Informazione

Rousseau, il velo strappato (O. Marchal)


Mentre lo scorso 28 giugno è stato celebrato il trecentenario della nascita di Jean-Jacques Rousseau, Éditions Télémaque ci invita a scoprire il nuovo romanzo storico di Olivier Marchal dedicato al celebre filosofo svizzero. A seguire La commedia delle maschere che ha esposto i suoi inizi e il suo sviluppo all'interno del movimento illuminista, Il velo strappato è interessato agli ultimi anni di un Rousseau poi rifiutato di questo movimento e per iscritto integralmente delle sue Confessioni.

L'Illuminismo degli anni Settanta del Settecento

La cornice della storia ha origine nei primi anni 1770. Olivier Marchal con una penna semplice e fluida ci trasporta in una Parigi in fermento. Giovane in arrivo nella tumultuosa capitale, il cavaliere Bernardin de Saint-Pierre, grande ammiratore di un Rousseau allora invecchiato e amaro, fece presto la sua conoscenza, notando che era solo e miserabile, rifiutato e odiato da tutti i suoi coetanei. Bernardin, infatti, penetrò anche nei circoli illuminati dove, sotto l'egida di famosi salinai, incontrò filosofi ed enciclopedisti: Diderot, d'Alembert, Grimm e altri tutti uniti contro Rousseau. Non comprendendo le ragioni di questo ostracismo, si propone di trovare la verità.

Un ambiguo ritratto di Rousseau

Jean-Jacques Rousseau è stato generalmente considerato un personaggio ambiguo e Olivier Marchal è stato abbastanza intelligente da mantenere questa ambiguità per tutta la sua storia. L'autore diEmile e Contratto sociale era un pazzo eccentrico paranoico, ipocrita? un mostro di egoismo e misantropia che abbandona i suoi figli? o al contrario vittima di un complotto escogitato dai suoi più cari amici per soffocare la sua voce, lui che denuncia una società corrotta a cui partecipano filosofi? Sta al lettore decidere. Il disprezzo generale rivolto al ginevrino, ai suoi costumi e alla sua personalità è così reso esplicito tanto dalla sua opinione quanto da quella di coloro che gli sono vicini che si sono allontanati da lui. Al lettore vengono poi svelati molti dettagli poco conosciuti immergendolo in questa agitata Parigi dell'Illuminismo e nella psicologia dello scrittore.

Due romanzi storici per scoprire al meglio Rousseau

Questo libro di Olivier Marchal è da confrontare con il suo primo romanzo: Rousseau, la commedia delle maschere avvenuta una ventina d'anni prima, quando il filosofo svizzero su consiglio di amici come Diderot abbandona la musica per scrivere e diventa poi questo personaggio austero, difensore di una società oppressiva e di istituzioni arbitrarie. Attraverso questi due libri ben documentati, attingendo agli scritti stessi dei protagonisti, si entra nel vivo della vita sociale della seconda metà del Settecento.e secolo per scoprire o riscoprire con semplicità la vita di una delle figure più famose di quel tempo. Un viaggio molto interessante.

Olivier Marchal, Rousseau, il velo strappato, Éditions Télémaque, Parigi, 2012.

Olivier Marchal, Rousseau, la commedia delle maschere, Éditions Télémaque, Parigi, 2011.


Video: COMPRENDRE DU CONTRAT SOCIAL DE JEAN JACQUES ROUSSEAU Essai de philosophie politique Samba Diao (Potrebbe 2021).