Vari

La Cina della Canzone (宋)


Il dinastia canzone inizia nel 960 d.C. e segue decenni di caos politico. Dopo la caduta della precedente dinastia Tang nel 907 a seguito di un colpo di stato, inizia un periodo di instabilità, noto come periodo delle Cinque Dinastie nella Cina settentrionale, e periodo dei Dieci Regni. nel sud della Cina. La Cina è stata quindi divisa e nel mezzo della guerra civile, ciascuna delle fazioni ha cercato di ricreare l'Impero e prendere l'iniziativa.

Il comandante in capo degli eserciti della tarda dinastia Zhou (uno dei dieci regni della Cina meridionale), il comandante Zhao Hongyin, guida una rivolta e depone il precedente imperatore prima di prendere il nome di imperatore Taizu e per fondare la dinastia Song. Dall'inizio del suo regno nel 960 fino alla sua morte, 16 anni dopo, conquistò tutti gli altri regni tranne l'Han settentrionale, unificando nuovamente la Cina sotto un'unica autorità. Inizia così la dinastia Song del Nord.

Northern Song

La capitale della dinastia Song è stabilita nel nord-est della Cina, a Kaifeng. Dall'imperatore Taizu furono lanciate riforme in termini di amministrazione. Sono in corso importanti progetti di mappatura e lavori sulle vie di comunicazione. È stata tracciata una mappa precisa di ogni grande città e provincia: questi sono i primi atlanti. La riforma principale, tuttavia, è istituire una competizione generale per il reclutamento di funzionari imperiali. Ciò ha il risultato di diminuire drasticamente la proporzione di dipendenti pubblici reclutati per nascita, trasformando, più o meno, l'amministrazione imperiale in un sistema meritocratico. Migliorando il reclutamento dei dipendenti pubblici, l'Impero acquisì un'amministrazione veramente efficiente. Per tutta la dinastia, questa politica continuerà.

L'idea di questo sistema di concorrenza era promuovere la mobilità sociale e l'uguaglianza tra i concorrenti. Il successo è in definitiva piuttosto misto. Se la competizione amministrativa consentiva di selezionare i più adatti, spesso venivano tratti dall'élite dei letterati, poiché avevano accesso a un'istruzione molto migliore rispetto al cittadino dell'Impero medio.

D'altra parte, se l'amministrazione è stata riformata in profondità, non è stato il caso dell'ordinamento giuridico, che è rimasto pressoché identico a quello utilizzato dalla dinastia Tang, cioè basato sui principi derivanti dalla filosofia confuciana. Il giudice era l'unico giudice a decidere sulla colpevolezza di un imputato e sulla sentenza appropriata. La carica di magistrato era considerata un onore e il giudice stesso doveva essere un esempio per questi contemporanei.

In termini di politica estera, la dinastia Song ha rappresentato la prima potenza centrale in Cina per più di mezzo secolo, e di conseguenza ha dovuto ristabilire le relazioni diplomatiche con i suoi vicini. Gli inviati degli imperatori Song hanno ricreato le relazioni diplomatiche con l'India, i khan dell'Asia centrale, con i regni dell'Indonesia e fino all'Egitto. Mentre le relazioni della Cina con il resto del mondo erano nel complesso piuttosto pacifiche e incentrate sul commercio, le relazioni con i suoi vicini diretti erano costantemente sull'orlo della guerra. Al confine settentrionale, le dinastie Liao e Xia occuparono parte del territorio considerato parte integrante della Cina. Mentre i Song avevano intrapreso importanti riforme, la loro potenza militare fu ridotta e le truppe Liao furono in grado di devastare la Cina settentrionale fino al 1005 impunemente dopo aver respinto un tentativo di conquista. All'inizio dell'XI secolo, gli eserciti Song non riuscirono a conquistare i territori Xia, ma le divisioni interne del personale Song alla fine costarono loro la campagna. Tra il 1075 e il 1077, i Song entrarono in guerra con i loro vicini del sud, i Ly, che governavano l'attuale Vietnam, per una disputa sul confine. Questa guerra fu particolarmente sanguinosa e soprattutto inutile poiché portò a un ritorno allo status quo che prevaleva prima dello scoppio delle ostilità.

I Song, che erano riusciti nel tour de force di riunire la Cina e prendere l'iniziativa, pur iniziando a riformare la società rimasta immutata dall'era Tang, erano invece incapaci di difendere efficacemente i propri confini.

Così, quando i Jurchen, una minoranza all'interno del regno Liao, si ribellarono per formare la dinastia Jin, i Song diede loro un significativo supporto militare per sbarazzarsi finalmente del loro ingombrante vicino a nord nel 1125. I Jurchen, tuttavia, notò le carenze degli eserciti Song e colse l'opportunità di espandere il loro territorio, lanciando due successive campagne contro la Song nel 1125 e 1127, la seconda che portò a "L'umiliazione di Jingkang", dove i Jurchen catturarono l'imperatore, suo erede e la maggioranza della corte imperiale. L'autoproclamato imperatore Gaozong guidò i resti della dinastia Song a sud dello Yangtze e fondò la dinastia Song meridionale a Lin'an (Hangzhou).

Canzone del sud

Avendo perso il controllo sulla Cina settentrionale, militarmente distrutta, i Song dovettero trovare nuovi modi per sostenere la loro economia e per difendersi dagli incessanti attacchi dei Jin al loro confine settentrionale.

E, per la prima volta nella storia cinese, gli imperatori della canzone hanno cercato una soluzione al di fuori dei loro confini. Solo cinque anni dopo l'umiliazione di Jingkang, fu creata la prima Marina Imperiale. Porti d'alto mare, fari, magazzini e cantieri navali ... tutto questo è stato realizzato con una velocità di cui solo una potenza centralizzata era capace. La marina imperiale ha contribuito a sostenere e proteggere le rotte commerciali con il Giappone e la Corea, i regni del sud-est asiatico, l'India e la penisola arabica. Le innovazioni militari, come l'uso della polvere da sparo e le prime navi a ruota a pale, permisero alla Song di sconfiggere la marina di Jin, combattendo anche 1 contro 20, nelle battaglie di Canshi e Tangdao, nel 1161. La La marina imperiale contava allora 3000 uomini. Cinquant'anni dopo, contava circa 50.000.

Inoltre, per alimentare la difesa dell'Impero, la Song ha confiscato alcune delle terre dell'élite, come finanziamento. Questo movimento ha portato a un drammatico aumento dell'evasione fiscale, con le famiglie dei proprietari terrieri che hanno utilizzato i loro contatti nell'amministrazione per evitare di pagare le tasse. La situazione alla fine dell'XI secolo era completamente nuova. A poco a poco, abbiamo potuto distinguere alcune famiglie di grandi proprietari terrieri, avendo anche affidato all'amministrazione alcuni dei loro figli. Queste famiglie hanno formato una nuova élite. Inoltre, il sistema di competizione creato durante la Northern Song era limitato a un certo numero di dignitari. Di conseguenza, data la rapida crescita della popolazione, il numero dei dipendenti pubblici nell'amministrazione imperiale non è più sufficiente. Alla fine, lo stato è diventato sempre meno coinvolto negli affari locali. Ad esempio, sempre più scuole sono state finanziate da fondi privati. Fondi delle famiglie dei proprietari sopra menzionati, rafforzando la loro influenza.

Alla fine del XII secolo fu raggiunto un certo equilibrio. Le relazioni con i Jin furono più o meno stabilizzate e gli affari interni dell'Impero rimasero sotto controllo. Nei primi anni del XIII secolo, sarebbe apparsa la fine della dinastia Song. Tra il 1205 e il 1209, i principali oppositori del Song, i Jin, furono vittime dei raid condotti dalle armate mongole, guidate da Gengis Khan. Nel 1211 furono definitivamente schiacciati e sottomessi al Khan, costretti a rendere omaggio. Quando trasferirono la loro capitale da Pechino a Kaifeng, i mongoli videro una ribellione lì, e i Jin furono cancellati dalla mappa. Allo stesso tempo, i mongoli sottomisero lo Xia occidentale e la Corea. Parte delle forze mongole effettuarono sporadiche incursioni sulla sponda meridionale dello Yangtze, a partire dal 1259, ma nel 1265 una decisiva vittoria nel Sichuan diede il vantaggio ai mongoli. Dopo la cattura di Xiangyang e la sconfitta nel 1275 di 130.000 soldati cinesi, i mongoli non incontrarono più ostacoli alla loro conquista. La dinastia Yuan, fondata nel 1271 da Kubilai Khan, alla fine sconfisse l'ultima resistenza dei Song nella battaglia del fiume Pearl (nel sud della Cina), nel 1279. Le parti più grandi della famiglia imperiale furono si suicidò ei Mongoli divennero i nuovi padroni del Medio Impero.

Arte e cultura

La dinastia Song segna una vera rivoluzione nel campo artistico. Pittura, Letteratura, Ceramica, Opera, ... in tutti i campi, nuovi metodi e pratiche stanno scuotendo il panorama artistico cinese.

La pittura, in primo luogo, vede la comparsa dello stile Shanshui (letteralmente: montagne e fiumi) e la proliferazione di dipinti di paesaggi. L'influenza del taoismo, secondo cui l'uomo è solo una piccola parte di un universo molto più grande, senza dubbio spiega in parte questa mania per i paesaggi. Troviamo lo stesso tipo di rappresentazioni che decorano oggetti in legno laccato risalenti a questo periodo, così come su incisioni in bronzo e giada, sculture e persino affreschi e bassorilievi. La scena più classica rappresentava, con alcune variazioni, alte montagne perse nella nebbia sullo sfondo, e fiumi e cascate che scorrono in primo piano. Dalla dinastia Song settentrionale alla dinastia Song meridionale, le rappresentazioni cambiarono, concentrandosi sempre più sui dettagli, come un uccello su un ramo, per esempio ... Diversi grandi artisti furono ammessi alla corte imperiale , il più famoso di loro è Zhang Zhuedang (1085-1145), che ha dipinto il rotolo intitolato Lungo il fiume durante il Festival di Qingming.

In termini di letteratura, la dinastia Song ha visto la nascita delle opere di famosi poeti come Su Shi (1037-1101), Mi Fu (1051-1107) e il primo poeta cinese, Li Qingzhao (1084-1151). La forma più popolare di poesia Song era la forma ci, sviluppata sotto il Tang. Oltre alla popolarità dell'arte poetica, la letteratura della canzone include anche impressionanti opere di storia, come la Zizhi Tongjian Universal History, completata nel 1184, e comprendente più di 3 milioni di caratteri in 294 volumi. Anche il "New Book of Tang" (1060) ei "Four Books of Song" (per tutto il X secolo) furono opere importanti. Infine, molti scritti scientifici nacquero sotto la canzone, il cui controllo sulla Cina si basava tra l'altro su un progresso tecnologico, tra gli altri i "Dream Basin Essays" di Shen Kuo, un lavoro che copre molti campi, da dall'arte alla strategia militare passando per l'antropologia e l'archeologia. Tra questi, molti libri di agronomia, in particolare il “Cha Lu”, sulla coltivazione del tè, o lo “Zhu Zi Cang Fa”, sulla gestione dei semi. Furono inoltre prodotti innumerevoli atlanti e opere di geografia, per ordine dei successivi imperatori che vi vedevano un mezzo per meglio difendere il loro regno.

Il teatro sotto la canzone aveva uno status ambiguo. Fu sotto la Northern Song, a Kaifeng, che il teatro divenne per la prima volta un'industria in Cina. Quattro dei teatri installati nella capitale avevano la capacità di ospitare diverse migliaia di persone. Le truppe che giocavano nelle strade e nei mercati erano troppo numerose per essere contate, e più di cinquanta teatri fissi furono installati nel quartiere del piacere della città. I brani erano sempre recitati in cinese classico e accompagnati da musica, a volte da intere orchestre. Ma allo stesso tempo, e sebbene alfabetizzati quasi quanto i membri dell'amministrazione imperiale, gli attori erano ancora considerati membri inferiori della società, con uno status vicino a quello delle prostitute. Ma questo non ha influenzato la popolarità delle compagnie teatrali. Alcuni hanno avuto così tanto successo che si diceva che i loro membri sarebbero diventati ricchi in una sera.

Religione e filosofia

La dinastia Song è teatro di un grande cambiamento nella storia delle filosofie cinesi, un cambiamento che avrà un impatto su tutta l'Asia. All'inizio della dinastia, il buddismo era in declino, perché considerato come una religione "straniera", e soprattutto come molto astratta, al contrario dei classici confuciani e del taoismo, che affrontavano problemi pratici come l'amministrazione. o la vita familiare, e che erano filosofie "native", nate da pensatori cinesi.

Nasceva il Confuciasnim, o meglio, il Neoconfucianesimo. I testi di Confucio erano diventati ancora una volta essenziali per l'élite intellettuale alla ricerca di una soluzione per governare l'Impero, e non mancarono, inoltre, come Ouyang Xiu (1007 / -1072) di associare l'impianto del Buddismo Il declino della Cina (chiama il buddismo una "maledizione"). Guidato da Cheng Yi (1033-1107) e Zhu Xi (1130-1200), il neo-confucianesimo voleva purificare il confucianesimo dai suoi aspetti mistici, allontanarlo dalla religione e avvicinarlo alla filosofia politica. Il successo del movimento fu folgorante, il commento ai Quattro libri di Confucio di Zhu Xi, rifiutato durante la vita di quest'ultimo, divenne nel 1241 uno dei classici richiesti per entrare nell'amministrazione imperiale. Nei decenni che seguirono, anche la Corea e il Giappone adottarono i principi neo-confuciani, sia nell'istruzione che nell'amministrazione.
Tuttavia, il buddismo non era morto. Anche il Buddismo Zen si sviluppò sotto la Canzone, il monaco Wuzhun Shifan fu addirittura chiamato alla corte dell'Imperatore Lizong per condividere i dettagli della dottrina Chan (Zen).

Tecnologia

La dinastia Song fu una vera rivoluzione, soprattutto grazie ad invenzioni e scoperte che rivoluzionarono totalmente il tempo, sia in materia militare che civile.
Prima grande invenzione: polvere da sparo. O per essere esatti, lo sviluppo di un gran numero di armi che impiegano polvere, in particolare lanciafiamme, mine, granate, cannoni. Queste invenzioni hanno permesso alla Canzone di respingere molteplici tentativi di invasione per più di tre secoli. Il trattato di Wujing Zongyao è stato il primo al mondo a dettagliare la produzione e gli usi della polvere da sparo.

In materia civile, le scoperte e le invenzioni sono innumerevoli. Shen Kuo è stato il primo a sviluppare una bussola che indica il nord, rendendo più facile la mappatura e la navigazione. Inoltre, stabilisce anche una teoria sui cambiamenti climatici nel tempo, stabilendo l'ipotesi di tempi “freddi” e “caldi”. Le sue creazioni non si limitano a questo, con tra le altre cose la fabbricazione di clepsydra, un telescopio astrologico che gli ha permesso di localizzare la stella polare. In termini di matematica, la dinastia Song ha visto l'introduzione dello zero nella matematica cinese, aprendo le porte all'algebra. I topografi dell'epoca erano principalmente impiegati dagli imperatori per sviluppare un sistema di mappatura più efficiente, che prese la forma delle prime mappe cinesi con una scala accurata (1: 900.000). Un'altra invenzione della dinastia Song, la pressa di tipo rimovibile, che corrisponde grosso modo alla pressa inventata, o meglio reinventata da Gutemberg. Questa invenzione risale al X secolo in Cina e ha svolto un ruolo importante nella diffusione dei testi classici e, in coincidenza con i nuovi metodi di reclutamento dell'amministrazione, ha aumentato significativamente la mobilità sociale. La stampa ha continuato a essere migliorata durante le seguenti dinastie. Infine, oltre alla bussola inventata da Shen Kuo, durante questa dinastia fu sviluppato un sistema di blocco, che consentì alle navi di essere portate in bacino di carenaggio per la riparazione. Queste due invenzioni diedero alla marina cinese un notevole progresso.

L'invenzione del compasso, della polvere da sparo e della stampa sono spesso considerati i tre elementi che in Europa portarono alla fine del Medioevo e aprirono le porte al Rinascimento, ma fu in Cina che queste invenzioni furono eseguita per la prima volta. La dinastia Song è stata una vera rinascita nella storia cinese, sia socialmente che tecnologicamente. Fu anche l'ultima dinastia veramente cinese prima che i Ming salissero al potere. Ma alla fine, le conseguenze della caduta della dinastia Tang portarono anche alla perdita del Song, che per evitare che l'esercito diventasse una minaccia per il potere imperiale, scelse di tenerlo strettamente sotto controllo, al punto che l'esercito des Song non riuscì a evitare la conquista da parte dei mongoli. Tuttavia, le rivoluzioni della dinastia Song lasceranno un'eredità che la dinasite Ming utilizzerà per rovesciare il giogo mongolo e riprendere il potere per altri tre secoli.

Bibliografia

Storia della Cina: dalle origini al presente, di John Fairbank. Testo, maggio 2013.

- Il mondo cinese: Volume 1, Dall'età del bronzo al Medioevo, di Jacques Gernet. Agora, 2006.

- Il mondo cinese: Volume 2, L'époque moderne Xe-XIXe siècle, di Jacques Gernet. Agora 2006.


Video: Full我凭本事单身 EP 18. Professional Single 2020宋伊人邓超元 (Potrebbe 2021).