Le collezioni

Marie-Antoinette e il conte di Fersen (Evelyn Farr)


Evelyn farr, a seguito di lunghe e meticolose ricerche, ci regala un magnifico lavoro " Maria Antonietta e il conte di Fersen, la corrispondenza segreta ". Dopo una cronologia della vita di Axel fino alla morte di Maria Antonietta, entriamo nel vivo della questione con la lettura e l'analisi delle poche lettere esistenti, scritte da questi due grandi personaggi, un carteggio di 12 anni.

Il contesto

Questi due esseri, che si incontrarono per la prima volta nel 1773, si scrissero finalmente nel 1780. La regina ottenne per lui il reggimento reale svedese nell'esercito francese. Fu solo nel 1783 che Fersen ammise di avere una predilezione per la regina. Da lì, le lettere vengono codificate e crittografate. Le lettere personali sono indirizzate a "Joséphine", annotato nel registro che Axel tiene regolarmente aggiornato, talvolta scritte con un numero o con inchiostro invisibile. Allo stesso tempo, c'è la corrispondenza con la "Regina di Francia" per affari ufficiali.

A poco a poco, scoprono che il metodo della diversa figura e aggiornato regolarmente, è troppo complicato. Useranno inchiostro invisibile, ma questo prodotto non è sempre disponibile in farmacia, il succo di limone è più facile da trovare. Ricorrono anche a mediatori fedeli affinché le lettere non cadano nelle mani del re, spesso con doppia busta. Hanno anche preso la precauzione di numerare le lettere per verificare che non ci fossero smarrite e di apporre un timbro per maggiore sicurezza.

Tutte queste lettere “ufficiali”, comprese quelle scritte da segretari e ambasciatori, ci immergono in questo periodo di fermento, l'inizio della Rivoluzione e quelle dell'ambasciatore inglese in Francia, il Duca di Dorset, sono particolarmente interessanti. Più si avanza nella lettura, più si avverte il malessere generale, soprattutto nei preparativi per la fuga della famiglia reale, la richiesta di aiuto da parte di potenze straniere e ancora il rifiuto dell'imperatore.

Al contrario, le lettere personali a "Joséphine" ci permettono di comprendere l'intima connessione tra questi due esseri fino all'ultimo incontro tra Fersen e Marie-Antoinette nel febbraio 1792. Le lettere a "Joséphine" stanno diventando rare, Axel esprime la sua grande amarezza nelle sue lettere ufficiali, che sono solo dispacci quasi informali. Presumibilmente la regina ha concluso la sua relazione nel tentativo di salvare la sua famiglia e la monarchia. Lei mantiene il suo grado in modo ammirevole, sperando di salvare il re ei suoi figli, specialmente il bambino che potrebbe essere ... il loro figlio. Infine, dopo la morte di Luigi XVI, fece inviare ad Axel alcuni ultimi messaggi, rassicurandolo dell'amore che aveva per lui ... accompagnati dal timbro segreto recante il motto "Tutto a te mi guida", "Tout me condurre a te "...

La ricerca di Evelyn Farr

In effetti, la cosa più difficile per l'autore è stata trovare questi scritti, alcuni conservati negli Archivi in ​​Svezia, acquistati dagli Archivi di Francia ma soprattutto per decifrarli, perché spesso le lettere erano cancellate e intere righe illeggibili o indecifrabili.

Tutte le lettere scritte tra il 1780 e il 1788 sono introvabili: Fersen ne distrusse un grandissimo numero, sua sorella la contessa di Piper agì allo stesso modo durante il massacro di Fersen da parte del popolo, in seguito all'accusa di avvelenamento del principe di Svezia nel 1810. Fabian suo fratello, conservava solo una parte delle lettere per trasmetterle alla figlia, che le rivende a un cugino, cugino pubblicandole nel 1878 nel "Conte di Fersen e alla Corte di Francia". Queste lettere datate 1791-1792 potrebbero essere state riscattate, in piccola parte, dagli Archives de France.

Effettuando un controllo incrociato delle memorie e delle riviste, nonché dei libri contabili e degli archivi della Direzione degli edifici del re, l'autore stima che 460 lettere siano state scambiate tra il 1783 e il 1790, di cui solo 5 sono elencate negli archivi. La maggior parte delle lettere attualmente conservate negli Archivi, circa 120, sono quelle dal giugno 1791 all'agosto 1792. Di tutta la corrispondenza di Maria Antonietta e Axel, l'Archivio ha solo l'11,8% ... uno perdita considerevole!

La nostra opinione

Dopo un inizio di lettura difficile per i neofiti, è un piacere e un vero piacere leggere queste testimonianze, così commoventi e così intime. Siamo davvero immersi nei tumulti della Rivoluzione e vediamo che dopo molti negoziati nessuna potenza straniera è venuta in aiuto della monarchia francese. Scopriamo in particolare la portata dei sentimenti tra questi due personaggi e la disperazione davvero struggente di Axel quando la regina rifiuta una seconda fuga, per non parlare del momento in cui viene a sapere della sua morte ...

Marie-Antoinette and the Earl of Fersen: The Secret Correspondence, di Evelyn Farr. L'Archipel, aprile 2016.


Video: Lady Oscar Finale (Potrebbe 2021).