Informazione

Les Godillots: The Flight of the Goéland - BD


Siamo nel 1918 e dopo due fumetti e un romanzo per bambini la bella squadra di Godillots è tornata ! Trova la paterna "Palette", "Le Bourhis" burbero e la giovane "Bichette" accompagnata dalla sua scimmia Salopiot per una nuova avventura piena di umorismo! Questa volta prendiamo l'altezza e lasciamo il fango delle trincee per un tomo incentrato sull'aviazione!

Sinossi

Luglio 1918, sull'aerodromo di Tancy-sur-Marne, il famoso, altezzoso, compiaciuto e orgoglioso asso dell'aeronautica francese, il Capitano d'Esterrat, tiene una conferenza stampa. Stupito, il giovane Bixente ha occhi solo per l'eroe della stampa patriottica e il suo famoso biplano! Questo per dire che piacere ha quando il meccanico lo autorizza a salire al posto del cannoniere! Sì, ma eccoti qui, infastidito dai giornalisti, un Esterrat infuriato si arrampica sul suo Spad e si lancia a dare battaglia al nemico! L'avventura ricomincia per Bixente e la bella squadra di Godillots!

La nostra opinione

A differenza di tutti i fumetti che compaiono (convenientemente) per il centenario, i Godillot non sono al loro primo tentativo dato che hanno già tre volumi e un romanzo per bambini. Il concetto rimane immutato, trattando la prima guerra mondiale con umorismo e senza violenza cruda per raggiungere un pubblico di giovani, catturando anche l'interesse degli anziani in cerca di una lettura rilassante. Se dovessimo fare un confronto, i Godillot sono un po 'alla guerra del 14-18 come le Tuniche blu sono alla guerra civile.
Dalle gag ai colpi di scena, il giovane lettore è comunque attento a vari aspetti di questo conflitto. Ad esempio, in questo terzo volume vengono evocati diversi temi chiave: gli inizi dell'aviazione militare, la propaganda, le bocche rotte ...

Il volume si chiude con un piccolo supplemento, la gazzetta “Les Godillots” molto ispirata ai giornali di trincea, che usa sempre ironia, humour e farsa per distrarre il Poilus contro lo scarafaggio (no, non i dictyoptera. ..). In questa colorata foglia di cavolo (anche se color seppia) il lettore scopre rapidamente altri aspetti della vita in trincea: la caccia al topo, le varie occupazioni dei lunghi tempi di attesa ...


Si potrebbe semplicemente rimpiangere l'assenza di un vero fascicolo storico, anche breve, che faccia il punto, ad esempio, sul ruolo dell'aviazione nella guerra o sulla questione degli inizi della chirurgia facciale. Ciò consentirebbe una transizione graduale dalla commedia alla storia e incoraggerebbe i giovani ad approfondire la loro ricerca su quello che sarebbe stato il Der des Der. Detto questo, i Godillot rimangono i compagni di momenti di relax per gli amanti della storia!


Video: LE VENT DU CHANGEMENT - DOCUMENTAIRE (Potrebbe 2021).