Interessante

Servizi segreti nel Medioevo


Ecco un titolo intrigante che sa di anacronismo ma che nasconde una simpaticissima sintesi su un argomento molto poco conosciuto e trattato: Servizi segreti nel Medioevo. E uno degli interessi intrinseci di questo libro, scritto da due esperti del settore, Éric Denécé e Jean Deuve, è proprio quello di darci una nuova visione pubblica generale del Medioevo e soprattutto della guerra.

Una vasta panoramica

Una delle prime qualità di questo libro è fornire un'ampia panoramica di ciò che potevano essere stati i servizi segreti nel Medioevo. Anche se questa sintesi appare più come una raccolta di articoli su questo tema, risulta particolarmente efficace rispetto ai vari temi affrontati al fine di fornire un panorama conciso e completo sulla pratica di questa "arte" nel medioevo. Dopo un richiamo alla storia dell'intelligence e delle operazioni speciali durante l'Antichità e l'inizio del Medioevo mescolando un territorio molto vasto che va dall'Europa all'Asia, ogni capitolo poi tratta generalmente l'argomento in un dato spazio e periodo. Scopriamo così questi "servizi segreti" del Medioevo attraverso la diplomazia e gli intrighi dell'Impero Bizantino alle tecniche di intelligence dei Vichinghi senza dimenticare i servizi di spionaggio dei Normanni in piena avventura siciliana. Il clou del libro è più che mai il racconto delle operazioni segrete di Guglielmo il Conquistatore che si preparano per la Battaglia di Hastings (1066) e di fatto, la conquista del regno d'Inghilterra.

Un'altra visione della guerra nel Medioevo

La guerra medievale non riguarda solo le accuse rabbiose e indiscriminate di cavalieri rivestiti di armature pesanti, è molto più tattica e complessa di così. Questo libro ti permette di scoprire un'altra visione della guerra durante il periodo medievale. Permette di scoprire la guerra segreta dove, secondo gli autori, troviamo le diverse tecniche e metodi dell'intelligence moderna: operazione clandestina, disinformazione e intossicazione, intercettazione della posta, guerriglia e molti altri. Si consideri, ad esempio, l'uso da parte dei Normanni di scritti segreti e codificati o la meticolosa preparazione delle spedizioni vichinghe che non lasciano spazio al caso durante le loro incursioni. Inoltre, gli autori non lesinano aneddoti per illustrare e arricchire il loro punto, quindi è un piacere scoprire i trucchi di brillanti strateghi come il bizantino Belisario.

Concludere

Scritto da soldati, Servizi segreti nel Medioevo offre una sintesi chiara e facilmente accessibile per il grande pubblico su questa "arte" poco conosciuta. I confronti contemporanei possono fornire al lettore preziosi punti di riferimento, sebbene lo storico possa essere imbarazzato. Ci rammaricheremo semplicemente dell'assenza di una vera bibliografia di fronte alle poche note a piè di pagina. Avremmo anche potuto apprezzare più dettagli su casi pratici come il capitolo sulla preparazione per la battaglia di Hastings, che assomiglia a un po 'di arte bellica di Sun Tzu e suona come una vera lezione di strategia medievale.

Éric Denécé e Jean Deuve, Servizi segreti nel Medioevo, Éditions Ouest-France, Rennes, 2011.


Video: Alberto Massari - Intelligence Collettiva: i Servizi Segreti nel mondo (Potrebbe 2021).