Le collezioni

La notte dell'Imperatore: The Old Moustaches - BD


settembre 1812, la fortuna sembra arrendersi Napoleone I mentre Mosca va in fumo. In mancanza di un accordo con lo Zar, l'Imperatore dei Francesi è costretto a ordinare il ritiro per non rimanere intrappolato entro l'inverno ... In questa notizia finzione imperiale, Ordas e Delaporte ci raccontano come l'Aquila diventa una volpe per sfuggire agli artigli dell'orso ...

I vecchi baffi

Una strana missione per il tenente Martel ... Lui, l'ex monarchico, veterano delle guerre di Vandea che combatté al fianco di Monsieur de Charrette, eccolo a Mosca incaricato della protezione personale dell'Imperatore. In questo mese di settembre 1812, quando il capo del sovrano francese fu messo a caro prezzo, la missione non fu una sfida! Sapendo come usare l'astuzia, l'Aquila usa il travestimento per sfuggire ai colpi dei regicidi. Mentre un falso Napoleone dà il resto, quello vero si muove in incognito nel furgone di una mensa un po 'isolato dal corpo principale dell'esercito. Ma questo isolamento che doveva proteggerlo finirà per metterlo in pericolo: l'Imperatore e un piccolo manipolo di fedeli si trovano rapidamente assaliti in una fattoria da un'orda di cosacchi determinati a dare battaglia!

La nostra opinione

I disegni di Xavier Delaporte sono in uno stile realistico e le facce sono particolarmente pulite, offrendo ritratti psicologici che danno tutta la sua intensità ai fumetti! Il terribile inverno russo è un'opportunità per gettare le basi per un universo relativamente oscuro che si adatta perfettamente al drammatico scenario di Ordas. Notiamo però a livello del disegno alcune approssimazioni nella rappresentazione delle armi, anche alcuni errori dannosi come ad esempio l'uso ricorrente di fucili a pistoni totalmente anacronistici per il Primo Impero. In effetti, per questo periodo l'esercito francese aveva solo armi a pietra focaia. Il primo fucile a pistone regolamentare apparso nei nostri eserciti solo con il modello 1822 T, un modello che fu quindi creato un anno dopo la morte di Napoleone a Sant'Elena. In futuro sarebbe quindi meglio rappresentare il fucile del 1777 modificato nell'anno IX.

Peccato che queste approssimazioni sulle armi siano ricorrenti tra i disegnatori di fumetti anche se l'argomento è abbondantemente documentato. Ordas non fa eccezione alla sua buona reputazione di sceneggiatore, abbiamo già avuto modo in varie occasioni di parlare dei suoi fumetti e romanzi e ancora una volta ci propone un universo immersivo e mozzafiato nella campagna russa. L'uso massiccio dello slang conferisce alla storia un tocco di autenticità e il carattere dell'Imperatore non sconvolgerà i frequentatori abituali dei fumetti imperiali: Napoleone si presenta come un uomo intelligente, pragmatico e dinamico, ma piuttosto freddo e calcolatore. . Possiamo rimpiangere la mancanza di vicinanza alla massa di grugniti in ritirata, ma come indica il titolo, lo scenario è soprattutto centrato su Napoleone e sul piccolo manipolo di uomini e donne che lo circondano. Il tutto si svolge in un'atmosfera molto raciniana rispettando praticamente l'unicità del tempo, del luogo e dell'azione così che lo spettatore possa concentrarsi sul fatale faccia a faccia tra il più grande sovrano d'Europa e la Morte.

Infine, e come al solito, consigliamo a Editions Grand Angle di terminare i loro fumetti con un piccolo file storico come faceva prima.

Notte dell'Imperatore
- I vecchi baffi

Sceneggiatura: Patrice Ordas
Disegno: Xavier Delaporte
Edizioni: Wide Angle


Video: Trying a Pencil Mustache WAY Out of My Comfort Zone. Carlos Costa (Potrebbe 2021).