Le collezioni

War Horse - Film (2012)


Attualmente in mostra " Cavallo di battaglia »Ci immerge nel cuore di Prima guerra mondiale a seguire la sorte di Joey, mezzosangue impiegato in prima linea, e di Albert, suo giovane padrone disperso nell'inferno delle trincee, che spera ancora di ritrovare il suo fedele compagno. Su uno sfondo storico Steven Spielberg (regista) rilegge l'opera di Michael Morpurgo e ci propone un affresco romantico di qualità adatto ad un vasto pubblico per soddisfare gli amanti dei cavalli di ogni tipo.


Sinossi

« Cavallo di battaglia È la storia di Albert, un giovane di una famiglia indigente di mezzadri inglesi, e di Joey, un magnifico mezzosangue acquistato per capriccio dal padre del giovane, un veterano della guerra boera e alcuni poco alcolico. Nonostante i migliori sforzi di Albert per addestrare l'animale e renderlo utile nella fattoria come animale da lavoro, suo padre indigente finì per vendere l'animale all'esercito britannico durante lo scoppio della prima guerra mondiale. Utilizzato per la prima volta come cavalcatura nella cavalleria, Joey ha attraversato tutta la grande guerra, cambiando regolarmente le mani, a volte di proprietà degli inglesi, a volte quella dei tedeschi per trainare ambulanze e artiglieria, a volte raccolti da disertori o civili ... La storia di Joey è soprattutto un susseguirsi di contrattempi e di amicizie con i suoi vari proprietari. Ma al vertice di tutte queste amicizie ovviamente predomina quella di chi l'ha formata, quella di Albert. Albert che nel 1918 si trovò sul fronte francese con un'ossessione: trovare il suo cavallo.

La nostra opinione

Nessun dubbio " Cavallo di battaglia "È un bel film, bello nelle sue immagini e bello nel suo messaggio: un'esaltazione dell'amicizia oltre l'umanità. La bellezza delle immagini è sorprendente, i crepuscoli sono di abbaglianti toni ocra-arancio saturi, ma ciò che si guadagna in bellezza si perde un po 'nel realismo ... Inoltre, il realismo non è certo l'elemento da ricercare in via prioritaria in questo film che non è strettamente parlando un film storico, ma un romanzo su uno sfondo storico. Quindi lo scenario in sé può sembrare alquanto improbabile ed è difficile credere che un contadino mandato al fronte nel 1918 possa così trovare il suo cavallo impiegato al fronte dal 1914 ... Ci sarebbe una dose straordinaria di fortuna, per non dire una dose di cavallo ...

Anche altre scene possono lasciare scettici, sia che si tratti di un carro armato inglese che respinge i tedeschi in modo del tutto isolato (scena pretesto per un bellissimo faccia a faccia tra l'animale e la macchina), o la scena dell'incarico di cavalleria con bivacco tedesco difeso da una dozzina di mitragliatrici ... Senza servi fissi e puntato verso le tende del bivacco ...

Noteremo anche che le scene di battaglia rimangono sempre molto "pulite", ci sono sicuramente molti morti ma sempre quasi senza una goccia di sangue e senza la minima mutilazione, ci sentiamo il desiderio di fare un film per il grande pubblico per non farlo. privarti dei giovani amanti dei cavalli. Notiamo anche la virtuale assenza di scene di acrobazie a cavallo che potrebbero scioccare questi amanti dei cavalli (avremmo paura che prenderanno il morso tra i denti?), Che sembra mancare nella scena in cui la cavalleria britannica viene presa sotto il fuoco. Mitragliatrici tedesche.

Specifichiamo comunque “quasi assenza” perché c'è ugualmente una spettacolare caduta da cavallo, preludio a una scena di fraternizzazione tedesco-britannica che lasciamo scoprire allo spettatore. Tuttavia, se la guerra non si manifesta nelle sue atrocità, particolare cura viene riservata alle scenografie e alla militaria con un occhio di riguardo per i dettagli e l'accuratezza nel materiale utilizzato e nelle divise (su questo punto Spielberg sembra molto cavallo). La sceneggiatura del film, che copre tutta la durata della guerra e si occupa della parte britannica e tedesca, è inoltre una buona opportunità per mostrare materiale 14-18 nella sua diversità.

Infine notiamo i molti riferimenti fatti a varie caratteristiche del mondo britannico all'inizio del XIX secolo con riferimenti alle guerre coloniali (guerra boera in Africa meridionale, battaglia di Omdourman in Sudan, ecc.), Alle truppe coloniali indiane impegnate nella guerra. , alla riproduzione delle gerarchie sociali nella gerarchia militare, alla miseria dei contadini inglesi prima della guerra ... Tanti i temi che piaceranno agli studenti che si preparano per il CAPES perché in programma l'anno scorso la questione "Il mondo britannico del 1815 nel 1931 ”e quest'anno con“ Società coloniali nell'era degli imperi: Africa, Indie occidentali, Asia (1850-1950) ”.

Per concludere possiamo dire che " Cavallo di battaglia "È un bel film, sia nella sostanza che nella forma, accessibile a tutto il pubblico (consigliato a partire dai 10 anni) e che dovrebbe essere visto soprattutto come una storia di fantasia e non come un film storico. Un buon film per famiglie, sarai sicuro di non scommettere sul cavallo sbagliato.

Guarda anche il romanzo originale:

- Morpurgo Michael, War Horse, Gallimard Jeunesse, 2012.

Cavallo di battaglia, di Steven Spielberg (War Horse, 2011).

Guarda il trailer del film


Video: Tom Hiddleston and Benedict Cumberbatch on the set of War Horse (Potrebbe 2021).