Le collezioni

La rivoluzione scoppia in Russia (8 marzo 1917)


Dall'8 al 13 marzo 1917 (dal 23 al 28 febbraio secondo il calendario giuliano) il regime zarista russo e la dinastia Romanov, al potere per 3 secoli, saranno vinti da un rivoluzione le cui conseguenze si faranno sentire per tutto il ventesimo secolo. La prima guerra mondiale è stata un vero disastro per la Russia. A causa della sua debole industrializzazione e della sua arretratezza tecnica il paese non è stato in grado di resistere alla prova di una guerra lunga e moderna. All'inizio del 1917 l'esercito russo in gran parte sconfitto fu indebolito da diserzioni, fame e sedizione. Quanto alle persone, anche loro soffrono di condizioni di vita precarie. Aumentano gli scioperi e le rivolte.

A capo dello stato lo zar Nicholas ii si rivela incapace di contenere la crisi o di proporre riforme soddisfacenti. Febbraio ha visto l'inizio di un importante e spontaneo movimento di scioperi a Pietrogrado (ex San Pietroburgo, capitale dell'Impero russo) i cui slogan sono diventati rapidamente molto radicali e repubblicani. Chiediamo pace e pane.

L'esercito a cui è stato ordinato di sopprimere il movimento finirà per passare agli insorti. Gli eventi si susseguono velocemente. Come durante la rivoluzione del 1905, un soviet (consiglio) sembra supervisionare la rivoluzione e darle una parvenza di coerenza. Di fronte ai disordini popolari, anche l'opposizione parlamentare si sta organizzando e formando una commissione provvisoria per ristabilire l'ordine.

Queste due istituzioni negozieranno l'esito della crisi, mentre lo zar Nicolas viene gradualmente escluso dal potere. Tuttavia, due concezioni del futuro Russia sono già in conflitto. Se i parlamentari prevedono l'istituzione di una democrazia parlamentare e liberale classica, il movimento sovietico tende alla democrazia diretta e al socialismo.

In ogni caso, di fronte a una situazione sfuggita di mano, l'esercito riesce a convincere lo zar ad abdicare. Mentre a governo temporaneo è in fase di costituzione, la Russia dovrà imparare a conoscere la libertà politica. Un apprendistato che, come dimostreranno gli eventi dell'autunno successivo, si concluderà con un nuovo autoritarismo, questa volta socialista.


Video: La Rivoluzione russa (Potrebbe 2021).