Nuovo

The Wild Flight Saga: Alice's Rabbit - BD


Con " Coniglio di Alice ", Galandon e Hamo iniziano il secondo ciclo della serie" L’Envolée Sauvage "dedicata ai destini dei giovani Bambini ebrei durante la seconda guerra mondiale. Questa terza opera ci invita a seguire Ada e Lucja, due giovani sorelle separati dai genitori dopo iluna carrellata del Vel d'Hiv ' nel luglio 1942.

In questa vita clandestina dove non sono mai al sicuro, le bambine continuano a creare un mondo in cui la realtà tangibile e la loro fertile immaginazione si mescolano alle storie dei bambini. È questo modo atipico di avvicinarsi a quelle ore buie che rende questo scenario così originale e così toccante.

Sinossi

Nel 1942, Ada e Lucja, due giovani sorelle di fede ebraica, si trovarono radunate con le loro famiglie dalla polizia e dalle milizie francesi. Parcheggiati nel velodromo invernale (il Vel d'Hiv '), devono la fuga solo all'intervento della zia, coinvolta nelle reti di resistenza. La separazione dai genitori è di per sé un evento traumatico a cui si aggiunge il completo sconvolgimento loro imposto dai loro salvatori per sfuggire all'inesorabile caccia agli ebrei lanciata dall'occupante tedesco, con il sostegno di parte della popolazione. I due bambini piccoli devono ricostruire un'identità, non conservare alcun segno esteriore della loro fede, prendere nomi di battesimo, apprendere le basi dei riti cattolici, creare una nuova identità ed essere dimenticati da una famiglia affidataria in campagna. È molto, soprattutto per la più giovane Lucja (ribattezzata Alice) che ha solo cinque anni. La bambina, sempre accompagnata dal suo peluche "Monsieur Lapin", cattura solo una parte della realtà del mondo che la circonda, in un misto di matura intuizione, immersione e totale autoidentificazione nel mondo di storie per bambini. Di chi dovresti avere più paura: i soldati tedeschi o il vecchio tagliaossa che li ospita e che sembra una strega che cerca solo di ingrassarli per mangiarli? Il

il pericolo non viene necessariamente da dove pensiamo sia, e mentre i nuovi arrivati ​​entrano a far parte della vita del villaggio, in un'atmosfera che ricorda quella de “La guerra dei bottoni”, collaboratori e combattenti della resistenza stanno conducendo una guerra segreta da cui dipenderà il loro destino ...

La nostra opinione

Le sceneggiature di Galandon diventano una garanzia di qualità nel mondo dei fumetti (vedi: I colpevoli innocenti, Per un po 'di felicità, Il lignaggio ...), e il Volo selvaggio conferma questo stato di cose. Il tema della retata del Vel d'Hiv e della caccia agli ebrei durante la seconda guerra mondiale è di per sé poco originale. In effetti, è un tema che è stato ampiamente sfruttato negli ultimi anni, soprattutto al cinema con, ad esempio, "The Roundup" di Roselyne Bosch. Tuttavia, Galandon riesce a innovare presentando la situazione attraverso il prisma di questi ragazzi, attraverso il loro sguardo spensierato e inconscio, mescolando costantemente il mondo reale e il mondo della narrazione. Il risultato è una situazione tragicomica in cui il comportamento dei bambini è tanto divertente quanto preoccupante. Si noti inoltre che il disegno e la colorazione di Hamo supportano pienamente questa atmosfera con uno stile in perfetta sintonia con il modo di approcciare il soggetto (lo stile attinge da un universo infantile dove non si devono cercare i minimi dettagli, nel armamento in particolare). Il risultato è un fumetto accattivante, forte di emozioni, che gioca molto sulla corda emotiva rendendo rapidamente le due eroine molto accattivanti. Il cuore del lettore può solo vibrare al loro volo frenetico, alla spada di Damocle che pesa incessantemente su di loro ...

Da un punto di vista storico, potremmo rimpiangere l'assenza di un file alla fine del fumetto, come spesso fanno le edizioni Wide Angle. Anzi, sarebbe stato possibile rievocare la retata del Vel d'Hiv ', le reti istituite clandestinamente per nascondere gli ebrei, o ancora più in generale l'origine dell'antisemitismo del XX secolo. Tuttavia, il fumetto parla da sé sullo sfondo storico con dettagli ben sfruttati come le uscite cinematografiche dell'epoca ("La figlia dello scavatore", uno dei pochi film realizzati durante l'invasione tedesca del 1940).

Per concludere, Envolée Sauvage è un fumetto mozzafiato, originale nel suo approccio a un argomento che pensi di conoscere bene, un fumetto che non ti lascerà indifferente ...

"Il volo selvaggio"

- La Dama Bianca

- Gli Astori

- Il coniglio di Alice

Sceneggiatura: Laurent Galandon

Design e colori: Hamo

Edizioni: Grandangolare

Vedi anche il trailer di questo fumetto


Video: Jefferson Airplane - White Rabbit HQ (Potrebbe 2021).