Interessante

L'attacco del sud a Baton Rouge (estate 1862)


Alla fine di luglio 1862, il ritiro delle flotte settentrionali da Vicksburg e l'evacuazione di Natchez avevano lasciato il controllo della Confederazione di "una parte significativa del corso del Mississippi, poiché il fiume era sul punto di essere interamente nelle mani del Nord solo un mese prima. Inoltre, l'epicentro delle operazioni in Occidente si era spostato nella consueta moda politico-militare del presidente Lincoln del Tennessee orientale.

Il grosso delle truppe dell'Unione era stato raggruppato sotto il comando di Buell a Corinto, da dove stavano avanzando - in modo esasperante lentamente - verso Chattanooga. A Grant erano rimaste solo forze incapaci di fare di più che garantire l'occupazione delle aree conquistate del Tennessee occidentale e del Mississippi settentrionale. Questa situazione, ulteriormente aggravata dal basso numero di Butler in Louisiana, ha fatto sì che il Nord non sarebbe stato in grado di prendere l'iniziativa contro Vicksburg per il resto dell'estate.

La battaglia di Baton Rouge

L'inazione dei nordici e il ritiro delle loro navi fu l'occasione perfetta per i meridionali per riprendere l'iniziativa lungo il Mississippi. La loro situazione era poco favorevole in termini di manodopera, ma hanno avuto il vantaggio di vedere i Federali alle prese con il guerriglia che è stato organizzato in risposta all'occupazione settentrionale. I meridionali costrinsero i soldati blu a concentrarsi sulla difesa dei loro accampamenti, dei loro depositi e delle loro linee di rifornimento, tante preoccupazioni che richiedevano grandi numeri e da cui le truppe regolari confederate subirono poco o nessun danno, anche se non lo furono. c'erano anche partigiani unionisti che operavano nei territori ancora in mano alla Confederazione.

Per inciso, la maggior parte delle forze del sud in Occidente sarebbe stata utilizzata anche in altri progetti, con il presidente Davis che mirava a un'invasione del Kentucky. L'inazione di Buell le avrebbe reso le cose più facili, ma allo stesso tempo avrebbe lasciato poche truppe per operare lungo il Mississippi. Da quando gli è stato ordinato di lasciare l'Arkansas dopo la sconfitta a Pea Ridge a marzo, il piccolo esercito di 'Earl Van Dorn era arrivato troppo tardi per partecipare alla battaglia di Shiloh o all'assedio di Corinto, ma in tempo per rafforzare le difese di Vicksburg quando necessario. Van Dorn non aveva grandi numeri a sua disposizione: le sue truppe, i Missouri di Sterling Price e varie unità sparse tra cui una brigata del Kentucky comandata da John Breckinridge.

Anche se a volte a corto di mezzi, Van Dorn non è mai stato privo di audacia o immaginazione, né è stato raffreddato dalle terribili conseguenze della sua audacia a Pea Ridge. Desideroso di estendere il suo controllo del Mississippi a valle, ha istituito un'operazione combinata a riprenditi Baton Rouge. La corazzata del fiume CSS Arkansas avrebbe dovuto discendere il fiume per avvicinarsi alle cannoniere federali lì, mentre una piccola divisione, sotto Breckinridge, assaliva la città via terra. Il 27 luglio 1862, 5.000 uomini lasciarono Vicksburg per Camp Moore, un'installazione militare confederata situata nella parrocchia di Tangipahoa, nella Louisiana orientale (la parrocchia è l'equivalente della Louisiana della contea in altri stati, cambia solo il nome).

Sul lato settentrionale, la città era difesa solo da una modesta forza combinata di 2.500 uomini, composta da sette reggimenti di fanteria e quattro batterie di artiglieria da campo. Tutto era agli ordini del generale di brigata Thomas Williams. La posizione federale non lo era non molto adatto per la difesa. La città, sul lato orientale del Mississippi, era a malapena fortificata. Si estendeva su un terreno abbastanza irregolare, in una zona dove i boschi si alternavano ad ampie radure. Gli unici trinceramenti erano stati scavati nell'angolo nord-ovest della capitale della Louisiana, intorno al principale campo settentrionale. Altri campi erano sparsi per la città. Sul fiume, due cannoniere avrebbero probabilmente fornito supporto: la USS Essex, corazzata e USS Cayuga, in legno.

Mappa della Louisiana con le principali località interessate (note dell'autore su uno sfondo della biblioteca cartografica Perry-Castaneda).

Williams è stato rapidamente informato dell'avanzata di Breckinridge dagli schiavi in ​​fuga e poi dalle sue stesse pattuglie, il che ha confermato la presenza dei meridionali nelle vicinanze il 4 agosto. La lunga ed estenuante marcia da Camp Moore aveva considerevolmente allungato il piccolo esercito meridionale, e il suo capo sentì che all'alba del 5 agosto, aveva a malapena la metà dei suoi uomini a piedi per un attacco - più o meno le dimensioni del suo avversario. Tuttavia, Breckinridge ha attaccato alle quattro del mattino. Le truppe del Nord non furono sorprese, ma a differenza dei loro avversari, che avevano combattuto per molti a Shiloh, non avevano mai visto il fuoco.

I soldati in blu persero rapidamente terreno, abbandonando i loro accampamenti ai margini della città e ritirandosi in buon ordine. per le vie della città. Abbiamo combattuto ferocemente nel mezzo del cimitero comunale. Il generale Williams fu ucciso mentre raccoglieva le forze per un contrattacco, lasciando il comando al colonnello Cahill, che riuscì a tenere unito il suo piccolo esercito. Combattimenti crudeli combattuti per sei ore, nelle strade spazzate dal contenuto delle cassette d'uva sparate senza sosta dai cannoni, tra le case che offrivano tanti ripari ai cecchini. Anche se respinti al fiume, i federali hanno continuato a resistere. Paradossalmente, il loro rinculo finì per dare loro un vantaggio tattico: mise le truppe meridionali entro il raggio di tiro delle cannoniere ancorate sul Mississippi.

I proiettili di grosso calibro delle navi del nord colpirono presto le linee confederate, causando pesanti perdite ai soldati grigi. Verso le dieci, notando che ilArkansas non era arrivato, contrariamente a quanto si aspettava, per attaccare le cannoniere nemiche, Breckinridge non insistette e suonò la ritirata. La battaglia di Baton Rouge si è conclusa così una vittoria del nord. Si era rivelato particolarmente letale per i due belligeranti. In tutto, 168 uomini furono uccisi. Il Nord ha perso 383 soldati, il Sud 456, vale a dire 839 morti, feriti e dispersi da denunciare a circa 5.000 combattenti dei due campi. Sebbene fosse di piccola scala rispetto ad altri, questo impegno non doveva rimanere senza conseguenze a livello strategico, come avrebbe dimostrato la sequenza degli eventi.

Guerra al Mississippi

I Confederati avrebbero potuto vincere se ilArkansas era stato lì, come aveva previsto il piano di Van Dorn. Tuttavia, la corazzata fluviale lo era in condizioni povere dopo i suoi vari combattimenti a luglio. Finito in fretta, mancava di pezzi di ricambio per garantirne la manutenzione, soprattutto per quanto riguarda le sue macchine. L'equipaggio era stato anche seriamente diminuito dalle vittime, incluso il capitano Brown, che non si era ancora ripreso dalle ferite ricevute il 15 luglio. Tanto che l'ufficiale ha dovuto chiedere qualche giorno di ferie, lasciando il comando della nave al suo secondo, Henry Stevens. Brown ha ordinato al tenente di 22 anni di non salpare in nessuna circostanza fino al suo ritorno.

Van Dorn, tuttavia, contava espressamente sulla collaborazione delArkansas per l'operazione contro Baton Rouge. Ordinò fermamente a Stevens di andare a valle e alla fine vinse la sua causa. Il viaggio, tuttavia, si rivelò disastroso e caratterizzato da ricorrenti fallimenti alla propulsione. Tant'è che il 5 agosto l'Arkansas era ancora troppo lontano da Baton Rouge per sperare di sostenere gli uomini di Breckinridge. La corazzata non arrivò fino al giorno successivo alla fine del suo viaggio, avvistando il suo vecchio nemico, laEssex - che aveva affrontato due volte prima - e si preparava a combattere. Questo è il momento in cui le sue macchine hanno scelto di restituire definitivamente l'anima. Stevens è riuscito ad arenarlo quel tanto che basta per dargli fuoco ed evacuarlo. Andando alla deriva a valle, ilArkansas in fiamme finisce esplodere verso mezzogiorno. Con la sua breve carriera di tre settimane così completata, la Southerner cessò di essere una minaccia per le forze fluviali dell'Unione.

La distruzione diArkansas consentirebbe alle navi dell'Unione di viaggiare con maggiore sicurezza sul Mississippi. A Helena, il commodoro Davis poté così organizzare una piccola spedizione contro gli approcci a Vicksburg. Il 16 agosto, le due cannoniere corazzate USS Mound City e USS Benton, accompagnato da cinque navi a sperone, catturò un trasporto del sud che trasportava un carico di armi da Vicksburg a Milliken's Bend, Arkansas. Dopo averlo preso, la piccola flotta si diresse verso il fiume Yazoo, che i meridionali non erano riusciti a portare in difesa con noncuranza. Questa volta le installazioni confederate sullo Yazoo erano devastato, privando Vicksburg di quantità significative di forniture e attrezzature.

Allo stesso tempo, le navi del nord che pattugliavano il Mississippi iniziarono ad essere attaccate con sempre maggiore frequenza da cecchini e gruppi partigiani. Come era stato a Baton Rouge a maggio, Farragut era spietato. Dopo un altro attacco, il 9 agosto ha bruciato e bombardato Donaldsonville, tra Baton Rouge e New Orleans, non senza dare ai residenti il ​​tempo di evacuare la città. Quindi non ci furono vittime, ma la durezza dell'occupazione settentrionale non aveva lo scopo di diminuire l'attività della guerriglia meridionale, al contrario. Nel frattempo, l'aggressività dei Confederati iniziò a preoccupare il generale Butler, che era ancora a scarseggiare. Decise di concentrarsi intorno a New Orleans, fece evacuare Baton Rouge il 21 agosto, dopo che gran parte della città, già danneggiata dai combattimenti del 5 °, fu distrutta per non servire da base all'esercito meridionale.

Subito dopo, ilEssex ha iniziato una pattuglia solitaria lungo il fiume Mississippi. La cannoniera corazzata dell'Unione finì di nuovo sotto il fuoco a Bayou Sara, in Louisiana, il 24 agosto. Per rappresaglia, ilEssex bombardò brevemente la città. Lo stesso scenario è accaduto di nuovo a Natchez il 3 settembre, prima che la nave partisse per New Orleans. Fu il 7 settembre, mentre passava davanti al piccolo villaggio di Port Hudson, che la cannoniera federale conobbe un'importante conseguenza strategica della battaglia di Baton Rouge e l'evacuazione della città. I Confederati vi avevano installato delle batterie, che aprirono il fuoco. sebbene ilEssex non fu seriamente colpito, era evidente che i meridionali erano a Port Hudson per restare.

Dopo il suo ritiro a Baton Rouge, Breckinridge inviò 1.500 uomini, comandati da Daniel Ruggles, ad occupare Port Hudson. Il sito aveva una configurazione simile a quella di Vicksburg, anche se meno imponente. Port Hudson era circondato da ripide colline, i cui strapiombi si affacciavano sul fiume per circa 25 metri. Il Mississippi girava strettamente lì, rendendo le navi del nord tutti i bersagli più facili. Il sito era quindi facile da fortificare e difendere. Era anche di sicuro interesse strategico. Situato appena a valle della confluenza del Mississippi e del fiume Rosso, Port Hudson proteggeva quest'ultimo dalle incursioni settentrionali. Tuttavia, in assenza di un'importante linea ferroviaria, il fiume Rosso era la principale linea di comunicazione tra l'altro lato del Mississippi (Texas, Louisiana, Arkansas) e il resto della Confederazione. Potrebbe quindi continuare a beneficiare delle risorse di queste regioni fintanto che controlla la porzione del Mississippi tra Vicksburg e Port Hudson. Queste ultime due città diventerebbero contemporaneamente, per il Nord, obiettivi prioritari per il prossimo anno.

Fonti

- Articolo sulla battaglia di Baton Rouge e operazioni correlate.

- Riepilogo fattuale della battaglia di Baton Rouge.

- Articolo generale sulla battaglia.

- Versione digitale della rivista del nord Harper’s Weekly del 6 settembre 1862, riportando la battaglia di Baton Rouge.

- Resoconto dettagliato delle operazioni navali sul Mississippi, sia a valle che a monte.


Video: Benny Hinn Ministry Classic - Baton Rouge, LA 2003 (Potrebbe 2021).