Informazione

Storia e invenzione della carta (Cina, circa 100)


L'invenzione della carta è attribuito ai cinesi, che lo svilupparono intorno al 100 d.C. dalla corteccia di gelso e lo sfruttarono per quasi cinque secoli prima di introdurlo in Giappone intorno al 610 d.C. Il processo è relativamente semplice: prima, la dissoluzione della materia prima in acqua, sotto forma di fibre, poi la sua trasformazione in fogli mediante essiccazione su una superficie porosa ...

L'invenzione della carta: una scoperta cinese

La carta più antica conosciuta e ancora esistente era fatta di stracci durante la dinastia Han, intorno al 150 d.C. J.-C, e sembra derivare dall'ammollo involontariamente prolungato di canapa e stracci di scarto. Successivamente il materiale utilizzato è stato probabilmente la corteccia di gelso e la carta è stata realizzata su uno stampo di listelli di bambù. Nel secondo secolo della nostra era, l'alto funzionario della corte imperiale Cai Lun sarebbe all'origine del perfezionamento della tecnica cartaria.

La carta divenne rapidamente una nuova alternativa al legno, al papiro, all'osso, alla pergamena e al tessuto per la scrittura. Per circa cinquecento anni l'arte della carta fu riservata alla Cina, ma nel 610 il segreto della fabbricazione della carta fu trasmesso al Giappone, poi all'Asia centrale intorno al 750. La carta fece la sua comparsa in Egitto nel IX secolo, ma non fu realizzato lì prima del X secolo.

La carta arriva in Europa

Si ritrova poi in Spagna, introdotto dai Mori, dove fu realizzato nel XII secolo prima di diffondersi in tutta Europa e diventare più democratico, in particolare grazie ad una sorta di antica macchina da scrivere sviluppata da Gutenberg. Questo ritrovamento consente quindi la stampa massiccia di libri. L'utilizzo delle cartiere consente un aumento della produzione, soprattutto nei secoli XVII e XVIII, e provoca notevoli carenze di stoffa. Questo spinge i produttori a cercare alternative, ma anche a ridurre i costi di produzione.

Questi sforzi portano allo sviluppo della prima macchina per la produzione di pasta da carta dell'inventore francese Nicolas robert, nel 1798. Poi i fratelli Henry e Sealy Fourdrinier migliorò il processo nel 1803. Non fu fino al 1840 e all'invenzione del processo di spappolamento meccanico per ridurre i costi delle materie prime. Dieci anni dopo, compaiono processi chimici della polpa.

Per ulteriori

- La favolosa storia della carta, di Michel Vernus. 2004

- La favolosa storia delle invenzioni - Dalla padronanza del fuoco all'immortalità. Dunod, 2018.


Video: La civiltà cinese (Potrebbe 2021).