Nuovo

Dublino: storia e patrimonio (2/2)


 Dublino, contea e capitale della Repubblica d'Irlanda, è una città energica a misura d'uomo, con un importante patrimonio storico e culturale.Cosa visitare a Dublino in pochi giorni? Questa seconda parte ti porta in giro per i principali quartieri, musei e monumenti simbolici attraverso il Castello di Dublino, l'università Trinity College o la vecchia prigione Kilmainham. Troverai percorsi turistici per scoprire gli elementi essenziali di Dublino durante un breve soggiorno.

I tanti volti di Dublino

Dublino è composta da diversi quartieri complementari e dinamici. A nord del Liffey troverete la strada O'Connell fiancheggiata da statue commemorative, l'ambiente letterario e le banchine (banchine) che costeggiano il fiume. A sud si trovano il magnifico quartiere georgiano, la parte medievale, i Liberties (ex quartiere operaio) e il lato festoso di Dublino: Temple bar.

Il nord del Liffey, quartiere popolare con molte vie dello shopping, sviluppato alla fine del XVII secolo. Ha acquisito edifici georgiani e culturali e dagli anni '90 uno spazio finanziario in forte espansione. Il quartiere comprende il famoso inviare (GPO), il Museo degli scrittori e l'Abbey and Gate Theatres, che spesso produce spettacoli di Oscar Wilde e Samuel Beckett. Durante una passeggiata in O'Connell Street, vedrai il Guglia (l'ago), monumento alto 120 metri, utilissimo per orientarsi. Mentre cammini lungo il fiume (le banchine), noterai il gran numero di ponti (undici in totale) che conducono dall'altra parte della città e due importanti edifici amministrativi chiusi al pubblico: Custom House e quattro tribunali.

A sud, il Quartiere georgiano rivela un'architettura particolare, case eleganti, che simboleggiano la prospera Dublino del XVIII secolo. Il nord del distretto comprende il banca d'irlanda, il museo araldico e la più antica università del paese: Trinity College. Lo spazio intorno a Merrion Square è famoso per le sue porte colorate (foto sotto) ed è composto da molti musei nazionali libero situato non lontano l'uno dall'altro. I magnifici parchi di Merrion Square e di Santo Stefano verde, più a sud, meritano una breve pausa. Questi, che non sono sempre stati aperti al pubblico, erano un tempo riservate agli abitanti delle case adiacenti, rispettivamente fino al 1974 e al 1880.

Il quartiere vichingo e le libertà riuniscono i monumenti più antichi della città i cui Cattedrale di Christ Church (1030), il Cattedrale di San Patrizio (1191) e il Castello di Dublino (1204). Il Museo Dublinia di fronte a Christ Church è una tappa fondamentale per tutti gli amanti della storia medievale! Municipio, testimone del municipio della rivolta del 1916 e del Museo-prigione di Kilmainham, simboleggiano il culmine di decenni di lotta per l'indipendenza. L'estremità delle Libertà, ci farà cambiare scenario con la Negozio di Guinness, fabbrica-museo dedicata all'omonima birra.

Temple bar è il nome del quartiere più vivace della capitale ma anche quello del famoso locale. I numerosi pub e ristoranti tipici sono una tappa gastronomica ideale a fine giornata. Il " Testa di bronzo"Fondato nel 1198 è uno dei più antichi pub di Dublino. È un testimone della rivolta degli irlandesi nel 1798 e un luogo di incontro non ufficiale per questi ultimi contro il dominio britannico. Un po 'più a est di Temple Bar si trova il Museo delle cere, sosta informativa e divertente. Un consiglio, è più piacevole raggiungere Temple Bar dal ponte più diretto e originale: il Ha'penny Bridge (prima immagine). Costruito nel 1816, questo ponte significa "mezzo penny" a causa del pedaggio imposto ai viaggiatori fino al 1919.

Suggerimento di cinque musei e stabilimenti da visitare

Troverai una selezione di musei da non perdere. La maggior parte di loro ha orari di apertura piuttosto brevi (10-17). Si consiglia quindi vivamente di iniziare la visita al mattino.

Il Museo degli scrittori situato nel nord della città e aperto dal 1991, ci ricorda che l'Irlanda non è conosciuta solo per la bellezza dei suoi paesaggi celtici e per la produzione della famosa Guinness. È un tributo ai talentuosi scrittori irlandesi. Quattro di loro hanno ricevuto il premio Nobel: William Butler Yeats, George Bernard Shaw, Samuel Beckett e Seamus Heaney. L'edificio, che è un palazzo georgiano restaurato, mostra attraverso ritratti, sculture, disegni ed edizioni rare, il viaggio degli scrittori ma anche più in generale la storia della letteratura irlandese.

Il Trinity College è la più antica università d'Irlanda e l'unica aperta al pubblico. Fondata nel 1592 per iniziativa della regina Elisabetta I d'Inghilterra, la struttura era destinata esclusivamente ai protestanti fino al 1873. Non si può passare davanti alla sua imponente facciata, con un quadrante dall'architettura simile alle università. da Oxford e Cambridge, senza fermarsi lì. L'università è famosa per contenere nella biblioteca i manoscritti più famosi di cui il libro di kells. Questo manoscritto, creato intorno all'anno 800, contiene magnifiche miniature così come il testo latino dei quattro Vangeli: Matteo, Marco, Luca e Giovanni.

Andiamo nel quartiere medievale. Il Museo Dublinia si svolge nell'ex Sala sinodale della Cattedrale di Christ Church e illustra, attraverso ricostruzioni, la vita di Dublino in tempi medievali sotto il dominio dei Vichinghi e degli Anglo-Normanni. Le riproduzioni dei cittadini di Dublino rivelano diversi aspetti della vita dell'epoca: artigianato, commercio, condizioni igieniche, conseguenze della peste, crimini e punizioni. Nel seminterrato imparerai di più sulle scoperte archeologiche e sulle moderne tecniche utilizzate. Se prendi un biglietto combinato, potrai scoprire la Christ Church Cathedral adiacente al museo, che puoi raggiungere da un ponte.

È sul sito di un antico forte vichingo che il Castello di Dublino fu costruito. Costruito nel 1204 per ordine del re Giovanni, doveva diventare la sede del potere britannico fino al 1922. Delle rovine della fortezza solo il Record Tower. Le ali del castello furono devastate durante gli incendi del 1670 e del 1684. Ulteriori torri furono gradualmente aggiunte a partire dal XVIII secolo. La visita al castello si fa solo con guida.

Situato a sud-ovest della città, il Museo della prigione di Kilmainham ci riporta alla storia dell'indipendenza del paese attraverso una mostra cronologica, il tribunale delle esecuzioni e le visite in cella. Eretto nel 1796, Kilmainham Goal è servito da prigione per 140 anni. Molti leader nazionalisti sono stati imprigionati. Possiamo citare in particolarePatrick Pearse, James Connolly, Tom clarke coinvolti nella rivolta pasquale e giustiziati nel 1916. Per i primi cinquant'anni le condizioni di detenzione furono molto precarie. Notare che non c'erano luci o vetri alle finestre. Ai prigionieri veniva data una sola candela ogni due settimane e mangiavano pane, latte e farina d'avena. La prigione è stata restaurata tra il 1960 e il 1986 prima di diventare un museo.

Statue commemorative di Dublino

Dublino ospita una trentina di statue commemorative che rappresentano scrittori, politici e uomini d'affari, giornalisti o anche personaggi del folklore ...

In Henry Street, di fronte al Kilmore Café, vedrai la statua di un famoso scrittore: James joyce (foto a fianco). È uno dei più famosi romanzieri e poeti del XX secolo, autore di "The People of Dublin" e "Ulisse". La statua è stata eretta nel 1990. Per saperne di più, non esitate a visitare il "James Joyce Center ", Una torre-museo dedicata alla vita e alle opere dello scrittore.

La passeggiata lungo O'connell Avenue è punteggiata da figure di spicco del patriottismo irlandese come quelle dei nazionalisti Daniel O'Connell e Charles Stewart Parnell. Soffermiamoci sulla storia del monumento O'Connell. Questa scultura fu eretta nel 1882 in onore di Daniel O'Connel, leader nazionalista a cui dobbiamo il nome viale dello shopping lungo 500 metri. Questo politico ha lavorato contro l'Atto di Unione e legislazione anticattolica, L'Atto di Unione del 1800, rafforzò il dominio inglese dando vita al Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda. Dopo aver vinto la causa grazie al Catholic Emancipation Act (1829), Daniel O'Connell è oggi considerato il "liberatore".

Il viale principale non ha sempre ricevuto forti sostenitori della causa irlandese. Come aneddoto, tra il 1881 e il 1966, al posto della Guglia sorgeva un fastidioso testimone dell'occupazione inglese: il pilastro dedicato a Ammiraglio Nelson. Si tratta del vice-ammiraglio britannico che sconfisse la flotta di Napoleone a Trafalgar nel 1805. La colonna sarebbe stata bombardata in testa da membri dell'IRA (Irish Republican Army) nel 1966 e poi ritirata completamente.

Edifici simbolici

L'Ufficio Generale delle Poste (foto a fianco), ha svolto un ruolo strategico nella storia del Paese e merita uno sguardo più attento. L'oggetto Criteri di gruppo fungeva infatti da quartier generale per gli insorti durante il Rivolta di Pasqua del 1916. È davanti a questo post che Patrick Pearse, poeta e leader, leggi il proclama della Repubblica irlandese. Questa ribellione lasciò il posto a una settimana di bombardamenti britannici prima di terminare con una sconfitta irlandese. L'edificio subì anche la guerra civile del 1922 e solo dopo quel conflitto poté conservare la sua facciata. Oggi l'edificio, un ufficio postale a sé stante, è stato completamente restaurato e ospita la statua di La caduta di Cuchulainn, eroe leggendario, per commemorare la rivolta del 1916. Cuchulainn è un guerriero della mitologia celtica, simbolo del potere. Prende il nome da una lotta intrapresa all'età di cinque anni contro il cane da guardia del fabbro Culann, un animale che ha ucciso. È famoso per le sue imprese e la sua capacità di vestire qualsiasi aspetto.

È mantenere la rotta verso il sud della città e lungo le banchine che si possono osservare Custom House e quattro corti, due edifici amministrativi chiusi al pubblico. Dogana, opera dell'architetto James Gandon, rievoca l'età dell'oro protestante attraverso il desiderio di abbellire la città. Questo edificio costò in 10 anni il costo di 400.000 sterline, una somma significativa per l'epoca. Nonostante i tentativi di sabotaggio, James Gandon ei suoi operai riuscirono a completare l'edificio nel 1791. Ex ufficio doganale ufficiale, Custom House ora comprende uffici amministrativi ed è la sede del Ministero dell'Ambiente e del Ministero del Patrimonio .

Forno corto,L'edificio situato verso la fine della banchina fu iniziativa dell'architetto irlandese Thomas Cooley e proseguito da James Gandon nel 1784. L'edificio, come il precedente, è costituito da un portico corinzio. Four Courts ospita la Corte Suprema della Repubblica d'Irlanda, originariamente costruita come contrappeso al potere britannico.

Questi percorsi turistici non esaustivi mirano a familiarizzare con la storia della città e dei suoi edifici durante una breve visita. Se hai una settimana lunga, non esitare a visitare tutti i musei nazionali della città, la Cattedrale di San Patrizio, il municipio, i magnifici parchi o le varie biblioteche.

Per maggiori informazioni :

- Università: Trinity College

- Museo Vichingo Dublinia: Dublinia

- Museo degli scrittori: Dublin Writers Museum