Informazione

Tintagel - BD


Le Edizioni Delcourt ci propone una nuova saga: " Tintagel ". Dietro il nome della città della Cornovaglia, meglio conosciuta dal ciclo arturiano, si nasconde in realtà una serie che adatta la leggenda dei due più famosi amanti del romanzo medievale: Tristan e Yseut. Questa leggenda messa per iscritto a XII secolo è stato oggetto di una moltitudine di versioni in tutto l'Occidente. Novecento anni dopo, il successo continua senza sosta e questo fumetto cerca di offrire a quante più persone possibile questa riflessione sull'esaltazione delle passioni amorose e sulle sue devastanti conseguenze.

Guardando indietro a 900 anni di successi

Il mito di Tristano e Yseut racconta come Tristano, un giovane campione orfano recentemente presentato alla corte di suo zio Re Marco, abbia bevuto accidentalmente la pozione d'amore che avrebbe dovuto stregare suo zio e la sua nuova moglie: Yseut. Segue un amore appassionato e puramente magico tra Tristano e Yseut, e unilateralmente tra il re Marco e quest'ultimo. Gli amanti alla fine fuggiranno, saranno trovati da Re Marco che li perdonerà quando gli effetti della pozione svaniranno. Manganine il re li risparmierà e recupererà sua moglie, eternamente perseguitata, tuttavia, non dalla gelosia che lo spinge a esiliare suo nipote. Tristan tornerà nella sua terra con un nuovo amore spassionato per una nuova donna. Trascorrerà la sua vita combattendo fino a essere gravemente ferito e non avendo più salvezza che nei talenti magici della sua ex concubina ... Mentre lei si prepara a venire a salvarlo, una bugia da sua moglie geloso lo spinge verso la morte (per abbandono o suicidio a seconda della versione).

Come vediamo in questo riassunto molto succinto (che deliberatamente non rivela i tanti colpi di scena e dettagli della storia) l'essenza di questa storia è una storia d'amore medievale, lontana dall'amore cortese, però. L'amore cortese generalmente consiste in un amore impossibile e controllato tra un uomo e una donna che è generalmente di rango superiore e / o sposata. L'amore cortese è quindi amore casto, controllato e fantasticato. Al contrario, la storia di Tristan e Yseut è un amore consumato, carnale e appassionato, ma anche, e soprattutto, un amore distruttivo. Questo amore incontrollato, venato di adulterio, porta con sé gelosia e morte. A volte può essere interpretato come un avvertimento ai giovani innamorati di aprire gli occhi sugli aspetti devastanti e talvolta sottovalutati di un amore troppo libero e appassionato. Altri lo vedono, al contrario, come un inno alla passione amorosa, così ardente che può trovare il suo epilogo solo nella morte fisica e trovare riposo solo in queste tombe collegate tra loro da un rovo o da un cespuglio di rose. Perché tutti vedano e capiscano cosa interpreta il loro cuore di questa leggenda, questo tipo di storia non è fine a se stessa, ma una base per la riflessione.

Storicamente, questo racconto è generalmente datato al 12 ° secolo, sebbene sia certamente ispirato a precedenti figure o epiche celtiche. Inoltre, come per i romanzi della Tavola Rotonda (che a volte si sovrappongono alla storia di Tristano), è sbagliato parlare di una storia, perché ce ne sono diverse. Forse c'era una storia originale, ma sicuramente le storie si completavano e si ispiravano a vicenda in modo graduale. Così alcuni aspetti della storia ci vengono raccontati da Normand Béroul, Tommaso d'Inghilterra, Maria di Francia, Ulrich von Zatzikhoven e almeno altri sette autori occidentali. Fu solo nei primi anni del XX secolo che Joseph Bedier compilò e sintetizzò tutte le versioni per creare un'opera "completa" che in realtà è una creazione originale.

Tuttavia, senza essere una narrazione unificata durante il Medioevo, l'amore di Tristano e Yseut rimane un classico tra le élite occidentali, un tema culturale comune come la canzone di Roland o la ricerca del Graal. Possiamo così trovare molti riferimenti nell'arte: decorazione di mobili, arazzi, illuminazione ... Il tema viene poi ripreso dagli artisti romantici della fine del XIX e dell'inizio del XX (pittori come Frederick Leighton, compositori come Richard Wagner …) Che trovano così un formidabile campo di sperimentazione delle passioni, che più si trova in un quadro gotico medievale fantasticato come tanto gli piaceva. Il tema non sembrava mai esaurirsi ed è stato adattato in un film con almeno sette versioni fino all'inizio degli anni 2000. Novecento anni di successo che ovviamente non hanno risparmiato i fumetti visto che è almeno la terza volta. che Tristano riprende vive con la nona arte.

Il fumetto "Tintagel"

In questo primo volume "Yseut la Blonde", Rodolphe, lo sceneggiatore riprende la storia di Tristano dal matrimonio di suo padre e sua madre (sorella del re Marc di Cornouailles), la morte dei suoi genitori, la sua infanzia nascosta da figlio. di uno dei baroni del defunto padre, la sua cattura da parte dei pirati, il suo arrivo alla corte di re Marco, la scoperta delle sue vere origini e la sua epica lotta con un colosso dell'esercito irlandese ... una ferita mortale inflitta dal colosso la cui lama era avvelenata, ferita che solo Yseut, principessa d'Irlanda e nipote del colosso poteva guarire ... Poi fu il trionfale ritorno al re Marco, sollecitato rapidamente dai suoi baroni a trovare un moglie in modo che abbia un figlio che tiene Tristano lontano da una possibile successione al trono. Questa futura donna non sarà altro che Yseut e Tristan è incaricato di andarla a cercare. Per questo dovrà sconfiggere un drago e la perfidia di un barone irlandese. Sulla via del ritorno, navigando al largo delle coste irlandesi, beve inconsapevolmente con la principessa una pozione d'amore che la regina d'Irlanda aveva preparato per accendere l'amore tra sua figlia e il re Marco. Mentre aveva giurato di accompagnare dignitosamente la principessa al marito, i poteri magici della pozione lo spingono ad unirsi carnalmente a lei ...

Riprendendo le linee principali della leggenda, Rodolphe sta facendo abbastanza bene in questo adattamento della storia al fumetto. I testi sono inoltre impreziositi in stile trobadorico per immergere meglio il lettore in questa fantastica atmosfera medievale e per riconnettersi con l'oralità che era il miglior vettore di leggenda in tutto l'Occidente. Sulla base di questo scenario ben condotto, il lettore è immerso in un disegno epico di duelli, draghi e principesse.

Le tavole con colori chiari e caratteristiche sicure partecipano a questa immersione. Tuttavia, non si dovrebbe cercare una ricostruzione storica, né del XII secolo (contesto nella scrittura della leggenda) né dell'VIII secolo (a volte considerato come il contesto del mito originale). Troviamo nel disegno elementi di varie epoche ed elementi puramente immaginari in un mondo soprattutto fantastico e non storico. Ciò che è storico è la storia, non la storia raccontata. D'altra parte, per una storia del genere basata in primo luogo sull'esaltazione di passioni sfrenate (duelli, guerra, amore ...) ci saremmo potuti aspettare un design più oscuro, più nero, più gotico, con un uso più intenso di scene di lotte come scene erotiche. Al contrario, il tutto rimane abbastanza bonario, pulito e prudente. Una scelta che forse conferisce alla storia un po 'meno intensità, ma che la rende accessibile a un pubblico molto vasto, giovani compresi. Una scelta piuttosto coerente per François Allot che tra l'altro ha lavorato alla progettazione grafica della serie "Ulysse 31" o per la rivista "Okapi".

Sceneggiatura: Rodolphe

Design: Françoit Allot

Colori: Christian Lerolle

Edizioni: Delcourt

Tintagel

- Volume 1: Yseut la Blonde


Video: Bouldering at Tintagel in the Rain. South West Roadtrip Vlog 3 (Potrebbe 2021).