Nuovo

The Cambridge Five


Reclutati durante gli anni di studio a Cambridge, cinque britannici si sono messi al servizio dell'NKVD, il servizio segreto sovietico, negli anni '30. Divennero quindi uno dei principali gruppi di spionaggio e una delle principali fonti di informazioni per i sovietici, attraverso le importanti posizioni che occupavano all'interno delle istituzioni britanniche, come l'MI5 o il Foreign Office. Quindi tuffiamoci nel mondo dello spionaggio attraverso uno dei grandi affari del 20 ° secolo.

Cambridge: un terreno fertile per spie per l'insediamento sovietico

Negli anni '30, il potere sovietico iniziò ad affermarsi e, basandosi sull'eredità zarista, sviluppò reti di spionaggio in tutta Europa. Avviene un "grande reclutamento" che colpisce la Gran Bretagna, le cui più alte istituzioni governative vengono poi infiltrate per molti anni da agenti sovietici. Tutto iniziò a Cambridge, negli anni '30, dove Arnold Deutsch fu inviato come agente del Comintern. Molto rapidamente, si mise al servizio dell'NKVD, che lo istruì a costituire una rete di spie affidandosi a questo incubatore governativo del Trinity College e del Trinity Hall. Cambridge era allora un luogo di proliferazione di circoli marxisti e antifascisti, da cui Deutsch poteva trarre grandi vantaggi. Scorge per primo Kim Philby, molto impegnato contro i nazisti, su cui l'agente sovietico si affida per trovare altri brillanti studenti. La seconda recluta è Donald Mac Lean, che divenne comunista entrando a Trinity Hall nel 1931. Un altro comunista, Guy Burgess accetta la proposta e, come effetto domino, consente il reclutamento di Anthony Blunt, attratto dalla flessibilità del L'URSS nei confronti degli omosessuali. A sua volta, quest'ultimo arruolò John Cairncross, un modesto scozzese: si formano i Cambridge Five. Tuttavia, per loro non si tratta di spionaggio: pensano solo a mettere in pratica le loro idee comuniste e antifasciste. Inoltre, per evitare ogni sospetto, viene chiesto loro di allontanarsi dal Partito Comunista, Kim Philby viene persino assunto in un giornale conservatore. È solo quando questi brillanti studenti integreranno le istituzioni britanniche che saranno in grado di mostrare tutta la portata delle loro capacità di spionaggio.

L'età d'oro dello spionaggio sovietico

Diamo uno sguardo alle carriere professionali dei Cambridge Five: una volta laureato, Mac Lean è diventato diplomatico al Foreign Office, proprio come John Cairncross. Tuttavia, quest'ultimo entrò a far parte del Tesoro nel 1936, un'istituzione che l'NKVD finora non era riuscita a penetrare. Guy Burgess è stato prima assistente di un giovane parlamentare, poi è entrato a far parte del SIS, i servizi segreti britannici. Philby fu inviato dal suo diario in Spagna per coprire la Guerra Civile mentre Blunt divenne professore di storia dell'arte al Courtauld Institute, prima di entrare stranamente nel 1940, in considerazione delle sue qualifiche, MI5 - il servizio Controspionaggio britannico - dove è assegnato alla sezione più segreta B.

Il frequente cambio di ufficiali in servizio causato dalle purghe staliniste costituì un freno all'efficacia della rete Cambridge Five. Un secondo evento mina la rete: il patto tedesco-sovietico dell'agosto 1939. I Cinque dubitano della legittimità del loro impegno, tanto più che Stalin diffida di questa rete di giovani intellettuali britannici. Il ritorno avvenne nel 1940-1941, quando i Cinque salirono gradualmente di grado: Mac Lean fu trasferito all'ambasciata britannica in Francia, Burgess entrò nella sezione D del SIS responsabile del sabotaggio e guerra psicologica, mentre Philby si unisce all'MI6, il servizio di spionaggio britannico. John Cairncross, segretario del ministro incaricato dei servizi segreti, avverte Stalin dell'imminenza dell'operazione Barbarossa: l'invasione dell'URSS da parte di Hitler. Allo stesso modo, avvertì i sovietici che i servizi britannici erano riusciti a decodificare i telegrammi dalla macchina in codice Enigma, cosa che gli inglesi stavano attenti a non comunicare ai loro alleati.

All'inizio della guerra, Stalin, vittima della sua famosa paranoia, prestava poca attenzione a queste informazioni, temendo un'intossicazione - l'invio volontario di false informazioni. Il leader sovietico arriva persino a inviare una squadra di sorveglianza dei Cinque a Londra! Ma la moltiplicazione delle informazioni cruciali fornite dai Cinque è riuscita a convincere l'NKVD della loro buona fede. Così Blunt, incaricato della sorveglianza delle ambasciate dei paesi neutrali, passava le sue notti a fotografare documenti, fornendo informazioni sulla strategia della Wehrmacht: i Cinque quindi, durante la seconda guerra mondiale, fornirono maggiori informazioni. in URSS e le loro informazioni sul codice Enigma potrebbero aver contribuito in parte all'avanzata delle truppe sovietiche, come la battaglia dei carri armati di Kursk nel 1943. Quanto a Burgess, integrato per la prima volta nella sezione D del SIS, egli è entrato al Foreign Office dove si occupa dell'informazione: ha quindi, attraverso misure attive all'interno della BBC, ha cercato di migliorare l'immagine dell'URSS tra gli inglesi. Se Mac Lean viene trasferito a Washington nell'ambasciata britannica, permettendo ai sovietici di penetrare meglio negli Stati Uniti, l'agente più eccezionale, il più famoso e il più famoso rimane Kim Philby, trasferito alla sezione IX del SIS, responsabile dello studio dei rapporti tra Soviet e comunisti.

Dal dopoguerra alla scoperta dei Cambridge Five

Dopo la seconda guerra mondiale, l'età d'oro dello spionaggio sovietico è passata: le reti di spionaggio sovietiche vengono scoperte negli Stati Uniti e nel Regno Unito, mentre rafforzano i loro servizi di controspionaggio nel contesto dell'emergente Guerra Fredda. Dal 1945 Anthony Blunt non accetta più la sua doppia vita e ha l'impressione di tradire la sua patria, in un contesto in cui il nemico non è più, per gli occidentali, il nazista ma il comunista. Per questo ha lasciato l'MI5 per tornare a insegnare al Courtauld Institute ed è stato nominato Curatore della Casa Reale: questa ex spia sovietica ha poi frequentato regolarmente la famiglia reale ed è diventato un nobile nel 1945! Gli altri quattro rimarranno in contatto con i sovietici fino al 1951: Mac Lean rimane un diplomatico fino al 1947, Burgess diventa il segretario di un membro del governo britannico, Cairncross torna al Tesoro, mentre Philby, il più attivo e prolifico , dirige la stazione SIS in Turchia, da dove denuncia tutti gli agenti occidentali che si apprestano a rientrare in URSS. Philby, brillante spia, ancora al di sopra di ogni sospetto, è addirittura destinato a diventare direttore del SIS!

Ma lo abbiamo detto, l'età dell'oro è finita: dal 1948 l'MI5 è convinto dell'esistenza delle talpe. La svolta decisiva avviene nel 1951: gli americani riescono a decifrare il codice Venona utilizzato per i telegrammi russi. Identificato rapidamente, Mac Lean prepara la sua fuga, con l'aiuto di Philby, quindi di stanza a Washington. Il 25 maggio 1951, Mac Lean fuggì con Burgess, temendo di essere identificato a sua volta, in direzione di Mosca: la defezione di questi due agenti provocò scalpore in Gran Bretagna. Il prossimo sospettato è Philby, che ha ospitato Burgess per un po 'a Washington: viene richiamato a Londra, forzatamente in pensione. Tuttavia, il SIS fatica a raccogliere le prove del suo tradimento: il procedimento viene abbandonato e Philby riesce a farsi passare per la vittima. Riabilitato dai suoi colleghi, è andato in Libano e ha continuato a fornire informazioni al KGB sull'operato del SIS e della CIA. Ma le talpe, nel tempo, confesseranno, in cambio dell'immunità giudiziaria. Anche in questo caso Philby è il più intelligente: sostiene di aver lavorato per i sovietici solo dal 1936 al 1946. I capi del SIS e dell'MI5, raggirati, rassicurano il leader dell'FBI, John Edgar Hoover. Una fiducia che dà a Philby l'opportunità di spostarsi a est.

Cairncross e Blunt, loro, non sono tentati dalla fuga e, a loro volta fortemente sospettati, confessano. Il primo, diventato insegnante a Cleveland in Ohio, ammette di aver lavorato saltuariamente fino al 1951: viene esonerato, ma preferendo restare all'estero, conclude i suoi giorni nel sud della Francia. Il secondo, Anthony Blunt, fu denunciato nel 1964 da Michael Straight, uno studente che aveva reclutato molti anni prima. Confessa tutto alle autorità ma gode di protezione, continuando a prendersi cura della collezione della Regina e rimane un professore di storia dell'arte riconosciuto in tutto il mondo. Ahimè! 15 anni dopo, nel 1979, la vicenda venne alla luce, dopo le rivelazioni di un giornalista, affetto da un cancro incurabile. Quest'uomo, Gorowny Rees, aveva frequentato Blunt e Borgess negli anni '50 e sapeva tutto sulle attività dei Cambridge Five. Margaret Thatcher, recentemente Primo Ministro, afferra la vicenda con il pugno di ferro: Blunt perde le sue decorazioni e finisce la sua vita a discrezione, molto toccato dalla rivelazione di questa vicenda.Philby, Mac Lean e Burgess concludono la loro la vita in URSS: i primi due si mettono al servizio del KGB, mentre il terzo sprofonda nell'alcolismo, deluso dalla bassa pensione che riceve.

Conclusione

Questa straordinaria vicenda di spionaggio conserva alcune zone d'ombra: alcuni ritengono che fossero molto più di cinque e ritengono che i sovietici godessero di maggiore sostegno all'interno delle istituzioni britanniche, spiegando il sorprendente reclutamento di Blunt all'MI5 . Al di là di ogni speculazione, questa vicenda testimonia in ogni caso l'età d'oro degli anni '30 e '40 per lo spionaggio sovietico, prima che l'equilibrio del potere fosse equilibrato negli anni '50, a causa di maggiore vigilanza e sorveglianza sui servizi occidentali, mentre crescono le tensioni tra URSS e blocco occidentale.


Video: SYND 21 11 79 FORMER RUSSIAN SPY ANTHONY BLUNT INTERVIEW (Potrebbe 2021).