Le collezioni

Napoleone Bonaparte, un giovane corso (J-B. Marcaggi)


Stéphane Chauvin e le edizioni Rubicon si propone di far rivivere la storia della Francia dal 1769 al 1879 via bellissimi libri illustrati. Riutilizzando il testo di uno storico corso del secolo scorso, Jean-Baptiste Marcaggi, un'intera squadra di designer di talento hanno prodotto una serie di tavole inedite che ripercorrono episodi della vita di Napoleone fino ad allora molto poco coperti dall'iconografia. Un'opera originale nella grande tradizione dei libri di storia illustrata da Giobbe!

Napoleone e la Corsica

Quest'opera di Stéphane Chauvin, pubblicata da Editions le Rubicon, tenta di conciliare la storia napoleonica e quella corsa, o meglio con la "razza corsa" per usare un'espressione usata in quest'opera. Perché se i francesi del continente associano direttamente Napoleone alla Corsica, spesso ignorano le battute d'arresto che quest'ultima ebbe con la sua isola natale, i partigiani di Paoli e una Corsica sotto il controllo inglese che hanno cacciato violentemente la famiglia Bonaparte. Da corso indipendente, Napoleone si era riorientato verso la politica del continente, lasciando l'isola della bellezza ai margini della storia imperiale. Tuttavia, l'infanzia corsa di Napoleone Buenaparte, dice Ribulione, rimane uno dei grandi topos della storia dell'isola. E questa infanzia è stata ovviamente curata da tutti i biografi dell'Imperatore, che vi hanno cercato l'origine di un temperamento focoso, di questo spirito antico che il Mediterraneo avrebbe portato ... Altri si sono spinti fino a cercare i presagi del destino. abbagliamento del bambino, partorendo ad esempio su un arazzo con un tema mitologico… Quindi, se era solo marginale nella storia politica e militare del Primo Impero, fu ampiamente trattato dal genere biografico.

La ristampa illustrata dell'opera di Marcaggi

Per il suo lavoro, Stéphane Chauvin riutilizza il lavoro svolto dallo storico corso Jean-Baptiste Marcaggi (1866-1933). Inoltre, il lavoro di Stéphane Chauvin consiste semplicemente nel produrre una versione illustrata dell'opera di Jean-Baptiste Marcaggi. Perché se la giovinezza di Napoleone è già ben trattata, l'iconografia associata è piuttosto scarsa e parziale. A differenza della carriera militare di Napoleone, dove l'iconografia è prolifica, la sua giovinezza è rappresentata solo in poche incisioni e disegni come quelli di Giobbe. Il grande progetto di Stéphane Chauvin era quindi quello di riunire artisti di talento come Philippe Munch, Christophe Simon, Philippe Werner o Philippe de Saint-Maur. Questi artisti portano nel libro tredici bellissime tavole a tutta pagina su temi tanto vari quanto la famosa battaglia a palle di neve a Brienne (1784),

la nascita di Napoleone (1769), i suoi viaggi alla sua grotta nel 1778, il suo incontro con Alexandre des Mazis alla scuola militare di Parigi (1784), una corsa di cavalli tra Valences e Chabeuil (1785), un congedo in Corsica nel 1790, l'alterco tra Bonaparte e gli ufficiali realisti che pensavano di emigrare ad Auxonne (1791), Napoleone tenente colonnello dei volontari corsi (1792), le rivolte ad Ajaccio nel 1792, Napoleone costretto ad abbandonare isola nel 1793… Ma quest'opera è anche riccamente illustrata con vari altri documenti: dipinti, fotografie, incisioni, litografie, disegni… Senza dimenticare qua e là alcuni schizzi degli artisti che collaborano al progetto. Alla fine, questo libro riccamente illustrato rientra nella categoria dei bei libri sulla storia della Francia, discendente diretto delle opere di Giobbe: offrire o offrire se stessi.

Notiamo, tuttavia, che quest'opera di uno storico corso del secolo scorso, sulla giovinezza di uno dei suoi compatrioti dell'isola, ha nei toni e sullo sfondo una forte impronta di sciovinismo corso che può sorprendere a prima vista (e che spiega forse questo autore è stato “dimenticato” nel continente, come sorprende nella prefazione di Bernard Chevallier, già direttore del Malmaison Museum). Combattimento, tendenza istintiva all'azione, individualismo, ribellione e forza del patriarcato sono presentati come valori essenzialisti della "razza corsa", un termine che non ha scioccato quando Marcaggi pubblicò all'inizio del XX secolo , ma che è molto meno utilizzato dalla seconda guerra mondiale. Allo stesso modo, il racconto è abbastanza conciliante con Paoli e la sua disponibilità a lasciare la Corsica per l'Inghilterra (che lo pone contro Napoleone) è attenuata. Tuttavia, nulla di sconvolgente in questo, qui abbiamo una vecchia biografia, presentata come tale (sebbene sia vero che l'età della biografia potrebbe non essere abbastanza esplicita, il lettore lo deduce dalla data del morte dell'autore). E anche se si sospetta (forse a torto) qualche simpatia tra lo sciovinismo corso e le ristampe, è senza complicazioni che ci si lascia cullare da questa atmosfera mediterranea e dal vero talento letterario dell'autore. .

Alla fine, quest'opera deve essere presa per quello che è per apprezzarla appieno: la ristampa di una breve biografia della giovinezza napoleonica del secolo scorso, orientata "insulare", che copre il periodo 1769 - 1793 ( e poco prima per collocare il contesto corso). Ma una ristampa molto riccamente illustrata da una moltitudine di documenti tra cui lastre inedite che coprono episodi della vita di Napoleone fino ad allora raramente rappresentati!

MARCAGGI J-B, Napoleone Bonaparte, una gioventù corsa, Edizioni le Rubicon, 2010.


Video: Napoleone in 10 minuti Vita e Guerre Napoleoniche completo (Potrebbe 2021).