Interessante

Carcassonne, città medievale restaurata


Elencato come sito del patrimonio mondiale dell'Unesco, il città medievale di Carcassonne è un notevole e unico esempio di città fortificata, con il suo castello, le torri e le lunghe e possenti mura. La città è stata oggetto di eccezionali campagne di restauro sin dal XIX secolo, principalmente svolte da Viollet-Leduc.

Dalla prosperità al declino

Oppidum dell'età del ferro trasformata in colonia romana, Carcassonne deve la sua fortuna al commercio, proprio come la vicina Narbonne. Situata all'incrocio di popoli e civiltà, Carcassonne sarà a sua volta visigota (Settimania), poi musulmana (Ommeaydes dalla Spagna) prima di cadere sotto l'influenza dei Franchi alla fine dell'VIII secolo. Nel Medioevo era una roccaforte strategica al confine franco-aragonese. Vi vengono regolarmente eseguiti lavori di fortificazione, in particolare da Luigi IX, che la integra definitivamente nel regno di Francia.

Raramente preoccupato o assediato, il luogo perse gradualmente la sua importanza strategica, in particolare dopo il Trattato dei Pirenei che spostò il confine tra Francia e Spagna nel Rossiglione. La città fortificata viene progressivamente abbandonata dai suoi abitanti a favore dei sobborghi della città bassa. Nel XVIII secolo divenne un quartiere miserabile e fuori città. I tetti stanno cadendo a pezzi, i muri sono fessurati, i muri sono usati come cave di pietra dagli abitanti ... La chiesa perde il titolo di cattedrale nel 1802 a favore di quella di Saint-Michel situata nella città bassa.

Salvare la città

È uno studioso locale, Jean-Pierre Cros-Mayrevieille, che sta facendo di tutto per salvare la sua città. Nel 1840, la basilica di Saint-Nazaire è stata classificata come monumento storico. Dopo una visita di Prosper Mérimée, allora ispettore generale dei monumenti storici, nel 1843 chiese a Eugène Viollet-Leduc di restaurarlo. Fu attraverso la basilica di Saint-Nazaire che l'architetto intervenne per la prima volta a Carcassonne nel 1844. Si circondò di una squadra di muratori, maestri vetrai e scultori. Le operazioni sono dirette sul posto dal Carcassonnais Guiraud Cals, perché l'architetto viene una volta all'anno, dà direttive e lascia alla sua partenza i dettagli dell'esecuzione in numero sufficiente per la campagna in corso. Viene ricostruita la facciata occidentale, vengono rinnovate le vetrate, i pilastri della navata, i contrafforti e le murature del coro. Poi viene il restauro della porta Narbonne, la porta Saint-Nazaire, le fortificazioni, poi le torri.

Sfidato durante la sua vita, l'architetto ha una sua visione del restauro: "Restaurare un edificio non è ripararlo o rifarlo, è riportarlo a uno stato completo che potrebbe non essere mai esistito in un momento. dato ". Le sue scelte sono quindi a volte rischiose e rischiose. A Carcassonne, non esita a sostituire le tegole originali con le ardesie e ad accentuare la punta dei tetti ...

Bibliografia

- Carcassonne: Storia e architettura, di Jean-Pierre Panouillé. Edizioni Ouest-France, 2011.

- La Cite de Carcassonne, di Eugène Viollet-le-Duc. Edizioni Cairn, 2011.

Per ulteriori

- Storica città fortificata di Carcassonne (Unesco)


Video: Carcassonne France The Most Complete Medieval Fortified City in Existence. European Waterways (Potrebbe 2021).