Interessante

Eleonora d'Austria (1498-1558), seconda moglie di Francesco I


Eleonora d'Austriavedova del re del Portogallo, seconda moglie di Francesco I, fu davvero uno strumento di negoziazione per suo fratello Carlo V e di vendetta per il re di Francia. Durante i diciassette anni della sua vita di moglie e regina francese, questa sorella del nemico sentirà l'animosità del re e dei suoi figli. Rifiutata come straniera, tornerà nel suo paese alla morte del marito e sarà "cancellata" dalla memoria dei francesi, non essendo ammessa nemmeno alla basilica di Saint Denis!

La giovinezza di Eleanor

Eléonore, primogenita di Philippe le Beau e Jeanne la Folle, nacque il 15 novembre 1498 a Lovanio, ottenendo il cognome da suo nonno Massimiliano d'Austria, sua madrina era Margherita di York, vedova di Carlo il Temerario. Diciotto mesi dopo nasce suo fratello Carlo di Gand, il futuro Carlo V, che alla morte dei genitori vengono affidati alla zia Margherita d'Austria.

Ragazza sorridente, allegra, cavaliere ed esperta di caccia, ha imparato musica, pittura e lettere. I suoi gusti semplici, la modestia e i sentimenti la rendono "una sciocca senza ambizioni". A diciotto anni si innamorò di un povero fratello minore, il principe Palatino Federico, figlio di Filippo di Baviera; Carlo V non lo vuole e cerca un pretendente "corretto", almeno un re ... di Francia, Inghilterra o Polonia, escludendo così il Duca di Lorena, il Re di Danimarca e quello di Navarra.

Regina del Portogallo

Alla fine opta per il re del Portogallo, Manuele I, nato nel 1469, brutto, vecchio, gobbo e vedovo per la seconda volta. Eleonora le fu offerta nel 1517 e in settembre lasciò le Fiandre accompagnata dal fratello, per un lungo viaggio disseminato di insidie: incendio di navi, tempesta, traversata dalle Asturie a Madrid, paese arido e desolato. Il 13 luglio 1518, considerata "un capolavoro, tanto è saggio, gioioso, onesto e gentile in ogni cosa", sposa per procura Emmanuele il Fortunato, diventa per tre anni regina del Portogallo e avrà un bambino morto. giovane e una piccola Maria che i portoghesi vorranno sposare a loro piacimento.

Quando il re morì nel 1521, lasciò il Portogallo per unirsi a Carlo V in Spagna. Promesso a Carlo di Borbone, a condizione che riesca a recuperare la Provenza o parte dell'Italia, Carlo V esita lo stesso. Bourbon è un traditore da quando è andato al servizio della Spagna. Non è chiaro quali siano i pensieri della giovane donna, ma è certo che non era favorevole.

Regina di Francia

Nel 1525, François Ier fu imprigionato in Spagna e firmò un patto per essere liberato: tra l'altro avrebbe sposato Eleanor (rapendola a Borbone!). Carlo V è d'accordo (meglio tenere duro che correre), ma Eléonore sarebbe rimasta in Spagna con i figli reali, fino a quando tutti i termini dell'accordo non fossero stati rispettati, compresa la donazione delle province francesi. Eleonora e Francesco I si sono conosciuti durante la sua malattia, ed è stato persino felice di sentire che il Trattato di Madrid "l'ha data" al re di Francia.

Viene quindi firmata una promessa di matrimonio il 19 gennaio 1526, i futuri sposi hanno il diritto di corrispondere e riunirsi per le feste date in loro onore, ma tutti restano in guardia. Eléonore è sincera, ha un vero affetto per il re di Francia ma è combattuta tra i due uomini: si prende cura del futuro Philippe II (figlio di suo fratello) e cerca di ammorbidire le condizioni di prigionia dei figli di François Ier

Dopo il Trattato delle donne firmato nel 1529, Eleonora divenne la nuova regina, ma si trovò in una situazione bizzarra: sorella del nemico, pegno non proprio onesto di amicizia, una sorta di strumento per il fratello. Alla fine raggiunse il marito nel 1530, accompagnando i piccoli ostaggi, ma fu il cardinale de Tournon ad accoglierla il 1 ° luglio ... il re, in attesa a Bordeaux, non venne da lei prima del 4 luglio.

Molte sono le testimonianze a favore di Eleanor "era la donna più felice che abbiamo mai visto". Pretty, è bionda con gli occhi scuri, ancora fresca nonostante i suoi trentadue anni, vestita di velluto scuro, adotta un abito bianco e una tripla collana di perle, rubini e diamanti al collo. Nonostante tutto, ha il labbro inferiore troppo forte degli Asburgo e Brantôme aggiunge "sotto il corpo di una gigantessa, tirando giù, sembrava un nano, aveva cosce e gambe così corte"! Finalmente il 6 luglio il re può baciare i suoi figli, salutare la regina e andare a letto, perché il giorno dopo è il matrimonio e lo scambio dei consensi.

Uno sconosciuto trascurato

Riprendono la strada per tornare a Saint Denis per l'incoronazione della regina il 5 marzo. Arrivata con quindici giorni di ritardo, riceve in dono dalla città una coppia di candelieri sormontati da una fenice con il suo motto "unica sempre avis", un uccello che rinasce dalle sue ceneri, simbolo della sua doppia regalità e del suo fedele amore. . Trionfa ... ma sarà presto messa da parte, come l'aveva avvertita sua zia Margherita d'Austria “è necessario che si comporti per volontà del Re, che faccia secondo il suo desiderio ... avrà di più per gentilezza che premendo troppo forte ”. Dolcezza e docilità!

Si aspetta quindi rispetto dal re ... ma è subito delusa, anche ferita: Francesco I mostra la sua principale amante, cosa che non aveva fatto a Claude. Non le mostra alcun affetto, non è pronto a darle un figlio (ne ha già uno e non vuole un fratellastro per i suoi figli). Questo matrimonio fa parte del trattato che doveva essere ottenuto, il re ha un grande rancore per Carlo V, e non può perdonare: Eleonora è la sorella del suo nemico!

Inoltre, è timida, riservata e il re preferisce le donne protagoniste. La maternità avrebbe creato un posto per lui con il re, ma lui non lo vuole, lei no. Va dai suoi "figliastri" ma riceve un'accoglienza molto fredda: neanche Henri lo ha perdonato. Solo François le mostra un po 'di gentilezza: Eléonore è straniera!

Luisa di Savoia è già morta, resta la cognata Marguerite, con la quale aveva stretto una piccola amicizia in Spagna durante la detenzione di François Ier. Ma Marguerite sposò appena Henri d´Albret nel 1527 e tornò in Navarra. Intellettualmente superiori a Eleanor, non hanno la stessa cultura o le stesse ambizioni: c'è un divario tra le due signore.

Uno strumento da parata

A corte, i clan si formano attorno all'amante reale, ma non intorno alla regina! Si limita quindi al suo ruolo di parata, seguendo il re in movimento, senza difficoltà di essere in buona salute, prendendo il suo posto nelle cerimonie, non sempre come Regina di Francia, ma: come la sorella di Carlo V !

Tuttavia, non riuscirà a conciliare questi due sovrani! Non fu per mancanza di tentativi nel 1532 quando fece appello a sua sorella Marie, vedova del re d'Ungheria, o nel 1535 durante i colloqui di Cambrai. E quando la guerra riprese nel 1536, Eleanor lo prese come un fallimento personale, soprattutto perché in questa occasione il Dauphin François si prese freddo e morì: Carlo V fu accusato di omicidio. Riprese il suo ruolo di intermediaria nel 1538-1539 per le trattative tra i due sovrani e Papa Paolo III per porre fine alle guerre in Italia… perdita di tempo! Questi due uomini non potranno mai riconciliarsi, è missione impossibile!

I suoi servizi erano ancora necessari nel 1544 dopo la firma del Trattato di Cléry-en-Lannois per guidare una grande delegazione (il giovane duca d'Orleans, la duchessa di Etampes) ai festeggiamenti nei Paesi Bassi.

La sua partenza dopo la morte di Francesco I.

Poi fu il colpo di scena: Francesco I morì nel marzo 1547. Avvertito due giorni dopo, Eleonora pianse sinceramente, anche se alcuni ambasciatori prendono le sue lacrime per "convenienza". Buona e pia, era sua moglie da diciassette anni! Nessuno amandola, rifiutata, Eléonore non poteva più restare in Francia. Restituisce i gioielli della corona (come è consuetudine), Enrico II offre il suo compenso finanziario (come è anche consuetudine), ma niente cerimonie, niente addii, niente scorta per lasciare il paese in direzione di Bruxelles dove è arrivata nel dicembre 1548.

Termina la sua vita da vedova, tra la sua famiglia (sua sorella, suo nipote Philippe, Maximilien II). Nel 1556, quando Carlo V abdicò e cedette il trono a suo figlio, Eleonora e sua sorella lo accompagnarono e si stabilirono vicino al suo ritiro presso il monastero di Yuste, in Spagna. Fu quando tornò dall'incontro con sua figlia Maria, al confine con il Portogallo, che subì un violento attacco d'asma, tanto che morì a metà febbraio 1558, poco prima del fratello. , che gli farà innalzare un monumento funebre all'Escorial.

Eléonore non si è mai sentita a casa in Francia, come vivrà Anna d'Austria qualche anno dopo ... tranne che Anne avrà dei figli! Eléonore non è stata così fortunata! Peggio: non verrà installato a Saint Denis con François Ier! Eléonore è davvero una regina rifiutata, quasi "cancellata" dalla memoria dei francesi!

Les Reines de France au temps des Valois, volume 1: Le beau XVIe siècle, di Simone Bertière. Copertina rigida, 1996.


Video: Tragico destino del piccolo RE Luigi XVII (Potrebbe 2021).