Vari

Léonard, il parrucchiere preferito di Marie-Antoinette


Maria Antonietta, regina di Francia, amava avere i capelli tagliati e acconciati, con gusto ma stravaganza. È il caso delle sue acconciature e soprattutto del "pouf" creato dal suo famoso parrucchiere Léonard. Più precisamente Léonard-Alexis, che è questo giovane Ariègeois, ha lasciato la sua provincia, per farsi conoscere a Versailles e diventare il parrucchiere fetish di tutte queste signore di corte. Spesso scambiato per i suoi due fratelli, ecco la sua storia.

Gli inizi di Léonard-Alexis nell'acconciatura

Léonard-Alexis Autié è nato a Pamiers in Ariège nel 1751. Ha almeno due fratelli minori, Jean-François e Pierre. Figlio di servi, Léonard iniziò a fare il parrucchiere a Bordeaux, poi si trasferì a Parigi e vi si stabilì nel 1769, aveva solo 18 anni.

Nonostante la sua giovane età e grazie alle sue attitudini e al suo stile innovativo, seduceva la nobiltà e alle signore non piaceva. Dopo appena un anno, divenne il barbiere più ricercato della Corte, sebbene non avesse uno status ufficiale. Nel 1774 realizza la sua nuova acconciatura e la battezza "acconciatura in pouf". La duchessa di Chartres ha lo scoop.

I “pouf” di Leonardo

Questa acconciatura è una scultura, realizzata con filo, impreziosita da vari accessori come piume, stoffa, garza. L'insieme simile a un'impalcatura è tenuto insieme dai capelli della signora. Maria Antonietta la rese famosa da quando la portò all'incoronazione di Luigi XVI nel giugno 1775.

Il "pouf" sarà presto sempre più alto fino a un metro e sempre più inventivo. Léonard-Alexis ha creato vari temi sui frutti, segni dello zodiaco, sui fiori come quelli della patata che Maria Antonietta gli ha chiesto di integrare nella sua acconciatura (avendo cura di aggiungere fiale d'acqua alla che i fiori non appassiscano) per incoraggiare la gente a coltivare patate durante la carestia, e navi, come la cosiddetta pettinatura "bella gallina" in omaggio alla fregata che sconfisse gli inglesi durante la prima battaglia navale in 1778.

Ma gli svantaggi non sono trascurabili: le donne devono essere pazienti per mezza giornata senza muoversi durante il lavoro dell'artista, dormire seduti per alcuni giorni fino a quando lo sporco non cede la composizione, a volte resistere fino a 5 kg sulla testa, senza contare che devono essere accompagnati per aiutarli a varcare le porte e nelle carrozze.

L'Accademia dei parrucchieri

Nel 1780, Léonard-Alexis approfittò del ritiro del barbiere ufficiale della regina. E nonostante il suo carattere piuttosto difficile, Marie-Antoinette lo afferma. Diventa uno degli unici non nobili a stare a fianco della regina fino a quando non la segue nei suoi appartamenti privati.

Non si è fermato qui: con le sue nuove risorse finanziarie, ha creato l'Académie de Coiffure e ha portato i suoi due fratelli, anche loro parrucchieri. Il suo fratello minore Jean-François noto come "Leonardo il Giovane" divenne il parrucchiere privato della Regina quando Léonard-Alexis si imbarcò nei suoi progetti accademici e teatrali. Sfortunatamente per lui (Jean-François), inviato come messaggero durante la fuga del re a Varennes nel 1791, fallì nella sua missione: fu inserito nell'elenco delle ghigliottine. Perché sono stati a lungo confusi e talvolta invertiti, e forse grazie al fratello maggiore, non morì fino al 1820 a Parigi, dopo 20 anni di esilio in Russia.

Léonard-Alexis, da parte sua, si è poi dedicato al teatro e all'opera. Incoraggiato dalla regina, divenne impresario fino alla Rivoluzione e diresse il "Théâtre de Monsieur". Arrivò il Terrore, andò in esilio in Russia e tornò a Parigi solo nel 1814 per morirvi sei anni dopo, nel 1820, lasciando tre figlie e un figlio.

Per ulteriori

- Storia dell'acconciatura e dei parrucchieri, di Paul Gerbod / larousse, 1996.

- Diario di Léonard: Parrucchiere di Maria Antonietta. Editori gratuiti, 2007.


Video: Marie Antoinettes official artist, Elisabeth Vigée LeBrun. Women artists National Gallery London (Potrebbe 2021).