Nuovo

La sezione perduta - Riprese


1954, nel caldo afoso e soffocante di marzo, una manciata di soldati francesi esausti risale un fiume Tonkinese. Un'esplosione ! Il cannoniere crolla, l'acqua si arrossa ... I proiettili sollevano spruzzi d'acqua, la risposta è immediata, l'elemento di piombo apre il fuoco in direzione del cecchino, la giungla si fa silenziosa. Tutto va molto velocemente, il Doc è già sul mitragliere e si accorge della sua morte, impotente. Recuperiamo mitragliatrice, munizioni, morte all'anima, il corpo è intrappolato e la corsa riprende. Una corsa per la vita, la morte sul sentiero, in questa giungla ostile dove ogni radice può nascondere una trappola, ogni albero un nemico ... Asciugandosi il sudore che cola sulla fronte con il retro delle maniche, i sopravvissuti salgono i ripidi pendii del talweg, in lontananza echeggia un'esplosione: un Vietminh è certamente saltato con il cadavere intrappolato del loro compagno. "Tagliare! I cameraman riprendono fiato, il tecnico del suono appoggia il suo palo: Benvenuti al riprese di "The Lost Section".

Sinossi

Dopo "Quella notte" e "La Faute", Philipe Debost dà vita a questo scenario nato durante il servizio militare e da tempo maturato: dopo aver respinto un duro assalto, la sezione di Ltn d'Hubert riceve l'ordine di lasciare la 'Avamposto di Dao Banh per unirsi alle linee francesi nella valle di Muong Than. Li aspettano almeno cinque giorni di cammino, cinque giorni in una giungla ostile, rintracciati da un Vietminh sfuggente e onnipresente.

Gli uomini hanno profili molto diversi: ex membro della Legione dei Volontari francesi al servizio della Germania, esiliato dal franchismo o volontario impegnato di origine polacca ... Marceranno tutti insieme agli ordini del Capo Berry, un veterano di tutti gli ultimi conflitti , e da Lth d'Hubert, un giovane lasciò le scuole e andò volontariamente a Indo per intraprendere quella che considera una crociata contro la minaccia comunista.

Pochi sopravviveranno a questa odissea dei tempi moderni, ma attraverso questa tragedia Philippe Debost cercherà di sottolineare le motivazioni e il sacrificio di questi soldati la cui memoria è troppo spesso derisa con il pretesto di un "anti-colonialismo ben intenzionato".

Il nuovo progetto di LADE PROD

A capo di LADE PROD, struttura di produzione audiovisiva indipendente, Philippe Debost si dà i mezzi per realizzare il suo ambizioso progetto: realizzare un mediometraggio sulla guerra in Indocina che considera l'ultimo conflitto cavalleresco.

Con il suo collaboratore, Pierre Bonnet, hanno ottenuto il sostegno morale e finanziario di diverse associazioni di veterani e della collettività dipartimentale attratte da questo modo di evidenziare un episodio chiave della nostra storia: le guerre di decolonizzazione. Philippe Debost si avvale dei servizi di Marie Anglade, Yoann Combronde, Cédric Oléon e Patrice Darnay rispettivamente per la realizzazione, il monitoraggio fotografico delle riprese, la registrazione del suono e gli spettacoli pirotecnici. Per quanto riguarda gli attori, il regista ha scelto di reclutare quasi principalmente compagni dalla Riserva Operativa dell'Esercito, più abituati a indossare l'uniforme, a progredire tatticamente, a manipolare armi e a reagire in caso di colpo. scoppia un incendio. Perché uno dei punti cruciali ricercati è il realismo e questo passa attraverso la naturalezza degli attori ma anche la meticolosa accuratezza del materiale utilizzato (grazie ai prestiti di numerosi collezionisti).

È per questo realismo che Philippe Debost filma quasi cronologicamente e il risultato c'è: giorno dopo giorno i volti degli attori si trasformano, le barbe crescono, la stanchezza svuota i volti, scurisce gli occhi, esaspera i sentimenti ... Malinconia, disperazione , la rabbia a volte sembra più reale della vita ...

Dopo una settimana di riprese ad Allier a luglio, la squadra ha una scena di combattimento, una scena di pacco che cade da un Dakota e una scena del ritorno del sopravvissuto in Francia (di nuovo i veicoli dei tempi saranno per gentile concessione di molti collezionisti).

Il team sta già lavorando al montaggio del film, mentre il talentuoso Alone, compositore di Clermont, fornirà la colonna sonora. Molto presto Philippe Debost svelerà il trailer di questo cortometraggio che dovrebbe essere mostrato in anteprima a Saint-Germain-des-fossés vicino a Vichy nel febbraio 2011, per l'uscita in DVD, prima di partire alla conquista dei festival cortometraggi e mediometraggi poi il piccolo schermo!

Ancora in movimento, la redazione di HPT seguirà da vicino questo coraggioso e necessario progetto in un momento in cui la morte del generale Bigeard è passata in gran parte inosservata a quella di un cantante pop anglosassone di qualche tempo fa.

CASTING

Tenente D'HUBERT: Fabien PACCAUD

Sergente Maggiore BERRY: Jean-Yves CASTELAIN

Caporale DEVESO "Doc": Sergio PARAFITA

Sergente KLEBER: Patrick COFFY

Privato Eddie ALBERT, la radio: Anton IVANOV

Soldato GERVAIS, artigliere FM: Yoann COMBRONDE

- Per contattare la produzione: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Devi abilitare JavaScript per vederlo.

- Sito web del film (in costruzione)


Video: SVETONIO - LA VITA E LOPERA (Potrebbe 2021).