh. Amit Dolawat u0026 Drisha More. Altamash Faridi. Kalyan Bhardhan (Potrebbe 2021).