Le collezioni

L'Assedio di Parigi dei Vichinghi (Joëlle Delacroix)


Fine del IXe secolo, il regno della Francia occidentale fu tormentato dalle incursioni vichinghe. Il potere carolingio allora in piena decadenza costrinse la nobiltà franca a combattere con i propri mezzi contro queste orde danesi che risalivano con i loro drakkar i fiumi. Nel suo romanzo storico, Joelle Delacroix si concentra nel raccontarci gli episodi più famosi di questo periodo relativamente sconosciuto: l'assedio di Parigi da parte dei vichinghi. Ma più che romanticizzare un'impresa d'armi, l'autore ci presenta l'incontro di due culture a priori inconciliabili.

Riassunto

Novembre 885, Eudes conte de Paris e Gauzlin, vescovo di detta città, si preparano a bloccare l'imponente armata vichinga che risale la Senna per andare a pilastro e svernare in Borgogna. Poi è iniziato un terribile e sanguinoso confronto durato più di un anno. Tuttavia, al di là dei combattimenti, delle morti e dell'odio del nemico, nasce una fragile amicizia tra Eudes e un giovane prigioniero danese salvato dalla morte dall'enigmatica e affascinante Gisele, guaritrice e interprete che non lascia indifferente il conte. Questa balbettante amicizia porta poi il giovane scandinavo a mettere in discussione il suo futuro ea scegliere il suo accampamento tra assediato e assediato.

Un quadro originale e documentato

Quando pensiamo ai romanzi storici sul Medioevo, i Catari, i Templari e altri grandi re di Francia appaiono come temi ricorrenti di intrighi. In quanto tale, se questo lavoro è interessato ad un altro tema esposto molto di frequente, qui i Vichinghi, ha l'originalità di collocarlo in un periodo molto poco conosciuto - quello degli ultimi carolingi - di cui logicamente pochissimi i romanzi si echeggiano. E questo è il punto centrale di questo primo volume: situare l'azione della storia in un periodo sconosciuto per facilitarne la scoperta. E al di là della scoperta, è la condivisione di una passione che Joëlle Delacroix cerca di trasmetterci, una passione erudita si potrebbe anche dire. Anzi, più che un semplice romanzo storico, è un libro estremamente ben documentato, come testimonia una bibliografia basata in particolare su Régis Boyer, lo specialista dei Vichinghi o su Pierre Riché per il mondo carolingio, ma anche su testi d'epoca come le cronache di Abbon, principale fonte contemporanea delle vicende collegate. Non possiamo che lodare il lavoro di ricerca e la sua restituzione in questo romanzo che ci presenta anche lo shock dell'incontro tra due mondi.

Il sanguinoso incontro di due culture

Per quanto riguarda la storia stessa, è chiaro che l'aspetto bellicoso e sanguinoso non è stato dimenticato. Joëlle Delacroix non lesina sugli scontri tra scandinavi e franchi, le descrizioni della battaglia attorno a questo lungo assedio, il tutto sempre con una meticolosa attenzione ai dettagli storici anche se a volte significa ripetersi un po '. Ma oltre alle tante gesta d'armi raccontate, l'autore ci propone attraverso i protagonisti principali una riflessione sull'incontro di due culture, le loro differenze e l'attrattiva che ne può derivare. Consente così al lettore di immergersi in due mondi molto diversi e di conoscere meglio questo periodo troppo spesso dimenticato del Medioevo. Quindi, avremo solo un semplice rimpianto, quello di non andare più a fondo nella vita e nelle pratiche del tempo. Perché sembra ovvio che l'autore padroneggi l'argomento e avrebbe potuto entrare più nei dettagli della cultura dei Franchi e dei Vichinghi per imparare di più dai suoi lettori. Ma non dimentichiamo che questo è un romanzo e non imbronciamo il nostro piacere. Inoltre, questa prima opera sull'assedio di Parigi dei Vichinghi ci porta irrimediabilmente a voler conoscere l'esito delle avventure del conte Frank Eudes, del giovane danese Porgils e della coraggiosa Gisèle attraverso gli ultimi due volumi di questa saga.

Joëlle Delacroix, The Siege of Paris by the Vikings, Volume 1: The Vikings on the Seine, The Siege of Paris by the Vikings, Volume 2: The Choice of Porgils. Edizioni L'Harmattan, Parigi, 2013.


Video: Gesù è esistito - Alessandro Barbero Esclusivo 2020 (Potrebbe 2021).